È questo Governo la vera emergenza del Paese

Lo stato di emergenza, nel nostro Paese, è stato dunque prorogato fino al 15 ottobre: ha vinto la linea del premier Conte, che avrebbe voluto allungarlo addirittura fino a tutto il 2020. Il Covid-19 ha perso gran parte della sua virulenza, il numero dei morti fortunatamente si è ridotto ai minimi termini, tutti cerchiamo di tornare a una vita normale, ma il Governo continua ad agitare questo spauracchio, imponendo, grazie a un Parlamento complice e a un Capo dello Stato silente, altri mesi di stato di emergenza.

“Il virus continua a circolare”, ci spiega con aria grave il ministro della Salute, Speranza, e non abbiamo dubbi sul fatto che dica la verità. Ma le malattie che affliggono l’umanità sono molteplici e le cause di morte altrettanto varie: non per questo, prima del Coronavirus, abbiamo passato le nostre giornate tappati in casa, cercando di evitare polmoniti, tumori, infarti, incidenti stradali. Il Covid-19, insomma, è stato, sì, un flagello, soprattutto in alcune zone d’Italia e per alcune fasce di popolazione, ma ora, come ci spiegano esimi professori, non è più così pericoloso. E, soprattutto, dobbiamo abituarci a convivere col virus, si trovi o no il vaccino. In una situazione di questo tipo, insomma, lo stato di emergenza non ha più senso. 

Le terapie intensive, che a marzo-aprile erano stracolme, adesso sono vuote e davvero non si vede un motivo valido per questa decisione voluta da Governo e Parlamento. O, forse, sì, una ragione si intuisce: mantenere questo stato di cose attribuisce a un esecutivo oggettivamente debole un potere straordinario e, soprattutto, lo mette al riparo da stravolgimenti. Chi si prenderebbe la briga di mettere in discussione, ad esempio, il capo del Governo, durante lo stato di emergenza? Tutt’al più, potrà andare in scena il rimpasto già annunciato, con l’ingresso di Zingaretti, come ministro dell’Interno e vicepremier.

Il sospetto che il prolungamento dello stato di emergenza nasconda interessi particolari non è un’ipotesi da bar, ma è quello che pensano anche alcuni scienziati, letteralmente basiti di fronte a questa scelta. Il professor Matteo Bassetti, direttore della clinica di Malattie infettive dell’Ospedale San Martino di Genova, è molto chiaro: “Al gioco di terrorizzare la gente io non ci sto. Ad aprile ero il primo a dire che le cose andavano male, ma è altrettanto vero che oggi dobbiamo dire che la malattia è diversa. Chi dice che non dobbiamo dirlo vuol fare della censura. Io sono per una comunicazione libera. Perché succedono queste cose? Magari c’è stata la voglia di qualcuno di coprire con il catastrofismo alcune decisioni. Non riesco a comprendere: dovremmo essere tutti contenti della situazione attuale. Non riesce a passare l’idea che i contagiati non devono essere considerati come malati. Noi non possiamo dire cosa succedeva a febbraio, marzo e aprile perché in quel periodo c’era un errore di fondo: non avevamo la capacità di fare tamponi come la abbiamo oggi. Chissà quante migliaia o milioni di persone erano contagiate a quei tempi. Guardando i nostri ospedali non siamo in una situazione di emergenza. Purtroppo in casa nostra c’è un gruppo di persone, forte, che ha l’interesse che si mantenga questo stato di cose: è evidente che c’è una fazione molto grande a cui fa piacere mantenere lo stato d’emergenza”. 

Parole gravi, che ovviamente non compaiono sui giornaloni e che vengono silenziate dalle tv di regime: il professor Bassetti, ospite fisso delle diverse televisioni durante il lockdown, non si vede e non si sente più, se non su qualche radio indipendente. Ma lui, come il professor Zangrillo, il primo a dire che l’emergenza non c’è più, non rinunciano a far sentire la loro voce. Il problema è che ciò che dicono non piace agli attuali padroni del vapore, ai quali la paura da Coronavirus serve come l’aria, per mantenere le loro superpagate poltrone: dal premier ai ministri, dai superconsulenti agli esperti, passando per i tuttologi di regime, sono in molti a “tifare” per il virus.

Tutti questi signori, però, dimenticano la tragedia di chi è stato massacrato dalla chiusura della sua attività e alla riapertura non ha avuto alcun sostegno dallo Stato. Il tessuto economico del nostro Paese è al collasso, i settori dell’ospitalità e del turismo - motori dell’economia - stanno morendo e la premiata ditta “Conte&company” finge di non vedere, dedicandosi esclusivamente a salvare seggiola e stipendio. È uno scandalo, che rischia di avere conseguenze devastanti sotto il profilo sociale già a settembre: o lo Stato interviene subito o milioni di persone, in autunno, saranno sull’orlo della povertà. La vera emergenza del Paese è questo esecutivo, che cerca di coprire col Coronavirus tutte le sue bugie e la sua totale inadeguatezza: prima andrà a casa, prima l’Italia comincerà a risollevarsi. 


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

Riconquistare la sovranità

di Adriano Tilgher

Vedo un sistema di potere drammatico, anzi, addirittura tragico per le prospettive di vita che ci lascia intravvedere e che addirittura, in parte, annuncia. Poi mi accorgo che inizia a manifestarsi una complessa volontà di opposizione, talvolta anche radicale, ma che si agita scompostamente sia, per fortuna, con idee valide ma il più delle volte senza una prospettiva reale di lotta e di confronto che rischia di annullare tutti gli enormi sforzi che si producono.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Destra divina che è dentro di noi

Dall'archivio di "Strano ma Nero" voglio far uscire alcune perle che sono sicuro susciteranno stupore (e indignazione) in molti lettori, voglio parlare di un uomo che Pietrangelo Buttafuoco ha definito "Il più ruvido incazzoso squadrista che mai calendario abbia potuto avere”, Francesco Forgione, meglio conosciuto come San Pio da Pietrelcina. Forgione nasce a Pietrelcina, provincia di Benevento, il 25 maggio 1887.  Il 22 gennaio 1903, a sedici anni, entra in convento e da francescano cappuccino prende il nome di fra Pio. Diventa sacerdote sette anni dopo, il 10 agosto 1910. Nel 1916 i superiori pensano di trasferirlo a San Giovanni Rotondo e qui, nel convento di S. Maria delle Grazie, ha inizio per Padre Pio una straordinaria avventura di taumaturgo e apostolo del confessionale. Il 20 settembre 1918 il cappuccino riceve le stimmate della Passione che resteranno aperte, dolorose e sanguinanti per ben cinquant’anni.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.