Le nomine RAI e il delirio PD

Il deputato del Pd Michele Anzaldi è, all’interno del suo partito, uno dei massimi esperti di comunicazione e, per questo motivo, è membro e segretario della Commissione di Vigilanza Rai. L’onorevole Anzaldi, però, negli ultimi decenni probabilmente ha vissuto molto lontano dall’Italia, perché qualche giorno fa ha presentato un esposto alla Corte dei Conti e all’Anticorruzione, denunciando un danno erariale prodotto, a suo dire, dalle recenti nomine nelle testate giornalistiche della Rai.


Chiariamo subito: a nostro giudizio, in Rai c’è, anche a livello di telegiornali e giornali radio, un caos totale, con sovrapposizioni indecenti e un numero spropositato di giornalisti, con superminimi, aumenti “ad personam” e quant’altro davvero vergognosi. Ma questo non è certo colpa del governo gialloverde, come denuncia Anzaldi, ma, appunto, di decenni di lottizzazione delle posizioni, dirigenziali e non, delle testate giornalistiche Rai. Nella prima Repubblica erano lottizzate addirittura le assunzioni: là manca un giornalista del Pri, qua uno della Dc, lì uno del PSDI. E si procedeva di conseguenza. Poi, nella seconda Repubblica, si è guardato soprattutto ai direttori e ai vicedirettori, molto spesso assunti dall’esterno. Proprio quello che Anzaldi oggi imputa alla Rai “targata” M5S e Lega, accusandola di aver chiamato due esterni nelle testate giornalistiche.


Insomma, sembra di essere su “Scherzi a parte”: un esponente del partito che, negli ultimi anni, ha fatto danni in serie in Rai, con infornate di amici degli amici, oggi denuncia che in Rai si stanno sprecando soldi, perché sono stati assunti due esterni.


Scusi, onorevole Anzaldi, ma lei sa che il suo padrone (ex?) Renzi ha voluto, a suo tempo, come direttore generale il “genio” Campo Dall’Orto, strappato a Mtv grazie a uno stipendio da capogiro e alla possibilità di avere al suo fianco il dottor Rossi, anche lui convinto a trasferirsi a Roma, grazie all’assunzione come dirigente? E lo sa che, una volta cacciato Campo Dall’Orto, che aveva fallito su tutta la linea, il dottor Rossi è stato mantenuto in Rai, perché assunto a tempo indeterminato?


Ecco, signori del Pd, prima di parlare di Rai, pensateci bene. E, ora che si discute del contratto di Fazio, qualcuno di voi si è già alzato per difenderlo, per evitare il trasferimento da RaiUno a RaiTre. Anche qui: prudenza. Il contratto di Fazio è uno scandalo, come la sua trasmissione, un mero marchettificio, che perde ascolti di serata in serata. Difendere una vergogna di questo tipo potrebbe essere un altro boomerang.


Editoriale

 

Il ruolo dell'Italia - 2

di Adriano Tilgher

Abbiamo definito, nell’articolo del 10 novembre, le modalità di risveglio e ripresa delle capacità intrinseche del nostro popolo, da me definite come patrimonio immateriale, la cui conservazione e trasmissione alle nuove generazioni è ancora possibile, nonostante sia sotto attacco da parte di potenze straniere che utilizzano traditori nostrani, frequentemente allocati anche in ruoli di governo. Questa definizione è fondamentale perché chiarisce le prime cose da realizzare immediatamente, ovvero salvaguardare e trasferire quell’enorme patrimonio impalpabile ma di straordinaria potenza, per riacquistare per l’Italia quel ruolo fondamentale che ci è stato assegnato dalla storia e dalla collocazione geografica.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

The Damiano Horror Picture Show

Novembre del 1974, due ragazzi Brad e Janet partecipano al matrimonio di amici, al termine del quale Brad chiede a Janet di sposarlo. Lei accetta e decidono di comunicare questa loro decisione al loro mentore, ed ex docente universitario, il Dr. Scott. I due partono in auto per recarsi all'abitazione dell'insegnante. Durante il tragitto però vengono colpiti da un forte temporale e si perdono nei boschi, per giunta bucheranno una gomma, proprio mentre all'autoradio ascoltano la voce di Nixon che annuncia le proprie dimissioni da presidente degli Stati Uniti. Abbandonata la vettura seguono le luci di un'abitazione lontana, luci che scopriranno appartenere ad un castello. Vengono accolti da due domestici il maggiordomo Riff Raff, e la domestica Magenta, e accompagnati nel salone principale dove è in corso una festa. Janet spaventata chiederà di andarsene, quando le musiche si interrompono per l'arrivo del padrone di casa il dottor Frank-N-Furter. Questo è l'incipit del Cult Movie "The Rocky Horror Picture Show", diretto da Jim Sharman e tratto dall'omonimo spettacolo teatrale di Richard O'Brien, che qui ricoprirà anche il ruolo di sceneggiatore e di interprete nel ruolo di Riff Raff. Nella classifica dei migliori "cult movies" della storia del cinema, stilata nel 2003 dalla rivista "Entertainment Weekly", "The Rocky Horror Picture Show", si piazza al primo posto. Nel 2005 è stato scelto per la conservazione nel National Film Registry della Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.