Conte, Zingaretti e la realtà virtuale

“Deve passare il messaggio, forte e chiaro, che noi le tasse le abbiamo già tagliate”. Durante l’ennesima passerella in un ospedale romano, con telecamere e servitù pseudogiornalistica al seguito, Nicola Zingaretti, presidente della Regione Lazio, nonché segretario del Partito Democratico, è intervenuto a gamba tesa nel dibattito in corso all’interno del Governo, sulla riduzione dell’Iva, dell’Irpef o, comunque, di una delle innumerevoli imposte che gravano sulla busta paga e sulle prestazioni professionali dei lavoratori, sui beni di consumo e, più in generale, su tutto ciò che ci circonda. Tasse ovunque, palesi o nascoste, ma sempre tasse, in cambio dei “meravigliosi” servizi che ci rende lo Stato.

Quella in atto, dunque, secondo Zingaretti, è una discussione superflua, perché questo efficientissimo Governo giallorosso ha già abbattuto le imposte. Allora, la domanda è d’obbligo: Zingaretti sta bene? Il caldo improvviso ha fatto la prima vittima? Domanda più che lecita, perché – al di là della propaganda e dei “faremo” – questo esecutivo, in meno di un anno, ha già prodotto danni gravissimi al sistema Italia e certo nessuno ha ravvisato questo abbassamento delle tasse. Piuttosto, soprattutto dopo il blocco delle attività imposto durante l’emergenza Coronavirus, sarebbe stato necessario sospendere tutti i pagamenti almeno per l’intero 2020, cosa che Conte e i suoi ministri si sono ben guardati dal fare.

Il problema, per rispondere alla domanda su Zingaretti, è che il fratello del commissario Montalbano sta benissimo: nessun colpo di sole. Semplicemente, sfoggia la solita faccia tosta, già dimostrata in centinaia di occasioni, a partire da quando formò il Governo con i 5Stelle, dopo aver dichiarato pubblicamente pochi giorni prima che, mai e poi mai, il Pd si sarebbe alleato con i grillini. Zingaretti mente sapendo di mentire e la stampa e le tv di regime rilanciano il suo messaggio, come se fosse vero.

Conte, Zingaretti e l’esecutivo, ecco il punto, vivono in una realtà virtuale, in un film, che si snoda tra Palazzo Chigi, i ministeri e le sedi di partito, nel quale questi signori lavorano alacremente per il bene degli italiani, mettono a punto provvedimenti fondamentali e migliorano la nostra qualità della nostra vita. Peccato che, soprattutto dopo il blocco delle attività, l’economia sia in ginocchio e le misure assunte dal Governo sono addirittura ridicole. Per non parlare dell’Inps, con un presidente, tal Tridico, che sarebbe comico, se non fosse responsabile di aver promesso soldi a tutti gli italiani, senza però farli mai arrivare.

In buona sostanza, Conte, Zingaretti e compagnia proseguono con le loro menzogne, non avendo compreso che, a breve, il Paese esploderà. Probabilmente lo capiranno a settembre, quando si voterà in alcune Regioni e i loro partiti verranno ridotti all’irrilevanza. Settembre, però, in queste condizioni, è lontano: la Cassa integrazione non arriva, i bonus alle partite Iva sono dispersi nei computer dell’Inps, hotel, bar e ristoranti sono costretti a lavorare al 20/30 per cento delle loro potenzialità e molti, di questo passo, per reperire denaro liquido, dovranno rivolgersi alla criminalità organizzata, se non lo hanno già fatto.

Chiusi nel Palazzo, nella loro realtà virtuale, Conte e Zingaretti assistono impassibili alla distruzione della nostra amata Italia, che è poi ciò che vogliono i loro “padroni” europei: gli stessi che hanno esultato per la nascita del Conte bis. Da queste colonne lanciammo subito l’allarme, ma oggi il perché di tanto entusiasmo per il “Giuseppi” versione giallorossa è chiaro a tutti: vogliono prendersi l’Italia a costo zero e ci riusciranno, se non sarà sfrattata subito la banda che ci (mal)governa.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L'antifascismo in assenza di Fascismo

di Adriano Tilgher

Davanti al nulla assoluto della loro presenza e capacità politica ed al loro squallido servilismo nei confronti dell’emissario dei potentati anti italiani, Draghi, tutti i partiti ed i sindacati hanno ritrovato ossigeno e una ragione per esserci nell’antifascismo. L’antifascismo è un rito antico, impostoci con il diktat di pace del 1947 da inglesi, americani, marocchini che ci hanno sconfitti ed occupati il 25 aprile 1945 e non se ne sono più andati. Un rito recepito dalla nostra costituzione nelle norme transitorie e finali che non transitano mai.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Sindacalismo Rivoluzionario

Settembre 1904 con il primo sciopero nazionale prende ufficialmente vita in Italia il "Sindacalismo Rivoluzionario", tra i principali ideologi il francese Georges Sorel e gli italiani Arturo Labriola e Enrico Leone. Il principio fondamentale del sindacalismo rivoluzionario era l'indipendenza sindacale nei confronti sia dei partiti politici che dello Stato. Inizialmente nasce come corrente di sinistra in seno al Partito Socialista per poi distaccarsene nel congresso di Ferrara del 1907, per avviare un lavoro sindacale autonomo, dapprima nelle campagne emiliane, poi nei centri industriali del Nord, e nelle miniere di Puglia e Toscana. I suoi organizzatori più attivi furono Alceste De Ambris e Filippo Corridoni. Nel 1907 a Parma nasce la CGdL, su una idea di Alceste de Ambris. Nel 1912 Filippo Corridoni ed altri, spaccano il movimento creando l'(USI), l'Unione Sindacale Italiana, che aumentò il proprio peso politico diffondendosi specialmente a Milano.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.