Lo scientismo dogmatico ha conquistato il governo e tutto il suo entourage

Una, a nostro avviso significativa, affermazione del presidente del consiglio, Giuseppe Conte, è stata: “…La disillusione è in grado di alimentare vere e proprie pulsioni antiscientifiche che, a loro volta, si riflettono contro quelle decisioni di governo per la gestione della pandemia che, per quanto sofferte, ricevono il sostegno della migliore evidenza scientifica, quantomeno quella disponibile in questo momento… Questa disillusione è in grado di alimentare vere e proprie pulsioni antiscientifiche, che si fondono con una radicale diffidenza nei confronti degli esperti (quelli cooptati dal governo)”.

Da questa dichiarazione si ricava che il nostro Giuseppi Conte, si è anche lui convertito alla idolatria della scienza, in quella deformazione ideologica comune del nostro tempo che ha fatto diventare la scienza come un oracolo moderno.

In realtà questa ideologia della scienza, a cui si è convertito anche tutto il fronte progressista e mondialista, si è trasformata in una sorta un comodo paravento ideologico che viene utilizzato per la manipolazione sociale e la propaganda per conto di coloro che controllano il mercato della salute o degli alimenti.

Questo si verifica per imporre i loro sistemi di controllo sanitario e per rendere più vendibili i loro prodotti, gli alimenti geneticamente modificati (OGM) oltre ai dispositivi medici e alle vaccinazioni obbligatorie che, presentate come salvifiche, consentono grandi profitti alle multinazionali del farmaco.

I grandi interessi dietro questa campagna di convincimento sulla ineluttabilità di sottoporsi ai rimedi scientifici creati vengono celati dietro intenzioni benefiche ed eventi di coinvolgimento del pubblico, quasi sempre sponsorizzati dai grandi persuasori occulti, esperti nella manipolazione mentale.

I finanziatori di queste campagne sono spacciati per filantropi, quando in realtà sono miliardari assatanati di potere e di profitti (vedi Bill Gates, il “missionario” dei vaccini, o Warren Buffet, il mago della finanza speculativa).

Nella dimensione reale della scienza diretta dall’uomo, piuttosto che in quella del falso scientismo dove l’uomo viene manipolato dalla scienza, la scienza autentica si basa su un metodo insensibile ai pregiudizi, quindi non basta che qualcuno scopra qualcosa; quello che si sperimenta, deve essere riproducibile e verificabile da altri. Questa dovrebbe essere la posizione di ogni persona.

In che cosa si differenzia quindi lo scientismo dogmatico? Sinteticamente nella convinzione che la scienza sia l’unica possibilità di conoscenza e l’unica fonte di speranza, che i suoi dogmi siano indiscutibili e obbligatori per tutti.

La visione dello scientismo ha permeato molte sfere, inclusa quella della salute e questo spiega perché stiamo assistendo a una medicalizzazione ingiustificabile del comportamento delle persone, una riduzione alla psichiatria ed alla genetica di quelli che sono i comportamenti umani.

Se crediamo di essere determinati dai nostri geni, di essere manipolabili attraverso farmaci psicotropi e che l’immagine del cervello spiega le nostre convinzioni, il come ci sentiamo o pensiamo, secondo il nuovo scientismo, non dipende da noi. In questa ideologia si trova la negazione della libertà e della responsabilità di ciascuno.

A medio termine, non si può escludere affatto una selezione positiva dei migliori geneticamente dotati; cosa che ricorda le aspirazioni di miglioramento dell’umanità tipiche di un sistema dove il controllo di massa e le terapie psicotiche sono la norma.

Il sistema di controllo dello scientismo, avvalendosi dei suoi comitati di esperti, in molti casi limita la creatività, unico stimolo del progresso scientifico. Si attribuisce valore soltanto a quello che affermano esperti e scienziati in linea con il potere, mentre gli scienziati non allineati vengono denigrati come “negazionisti”.

Il ministro Speranza: “La piazza dei negazionisti fa rabbrividire”. Gli stessi che avevano fatto chiudere ospedali e tagliato posti letto in nome dell’efficienza del mercato oggi ci raccontano che “bisogna difendere la sanità come un bene pubblico”.

La ricerca non condizionata dagli interessi dei gruppi dominanti è sempre più difficile. I ricercatori finiscono per essere canalizzati in linee ‘produttive’ determinate, i risultati verranno valutati in base al finanziamento accordato dagli sponsor, questo chiuderà il cerchio. Lo scientismo riesce così a soffocare la ricerca scientifica.

Gli effetti del trionfo dello scientismo dogmatico si vedono nella diffusione dell’ignoranza, soprattutto nelle nuove generazioni private della conoscenza fdi materie essenziali per la formazione critica quali la Storia, la Letteratura o la Filosofia.

Il sistema vuole un abbassamento del livello di cultura e in particolare un annichilimento del senso critico. Un obiettivo fondamentale per l’elite di potere. Se ne vedranno quanto prima gli effetti.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

Le riforme indispensabili

di Adriano Tilgher

L’Italia deve essere ricostruita dalle fondamenta, perché, ormai è una nazione che ha perso la sua ragion d’essere, soprattutto per aver smarrito il suo senso di appartenenza, la sua identità che nasce da una storia ed una cultura millenaria ed è cementata da una lingua fra le più ricche e le più studiate del mondo. Gli attacchi sistematici alle nostre istituzioni, come la scuola, la giustizia, la sanità… - un tempo punti fermi nei quali riconoscersi, copiate e imitate in tutto il mondo – le hanno ridotte a simulacro di sé stesse. Il tutto agevolato dall’insipienza e l’incapacità del ceto politico e della classe dirigente.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Il mal borghese

Prima Repubblica, prima che Mario Draghi, ed i suoi compagni di merende si facessero sicari dell'industria italiana, nell'immaginario collettivo, e nelle tv di stato, emergeva la figura del “self made man”, ci mostravano una borghesia, stereotipata, contrapposta ad una classe operaia ancora memore delle battaglie sindacali, degli scontri di piazza, piazza, che si legittimava con i festeggiamenti del primo maggio, che vedeva il metalmeccanico della Fiat, fieramente opposto al "Cummenda" della commedia all'italiana, fiero di indossare la "Tuta Blu" come giusta divisa da contrapporre allo stile borghese. Da sinistra il lavoratore rivendicava la lotta di classe, da destra, la socializzazione, il "ricco" anche quello che si era fatto da solo, veniva visto come diverso, e lungi dall'essere invidiato, veniva studiato per capirne e carpirne, le debolezze umane. Fra i mali criticati, l'ostentazione della ricchezza, la mancanza di empatia, la promiscuità sessuale, sino ad arrivare all'omosessualità, definita "Il Mal Borghese".

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.