Zingaretti al Governo, Lazio al voto?

La notizia era trapelata alla fine di giugno, ma in pochi l’avevano presa sul serio: Nicola Zingaretti entrerà al Governo e, dunque, in autunno nel Lazio si tornerà al voto, per eleggere il presidente della Regione. I soliti bene informati di via Cristoforo Colombo si erano affrettati subito a smentire, dicendo che Zingaretti ha già tanto da fare col ruolo di segretario del Pd e che un conto è la Regione, dove può delegare al vice-presidente, ma ministro proprio no, l’impegno sarebbe troppo gravoso.

Da qualche giorno, però, nei corridoi della Pisana non si parla d’altro. Sarebbe stato lo stesso Zingaretti, infatti, ad anticipare questo passaggio: per rafforzare l’esecutivo nazionale, sempre più traballante, e per dare un senso vero al Pd nel Governo, che non sia solo quello legato alle poltrone, il fratello del commissario Montalbano è pronto a entrare come vicepremier, occupando, al tempo stesso, la stanza che fu di Salvini al Viminale.

La notizia di Zingaretti ministro dell’Interno e vicepresidente del Consiglio ha scatenato il panico non solo tra gli abitanti delle cittadine costiere, che temono una corposa ripresa dell’immigrazione selvaggia, ma anche e soprattutto tra i consiglieri regionali del Lazio: se Zinga diventasse ministro avrebbe novanta giorni per lasciare la Regione Lazio, dove poi si tornerebbe al voto.

Così, quella banda di nullafacenti che occupa le dorate poltrone del Consiglio regionale si troverebbe, a brevissimo, a correre per riottenere l’agognata seggiola, con scarsissime possibilità di riuscita. I consiglieri dell’attuale maggioranza, infatti, sarebbero catapultati quasi certamente all’opposizione, con posti ridotti di oltre la metà, mentre quelli dell’attuale (finta) opposizione difficilmente sarebbero rieletti, visto che in questi anni sono scesi a patti col Governatore, Nicola Zingaretti, infischiandosene dei reali interessi della comunità.

Resta da vedere, adesso, se quello che si mormora nei corridoi regionali si verificherà. Certo è che Zingaretti ha bisogno di dare un segnale forte, perché se la sua tattica di non muovere paglia ha pagato in Regione, grazie appunto a un’opposizione facilmente addomesticabile, a livello nazionale le critiche nei suoi confronti sono feroci. Il Pd è subalterno al Movimento 5Stelle, ne subisce qualsiasi decisione e la base del partito è in rivolta, tanto che è già stato fatto il nome di un possibile successore di Zingaretti al Nazareno, vale a dire Stefano Bonaccini, attuale Governatore dell’Emilia Romagna.

Zingaretti al Governo, con un doppio ruolo tanto importante, blinderebbe, da una parte, l’esecutivo e, dall’altra, sé stesso alla segreteria del Pd. A rimetterci, oltre ai consiglieri regionali del Lazio, che comunque non suscitano alcuna pena, sarebbero, tanto per cambiare, i cittadini italiani: dopo i danni fatti nel Lazio, possiamo star certi che Zingaretti al ministero dell’Interno sarebbe una vera sciagura.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

Il cappio al collo

Di Adriano Tilgher

Un vero cappio quello che il “salvatore dell’Italia”, Mario Draghi, ci sta mettendo al collo con le linee guida per l’utilizzo degli oltre 200 miliardi che stanno arrivando dalla UE. Questi soldi, non solo indebiteranno le nostre future generazioni, ma sono vincolati sia nell’utilizzo, che alle riforme da attuare. Utilizzo e riforme potentemente condizionati dalla volontà dei tecnocrati di Bruxelles. Su queste basi si muovono sia la riforma Cartabia della giustizia, in parte inutile perché non tocca temi fondamentali, quali la separazione delle carriere ed altro, in parte dannosa, perché restringe i margini del giusto processo, sia la legge Zan, una legge che discrimina, penalizza, diventa fonte di odio.

 

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Carlo Vichi - imprenditore, genio e galantuomo

“Il futuro non è più quello di una volta” (Paul Valery)

21 ottobre 1422 con la morte di Carlo VI di Francia detto "Il folle" viene pronunciata per la prima volta una locuzione universalmente riconosciuta, utilizzata per annunciare la morte di un sovrano e contemporaneamente annunciarne un successore. «Le Roi est mort, vive le Roi!», (Il Re è morto, lunga vita al Re!). Il 2 giugno 1992, nel porto di Civitavecchia il panfilo personale della Regina Elisabetta, Il Royal Yacht “Britannia”, era in attesa di imbarcare importanti ospiti per una minicrociera verso l’isola del Giglio. Su quel panfilo, fu decisa la privatizzazione dell’Italia e la progressiva distruzione dell'imprenditoria Nazionale. A bordo, oltre a finanzieri banchieri e dirigenti di multinazionali, un noto comico italiano, che pochi anni dopo fonderà un partito Politico con l'intento di intercettare un’eventuale dissenso a questa strategia. Ad introdurre il consesso, l'allora direttore generale del Tesoro Mario Draghi. Fu lui ad aprire i lavori, con una relazione introduttiva sui costi e i vantaggi delle privatizzazioni. La piccola e media impresa Nazionale deve essere aiutata nelle pratiche di fallimento, e svenduta sul mercato internazionale. Il nostro paese ha dato natali ad imprenditori visionari e spesso controcorrente, fra i tanti pensiamo ad Adriano Olivetti o Gaetano Marzotto, uomini semplici, "Self-made man", come canonizzato dalla cultura Statunitense. Uno degli ultimi eroi dell'imprenditoria Italiana, un bastian contrario, come piace a noi, si è spento nella sua città adottiva Milano circa un mese fa, il 20 settembre 2021, all’età di 98 anni, Carlo Vichi, leader indiscusso delle Tv a tubo catodico, che con la sua M.I.V.A.R. negli anni 80 e 90, entrò praticamente in tutte le case degli italiani, offrendo un prodotto economico ed allo stesso tempo tecnologicamente all'avanguardia.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.