Votare in massa per mandare a casa Conte

Dopo aver capito che il rinvio del voto sarebbe stato impossibile, che anche un capo dello Stato silente come Mattarella sarebbe dovuto intervenire, per far rispettare un diritto fondamentale, il Governo ha cambiato strategia e adesso cerca, in tutti i modi, di tenere i cittadini lontano dalle urne. Un’affluenza molto bassa, infatti, non avrebbe conseguenze sul referendum per il taglio dei parlamentari (non essendo abrogativo, basta la maggioranza semplice), ma potrebbe essere decisiva, per garantire la vittoria al centrosinistra, in alcune delle Regioni in cui si voterà, evitando un “cappotto”, che sarebbe fatale al premier Conte.

Come noto, si devono eleggere i presidenti di Valle d’Aosta, Campania, Liguria, Marche, Puglia, Toscana e Veneto. La Valle d’Aosta, Regione a statuto speciale, fa storia a sé, mentre non è in discussione la vittoria di Zaia in Veneto. Difficilmente, poi, il centrosinistra, con un candidato debole come Sansa, vincerà in Liguria. Anche Marche e Puglia, secondo i sondaggi, vedranno la vittoria del centrodestra. Restano Toscana e Campania, dove, in teoria, non dovrebbe esserci partita, a favore del centrosinistra. Ma i dati che arrivano dalla Toscana parlano di un testa a testa tra centrodestra e centrosinistra, mentre in Campania il vantaggio di De Luca scende di giorno in giorno.

Le politiche messe in atto dal Governo, che ha dimenticato intere categorie produttive, dopo il lockdown, insieme alla pessima gestione della riapertura delle scuole, sposta, immancabilmente, l’ago della bilancia verso i partiti di opposizione. E, allora, ormai da settimane, Conte, i suoi ministri, gli esperti da “un tanto al chilo” e i giornaloni, pieni di penne amiche, ci fanno sapere che il Covid-19 è tornato a diffondersi, che gli assembramenti sono pericolosi o e che, dunque, recarsi in un seggio elettorale potrebbe rappresentare un pericolo. Nessuno lo dice apertamente, nessuno ha il coraggio di gettare la maschera (o la mascherina, fate voi), ma tutte le indicazioni hanno un solo senso: se state a casa è meglio.

Eppure, potete star certi che le truppe cammellate degli ex comunisti, soprattutto in una Regione importante come la Toscana, saranno tutte presenti ai seggi elettorali, per eseguire gli ordini di scuderia e votare i partiti e i partitini, che, a livello nazionale, sostengono il Governo Conte. Come avvenne a dicembre in Emilia Romagna, per la rielezione di Bonaccini, il giorno delle elezioni Renzi, Zingaretti, Speranza Di Maio e compagnia sotterreranno l’ascia di guerra, che mostrano ogni giorno, recitando una commedia, per votare uniti contro il centrodestra: la lezione dell’agosto 2019, quando fu eletto il Conte bis, ormai dovrebbe essere chiara a tutti.

Ecco, dunque, un buon motivo, affinché i cittadini delle sette Regioni chiamate al voto facciano uno sforzo e vadano in massa alle urne. Soltanto così, rifilando un sonoro schiaffo ai partiti che hanno dato vita a questo vergognoso esecutivo, composto da un premier inetto e da ministri incapaci e arroganti, potremo sperare di toglierceli finalmente dai piedi: hanno già fatto molti danni, forse troppi, ma dobbiamo assolutamente evitare che ne facciano altri. E il voto è l’unica arma che abbiamo.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L'antifascismo in assenza di Fascismo

di Adriano Tilgher

Davanti al nulla assoluto della loro presenza e capacità politica ed al loro squallido servilismo nei confronti dell’emissario dei potentati anti italiani, Draghi, tutti i partiti ed i sindacati hanno ritrovato ossigeno e una ragione per esserci nell’antifascismo. L’antifascismo è un rito antico, impostoci con il diktat di pace del 1947 da inglesi, americani, marocchini che ci hanno sconfitti ed occupati il 25 aprile 1945 e non se ne sono più andati. Un rito recepito dalla nostra costituzione nelle norme transitorie e finali che non transitano mai.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Sindacalismo Rivoluzionario

Settembre 1904 con il primo sciopero nazionale prende ufficialmente vita in Italia il "Sindacalismo Rivoluzionario", tra i principali ideologi il francese Georges Sorel e gli italiani Arturo Labriola e Enrico Leone. Il principio fondamentale del sindacalismo rivoluzionario era l'indipendenza sindacale nei confronti sia dei partiti politici che dello Stato. Inizialmente nasce come corrente di sinistra in seno al Partito Socialista per poi distaccarsene nel congresso di Ferrara del 1907, per avviare un lavoro sindacale autonomo, dapprima nelle campagne emiliane, poi nei centri industriali del Nord, e nelle miniere di Puglia e Toscana. I suoi organizzatori più attivi furono Alceste De Ambris e Filippo Corridoni. Nel 1907 a Parma nasce la CGdL, su una idea di Alceste de Ambris. Nel 1912 Filippo Corridoni ed altri, spaccano il movimento creando l'(USI), l'Unione Sindacale Italiana, che aumentò il proprio peso politico diffondendosi specialmente a Milano.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.