In Campania il "modello Ruotolo"

Lo chiamano già il “modello Ruotolo”, riferendosi alla “straordinaria” affermazione del giornalista Sandro Ruotolo alle elezioni suppletive in un collegio senatoriale di Napoli. L’ex inviato di Santoro, insieme al quale si occupava non dei problemi del Paese, ma di quelli giudiziari di Berlusconi, ricamandoci sopra intere trasmissioni, ha sbaragliato la concorrenza, grazie all’appoggio del sindaco di Napoli, De Magistris, del Pd, di Italia Viva di Renzi, dei comunisti vecchi e nuovi e chi più ne ha più ne metta. A cementare questa unione non è stato il programma del prestigioso candidato, ma un collante che va di moda da settant’anni e più: l’antifascismo.

Il popolo ha risposto entusiasta all’appello del sindaco e di tutti coloro che sostenevano Ruotolo: alle urne si è presentato addirittura il 9 per cento degli aventi diritto. Ci siamo scordati uno zero? No, abbiamo scritto bene: 9 (nove) per cento. In pratica, hanno votato solo i fedelissimi del sindaco e del Pd, mentre gli altri cittadini sono rimasti a casa.

Ruotolo e De Magistris, però, probabilmente non lo hanno saputo, perché da lunedì imperversano sui giornaloni, alla radio e in tv, esaltando, appunto, il “modello Ruotolo”. “Quello che è avvenuto a Napoli - ha detto trionfante il giornalista baffuto - dev’essere replicato per le elezioni regionali in Campania: è questo il modo per sconfiggere la destra”. E il sindaco De Magistris ha aggiunto: “Ci dobbiamo sedere intorno a un tavolo, cercando di portare con noi anche i 5Stelle, perché in questo momento storico non possiamo permetterci di lasciar fuori qualcuno soltanto perché ha idee diverse dalle nostre: dobbiamo fare uno sforzo per restare uniti”. Tradotto: tutti insieme per battere Salvini e il centrodestra, malgrado l’esperienza del governo nazionale dimostri come sinistra e 5Stelle insieme siamo capaci di creare solo disastri.

Prepariamoci, dunque, a sorbirci ancora per qualche mese la beatificazione del “modello Ruotolo”, da parte di tutti i commentatori e gli editorialisti, i quali ci spiegheranno che Ruotolo è stato eletto per il suo impegno civile, per la sua lotta alla camorra, che lo costringe a vivere sotto scorta, eccetera eccetera.
Frasi che abbiamo sentito decine, centinaia di volte anche per Saviano e altre icone della cultura (cultura?) di sinistra. Siamo stufi, davvero, di questi partigiani dell’informazione, che ci raccontano una realtà che non esiste, come se fossimo tutti incapaci di intendere e di volere. Ruotolo è stato eletto, in quel collegio di Napoli, col voto clientelare di De Magistris e Pd e con l’astensione di quasi tutti gli altri elettori. Questa è la verità. Il resto sono solo chiacchiere e rese dei conti interne a una sinistra dilaniata, che in Campania vive uno scontro feroce tra il sindaco De Magistris e il governatore della Regione, De Luca. Il quale, ovviamente, si vuole ricandidare. Ma De Magistris, grazie ai media compiacenti, per fermarlo gli sbatte in faccia il “modello Ruotolo”, l’unico in grado di frenare i consensi della destra di Salvini.

L’auspicio è che, chiunque vinca, tra De Magistris e De Luca, alle urne venga, poi, sconfitto dal candidato del centrodestra. L’esperienza ci insegna che anche a destra, più di una volta, ci sono state sonore delusioni. Ma in Campania certamente non potrà fare peggio di chi, nel 2020, ha come programma l’antifascismo e l’odio per Salvini.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

Vuoi lavorare? "Green Pass"

di Adriano Tilgher

E’ l’ultima trovata anglofona di Mario Draghi e del suo “magnifico” governo di impenitenti “leccapile” dei potenti del mondo. Ma quanto sono bravi! Quanto sono intelligenti! Come tutti sappiamo, nella schifosissima società liberista il dogma supremo sono gli “affari” e i principi base, come in tutte le società di diritto mafioso, sono “gli affari sono affari” e “nulla di personale sono solo affari”; in nome di questi principi si legittimano tutti i crimini del mondo dagli omicidi alle stragi, dai sequestri di cose e di persone alle rapine, dalle truffe alle estorsioni, ricatti furti e chi più ne ha, ne metta.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

La morte ha fatto l'uovo

1968 uno dei registi più sperimentali del cinema Italiano Giulio Questi, realizza un film Horror Thriller con venature erotiche, La morte ha fatto l'uovo, la trama del film veramente agghiacciante si dipana intorno a Marco, un dirigente d'azienda dal fare intellettuale dipendente economicamente dalla moglie, una ricca imprenditrice di pollame, finirà cibo per le galline dopo essere finito in un tritacarne. Nel pezzo di 2 settimane fa, scritto nelle ore precedenti alle manifestazioni del popolo "No Green Pass", avevo ipotizzato una carriera da mago, oracolo o similare, nel caso avessi indovinato un'eventuale recrudescenza, di stato di polizia, e di equiparazione, “No Vax-Terrorismo”. Puntuale come la morte, arrivano i primi arresti, e la fabbrica di fango necessaria per dare il via ad una nuova strategia della tensione.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.