Basta con questo governo arrogante e inadeguato

Parole, parole, parole: il premier Conte, i suoi ministri e i capi politici della maggioranza governativa, finora, ci hanno riempito di promesse. “Siamo in un’emergenza straordinaria - hanno detto, a turno e a più riprese - e metteremo in campo tutto il possibile per sostenere economicamente chi è stato danneggiato dal blocco delle attività, chi ha perso il lavoro e chi, in un modo o nell’altro, è entrato in difficoltà “. Bene, a distanza di due settimane dal 9 marzo - giorno in cui Conte ha annunciato che tutto il Paese era “zona rossa” per la pandemia del coronavirus - non è stato fatto praticamente nulla per aiutare i cittadini. E quel poco che c’è non è chiaro, non si capisce e crea disagi e malintesi.
Pensiamo, in primis, ad Agenzia delle Entrate Riscossione, con la quale ognuno di noi ha fatto i conti. Ci sono in ballo la rottamazione, il saldo e stralcio, le rateizzazioni, le nuove cartelle e nessuno ha mai detto in modo chiaro che, fino al 31 maggio, è tutto sospeso. Bisogna interpretare uno dei tanti decreti legge del Governo o andare a visitare il sito di Agenzia delle Entrate, dove, comunque, il concetto non è espresso in modo inequivocabile. Perché non scrivere, a caratteri ben visibili a tutti, che le cartelle non vanno pagate fino al 31 maggio? Sarebbe troppo facile e, soprattutto, non sarebbe in linea con il concetto che ha questo governo del cittadino: un bancomat da usare fino a che non esce l’ultimo centesimo. E lasciare uno spiraglio all’equivoco fa in modo che i più sprovveduti continuino a pagare.


Stesso discorso per le categorie massacrate dal blocco delle diverse attività: da quindici giorni almeno non incassano un euro (e in molti casi continuano a pagare i dipendenti), ma non hanno avuto alcun aiuto dallo Stato. Pensate, ad esempio, ai tassisti: il loro volume di affari è praticamente azzerato, ma se hanno le rate della macchina da pagare devono continuare a farlo. E l’assicurazione? Si era detto che sarebbe stata rinnovata automaticamente per almeno un mese, ma le pressioni della lobby delle compagnie assicurative ha indotto il governo a fare retromarcia e a dare, così, solo una proroga di quindici giorni, equivalente al nulla assoluto.

 
Ecco, con quali soldi un tassista pagherà rate della macchina e assicurazione? Possibile che nessuno, tra gli “scienziati” che affiancano Conte, ci abbia pensato? Il ministro dell’Economia - che recentemente si è fatto eleggere deputato a Roma, in un’elezione suppletiva blindata, perché da ministro guadagnava troppo poco - cos’ha in mente per venire incontro alle esigenze di questi e di tutti gli altri cittadini ridotti allo stremo? Parole, soltanto parole.


Fortunatamente, anche il capo dello Stato si è accorto dell’inadeguatezza di questo governo, che va di pari passo a una straordinaria arroganza: così, Mattarella ha invitato il premier a consultare le opposizioni, in un momento di emergenza totale del Paese. Conte lo ha fatto, ma siamo certi che continuerà a procedere a colpi di parole, annunci e nulla più. E, allora, resta solo da augurarci che i “boatos” del Palazzo - secondo i quali sarebbe già pronto un esecutivo di salvezza nazionale - non restino vuote indiscrezioni. Nella speranza che - se davvero dovesse nascere un governo di questo tipo - si guardi, per una volta, agli interessi della comunità, per far ripartire l’Italia, appena sarà possibile.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

Vuoi lavorare? "Green Pass"

di Adriano Tilgher

E’ l’ultima trovata anglofona di Mario Draghi e del suo “magnifico” governo di impenitenti “leccapile” dei potenti del mondo. Ma quanto sono bravi! Quanto sono intelligenti! Come tutti sappiamo, nella schifosissima società liberista il dogma supremo sono gli “affari” e i principi base, come in tutte le società di diritto mafioso, sono “gli affari sono affari” e “nulla di personale sono solo affari”; in nome di questi principi si legittimano tutti i crimini del mondo dagli omicidi alle stragi, dai sequestri di cose e di persone alle rapine, dalle truffe alle estorsioni, ricatti furti e chi più ne ha, ne metta.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

La morte ha fatto l'uovo

1968 uno dei registi più sperimentali del cinema Italiano Giulio Questi, realizza un film Horror Thriller con venature erotiche, La morte ha fatto l'uovo, la trama del film veramente agghiacciante si dipana intorno a Marco, un dirigente d'azienda dal fare intellettuale dipendente economicamente dalla moglie, una ricca imprenditrice di pollame, finirà cibo per le galline dopo essere finito in un tritacarne. Nel pezzo di 2 settimane fa, scritto nelle ore precedenti alle manifestazioni del popolo "No Green Pass", avevo ipotizzato una carriera da mago, oracolo o similare, nel caso avessi indovinato un'eventuale recrudescenza, di stato di polizia, e di equiparazione, “No Vax-Terrorismo”. Puntuale come la morte, arrivano i primi arresti, e la fabbrica di fango necessaria per dare il via ad una nuova strategia della tensione.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.