Comunque vada, sarà un successo. Per Licio Gelli

Correva l’anno 1982, quando all’aeroporto di Fiumicino veniva fermata Maria Grazia Gelli, figlia del Venerabile Licio, capo della loggia massonica P2, di cui tanto si è detto e scritto negli anni. In una valigetta, Maria Grazia Gelli conservava un documento, denominato “Piano di rinascita democratica”, frutto, probabilmente, del lavoro delle menti più illuminate della loggia.

Si trattava di un programma molto articolato, nel quale si indicavano le priorità immediate per il Paese e quelle a medio e lungo termine. A rileggere oggi quel Piano vengono i brividi e, soprattutto, viene il dubbio che a scriverlo abbia contribuito anche un bravo cartomante, visto che molte delle idee avanzate in quel documento si sono tradotte, poi, in realtà.

Basti pensare alla necessità, indicata dal Piano, di formare nuovi partiti, organizzati per club: Forza Italia, che dal 1994 è uno dei più importanti movimenti politici italiani, è nato proprio così, articolandosi per club, foraggiati da Silvio Berlusconi. Certo, nelle previsioni di Gelli doveva esserci, almeno a parole, un certo rigore morale, che, a dire il vero, non è stato il tratto distintivo degli uomini di Forza Italia. “Tutti i promotori – si diceva – debbono essere inattaccabili per rigore morale, capacità, onestà…. Altrimenti il rigetto da parte della pubblica opinione è da ritenere inevitabile”. Su questo punto, evidentemente Gelli sbagliava: gli italiani sembrano essersi assuefatti a mascalzoni e incapaci, indifferentemente di destra, sinistra o centro.

Senza entrare troppo nel dettaglio, ricordiamo semplicemente che molte delle proposte contenute nel Piano hanno trovato applicazione negli anni o, comunque, sono state e sono al centro del dibattito politico: dalla creazione di un network di emittenti (sempre Berlusconi protagonista) alla drastica riduzione del ruolo della Rai; dal controllo dei maggiori quotidiani (ormai tutti asserviti ai potentati economico-finanziari) alla limitazione del diritto di sciopero; dalla separazione delle carriere dei magistrati allo scudo fiscale; dalla riforma del Parlamento all’abolizione del Senato (cavallo di battaglia di Matteo Renzi). E qui arriviamo al punto di maggiore attualità, quello di cui oggi parla tutto il Paese e che domenica prossima sarà oggetto di una consultazione referendaria: la riduzione del numero dei parlamentari.

Sì, perché oggi tutti cavalcano l’anti-politica, tutti si pronunciano a favore dell’abolizione del numero dei parlamentari, “perché la gente vuole così”, ma nessuno dice che il primo a indicare la necessità di tagliare il numero di onorevoli e senatori fu proprio il Venerabile Licio Gelli. E riteniamo che la sua idea non fosse esattamente quella di migliorare il nostro sistema democratico, quanto piuttosto quella di poter controllare meglio i legislatori..

Ecco, oggi, nel dare indicazioni ai cittadini prima del voto, i partiti dovrebbero ricordare chi è stato il “padrino” di questa legge definita anticasta, che in realtà va nella direzione opposta, ossia quella di favorire i pochi che comandano, i quali, con meno parlamentari, avranno un maggior controllo e, dunque, ancora più potere.

Si voterà, gli italiani sceglieranno probabilmente il sì e, se anche dovessero scegliere il no al taglio di onorevoli e senatori, tutti diranno di aver vinto. Sarà il solito teatrino post-elettorale e, alla fine, a perdere, come sempre, saranno soltanto i cittadini. L’unico trionfatore, che da lassù, guarderà divertito, sarà il Venerabile: comunque vada, i “suoi” temi e le “sue” proposte, scritti ormai quarant’anni fa, hanno vinto, senza se e senza ma.


Editoriale

 

Il ruolo dell'Italia - 4

di Adriano Tilgher

Patrimonio culturale immateriale, patrimonio culturale materiale, faro di cultura e di civiltà, posizione geopolitica e strategica fondamentale per l’equilibrio nel Mediterraneo in una nuova identità che nasca dal superamento di tutte le contraddizioni interne sono il presupposto per definire il ruolo finale dell’Italia. Non si tratta di egemonia mondiale di cui stiamo parlando perché questa sul piano culturale ci appartiene di diritto e ci è riconosciuta da tutti ed è la ragione principale per cui l’Italia è sotto attacco soprattutto nel campo della formazione. Non si tratta nemmeno di becero imperialismo imperniato sulla forza delle armi sotto l’egida e il ricatto della grande industria militare, stiamo parlando di qualcosa di molto più concreto, legato ai valori profondi dell’essere umano e delle comunità che riesce a costruire.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Più buio che a mezzanotte non viene

22 giugno 1946 entra in vigore il: “Decreto presidenziale di amnistia e indulto per reati (..), politici e militari”, avvenuti durante il periodo dell'"occupazione nazifascista". Legge proposta e varata da Palmiro Togliatti, segretario del PCI, e allora ministro di Grazia e Giustizia del primo governo De Gasperi. L'amnistia, che prenderà il nome dal suo promulgatore, aveva come scopo primario, quello di giungere quanto prima a una pacificazione nazionale, per evitare che l'"epurazione", degli ex fascisti rallentasse la ricostruzione materiale del paese. Con l'amnistia vennero scarcerati migliaia di detenuti che furono reinseriti senza troppo clamore nella cosiddetta "Società Civile". Stranamente (o forse no) alcuni degli ex prigionieri, arriveranno perfino a iscriversi al Partito Comunista, chi per convenienza, chi per continuare l’ideale battaglia de: "Il sangue contro l'oro",  in quanto (almeno a parole) vedevano nel PCI un argine ad una visione liberista del mondo, identificando più che nell'unione Sovietica il nemico in quegli Stati Uniti artefici di massacri e distruzione delle nostre città.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.