Ama: le cartelle ai ristoratori romani sono una vergogna

Bisogna essere dei geni, dei veri e propri geni: inviare le cartelle con i conguagli della tassa sull’immondizia ai ristoratori – che, dopo tre mesi di chiusura forzata, a causa dell’emergenza sanitaria, adesso devono fronteggiare la mancanza di turisti e la conseguente, drammatica crisi di liquidità – è un’idea davvero straordinaria, che poteva saltare in testa soltanto a “scienziati” come i vertici dell’Ama, l’Azienda romana, che si dovrebbe occupare della raccolta e dello smaltimento dei rifiuti, oltre che del decoro urbano, garantendo una città pulita. Esattamente quello che l’Ama non fa da anni.

L’Ama e il Campidoglio, suo azionista, sembrano, però, essersi specializzati, negli ultimi anni, nella persecuzione dei cittadini della Capitale, con l’invio di onerose cartelle per il servizio (quale??) reso. Adesso, hanno deciso di tartassare i ristoratori romani, che in questi giorni stanno ricevendo conguagli letteralmente folli: si parla di cifre che, in alcuni casi, arrivano a decine di migliaia di euro.

Non entriamo nel merito di quanto richiesto. Certamente ci saranno i presupposti giuridici per avanzare tali pretese, ma soltanto dirigenti sciagurati e con il paraocchi possono avallare l’invio di cartelle tanto esose a una categoria messa in ginocchio dall’emergenza sanitaria e da un Governo sordo e cieco, che, invece di dare sostegno con denaro contante, ha riempito gli imprenditori del settore di promesse, che si sono rivelate pietose bugie.

Lo scenario attuale della Capitale è desolante, con ristoranti che, se va bene, lavorano al 50 per cento delle loro potenzialità, a causa delle norme igienico-sanitarie imposte: tutto giusto, tutto nel rispetto della precauzione, ma qualcuno dovrà pur comprendere che, così, il settore va verso una morte inesorabile. E, se muoiono le imprese della ristorazione, si portano nella tomba tutta una filiera che, prima del Covid, era orgoglio nazionale, oltre che punti di Pil.

Quello che sta avvenendo a Roma, insomma, è l’ennesima vergogna, a danno di una categoria produttiva, che rischia di essere affossata definitivamente. La domanda che ci facciamo è semplice: perché Ama non ricomincia a occuparsi della pulizia della città? Perché non svuota i cassonetti quotidianamente, così da evitare, tra l’altro, che intere famiglie rom vi facciano la “spesa” con bastoni di ferro, senza alcun rispetto delle norme igienico-sanitarie? Perché non ricomincia a pulire strade e marciapiedi, che sembrano percorsi di guerra, con oggetti abbandonati ovunque?

E’ vero, i cittadini, spesso, dimostrano di non avere a cuore la loro città. Ma il Campidoglio, l’Ama e i suoi dirigenti dimostrano di non comprendere il mondo in cui vivono. Dell’ex sindaco Marino si diceva che era un marziano a Roma. Visto quello che sta accadendo oggi, possiamo dire che non era il solo: molti altri marziani sembrano essere atterrati negli uffici dell’Ama e in quelli del Comune, che assiste passivo al massacro dei ristoranti capitolini.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L'Italia e i diktat

di Adriano Tilgher

Sono oltre 70 anni che l’Italia subisce i diktat altrui senza reagire, ma neanche mediare. Da quando il 25 aprile 1945 il nostro territorio è stato completamente occupato dalle truppe anglo-americane e la resa senza condizioni firmata di nascosto il 3 settembre del 1943 e resa pubblica l’8 settembre successivo è diventata un diktat imperativo con il trattato di Parigi del 1947, l’Italia è diventata una nazione a sovranità limitata con 20.000 soldati americani - forniti di ordigni nucleari, missili e armi sofisticatissime, in basi autonome ed indipendenti da qualsiasi controllo anche giudiziario - che occupano il nostro territorio, ancora oggi.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Attacca, Boia!

1952, Pinuccia, Diana, Lisetta e Tonini (Antonietta), le sorelle Nava, Soubrettes, attrici e cantanti, portano in palcoscenico una satira bonaria del fascismo e del suo Duce con uno spettacolo che mutuava il titolo da un verso dell'opera lirica Tosca: Dinanzi a lui... Tre Nava tutta Roma. Le 4 sorelle figlie di Brugnoletto, (nome d'arte attribuito da Trilussa a Giuseppe Ciocca) e della circense Giorgina Nava, durante il Regime facevano parte della compagnia Teatrale di Nino Taranto Nel 1945 sono al fianco di Carlo Campanini e Alberto Rabagliati in Pirulì Pirulì, spettacolo firmato dal duo Garinei e Giovannini. Sino agli anni 70 le sorelle Nava saranno impegnate oltre che sui palcoscenici di tutta Europa anche in radio, cinema e tv calcando il palcoscenico al fianco di artisti come Totò, Macario, Carlo Dapporto e Nino Manfredi. Pinuccia leader del gruppo e capocomico, iniziava ogni spettacolo dando il via all'orchestra al grido di Attacca, Boia!

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.