Uno spettacolo indecente

Uno spettacolo indecente, che ci ha fatto rimpiangere - addirittura - i “caminetti” della Prima Repubblica e le crostate di casa Letta: la farsa andata in scena in questi giorni, dopo lo show renziano a reti unificate, nel quale il Bullo fiorentino annunciava il ritiro delle “sue” ministre dal Governo, è stata una delle peggiori mai messe in scena dalla politica italiana, che, con questa ultima performance, ha mostrato a tutto il mondo a quale livello infimo sia arrivata.

È vero, basterebbe ascoltare il Presidente del Consiglio, con i suoi discorsi pieni di banalità, di omissioni e di limpide bugie, per comprendere che siamo alla frutta, ma il mercato per la compravendita di qualche voto, da parte di personaggi che sono stati eletti proprio per combattere questo tipo di politica (e ci vuole davvero coraggio a definirla politica...) è stato da voltastomaco. Così come fanno rabbrividire alcuni cambi di campo, da parte di personaggi - pensiamo a Renata Polverini e alla senatrice Rossi - che hanno ricoperto, senza meriti, ma per mere congiunture favorevoli e per generose concessioni, ruoli di primissimo piano (una presidente della Regione Lazio, l’altra tesoriera di Forza Italia), per poi voltare le spalle a chi le aveva “create”, sostenute e accolte nel suo partito, ma anche a tutti gli italiani, che ora - anche grazie al loro voto favorevole - potrebbero dover subire (e probabilmente, con la complicità del Capo dello Stato, lo subiranno) l’avvocato Conte alla guida del Governo fino al 2023.

Sì, perché un esecutivo che non ha la maggioranza assoluta in un ramo del Parlamento (e, al Senato, Conte non ha i 161 voti necessari) dovrebbe andare a casa. Ma l’Europa delle banche e della finanza, insieme a tutti i potentati mondiali, vogliono l’esecutore Giuseppi a Palazzo Chigi e, dunque, Mattarella, che di quei potentati è espressione, lo terrà incollato alla poltrona di premier, a dispetto della volontà non solo del popolo, ma, a questo punto, dello stesso Parlamento.
Ormai, inutile negarlo, siamo in un regime vero e proprio, “giustificato”, si fa per dire, dalla pandemia: in realtà, alle banche e alla finanza serve Conte al Governo, affinché decidano loro come spendere i miliardi del Recovery Fund, che l’Europa ci elargisce a “generosi” tassi di interesse. Quindi, noi paghiamo e loro stabiliscono dove dobbiamo investire, così, poi, saranno loro a guadagnare.

È una vergogna assoluta, l’ennesima. Del resto, cosa possiamo aspettarci da un esecutivo che ci impone restrizioni, ci costringe a casa, ci dice se possiamo vedere parenti e amici e, nel caso, quanti e, poi, ci fa assistere, impotenti, allo spettacolo andato in scena alla Camera e al Senato, dove oltre ottocento parlamentari, più i membri del Governo, si sono accalcati per oltre dodici ore, uno vicino all’altro. Presidente Conte, ministro Speranza: ci state “torturando” da un anno con i divieti, ci avete detto che andare al ristorante è pericoloso, perché venti/trenta persone chiuse in una stanza possono trasmettersi il virus e, allora, perché non vietate le sedute in Parlamento, dove le persone chiuse nella stessa aula vanno dalle trecento alle cinquecento? E Lei, Presidente Mattarella, che ci invita un giorno sì e l’altro pure alla “responsabilità“, non ha nulla da dire a questi signori?

Nessuno dirà e farà niente, ma continueranno i divieti, che stanno uccidendo bar, ristoranti, hotel e turismo. Saranno macerie, sempre più, e stavolta ricostruire, dopo i danni del Governo Conte bis, sarà un’impresa davvero quasi impossibile.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

Cretini? Forse. Traditori? Possibile

di Adriano Tilgher

La nostra Italia vive un momento difficile, molto difficile. Ma le cause non sono solo la pandemia e la crisi economica che ne consegue è, anche e soprattutto, il modo di agire della nostra classe dirigente, sia politica che amministrativa che tecnica. Ancora non si è capito o si finge di non capire che il Covid e le sue varianti sono qualcosa con cui si deve convivere finché non si troveranno delle cure appropriate, che, a mio avviso, si sarebbero già trovate se si fosse dato seguito alle indicazioni dei tanti coraggiosi medici che sul campo hanno, in numerosi casi, sconfitto la malattia. Invece si è preferito dare seguito al leggendario “vaccino” che non solo ci è costato tanto, ma non risolve il problema, perché da sempre scarsamente efficace e soprattutto i suoi effetti, per il momento solamente lenitivi, decadono in tempi molto brevi.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

I biscotti di Korzybski

Primo dopoguerra, durante una lezione, all' "l'Institute of General Semantics," il suo fondatore il, filosofo e matematico polacco Alfred Korzybski si interruppe prese dalla sua borsa un pacchetto di biscotti avvolto in un foglio bianco e ne offrì agli studenti, dopo che molti avevano mangiato e gradito, Korzybski tolse il foglio bianco mostrando l'etichetta, sulla quale c'era scritto “biscotti per cani”. Gli studenti vedendo il pacchetto rimasero scioccati, alcuni si precipitarono verso i bagni tenendo le mani davanti alle bocca. L’inventore della “Semantica Generale” (GS) voleva dare dimostrazione pratica del fatto che gli esseri umani non si nutrono solo di cibo, ma anche di parole, in pratica è la lingua che determina la nostra visione del mondo. Ciò va a vantaggio di chi voglia operare una ridefinizione del mondo percepito tramite il linguaggio, come superbamente descritto da Orwell nel suo “1984”:

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.