RECENSIONI: Nascita dell'ideologia politicamente corretta

Una riflessione sistematica sulla genesi e lo sviluppo del pensiero politicamente corretto è stata esposta dal professore Eugenio Capozzi nel libro Politicamente corretto, Storia di un’ideologia (Marsilio Editori, 2018).  È un lavoro minuzioso con una ricca bibliografia di riferimento, un testo necessario per comprendere il mondo contemporaneo e la radicalità del politically correct. Ci soffermiamo su due punti fondamentali esposti nel testo, il primo riguarda la genesi del progressismo esasperato. Scrive Capozzi

“Quando, a partire dai medi anni cinquanta –con la morte di Stalin, le rivelazioni sui crimini del regime, l’invasione sovietica dell’Ungheria-, la forza attrattiva del modello comunista cominciò a declinare, le aspirazioni dei progressisti alla realizzazione del ‹‹paradiso in terra›› cercarono nuove vie, nuovi modelli e oggetti su cui concentrarsi. Nella società del benessere, con la prima generazione di giovani cresciuta nella pace e nella sicurezza sociale (i cosiddetti baby boomers), il progressismo conobbe una profonda trasformazione: nel giro di pochi anni il suo obiettivo si spostò dall’orizzonte socio-economico a quello culturale.”

La sovrastruttura, l’ideologia, assorbì del tutto la struttura, i rapporti economici. Così a partire

“Dagli anni cinquanta e sessanta del Novecento quell’ideale di redenzione si ampliò e radicalizzò, indicando come ostacolo da abbattere non più soltanto il capitalismo, ma la civiltà occidentale in sé e per sé, il suo modello di vita, la sua cultura, le sue tradizioni.”

Il nemico da abbattere diventava

“L’‹‹uomo bianco››, conquistatore e schiavista, devoto al sacrificio e alla produzione, repressore di ogni slancio creativo e differenza, era il nemico della liberazione umana, il freno al vero progresso verso un mondo più giusto e felice.”

Tutto ciò che lega l’uomo alla sua storia, alla sua tradizione, alla sua cultura, diventa ontologicamente maligno in quanto ostacolo al disvelarsi del progresso, della vera felicità. Le minoranze etniche e sessuali diventano moderni ‹‹messia›› da idolatrare, il neo-progressismo assume la forma di una religione secolare e in quanto tale ha dei dogmi: i confini e le identità non esistono (confini nazionali, confini sessuali). Tipica di una religione monoteista che accetta una sola verità, la sua, è l’intolleranza. Per l’ideologia politicamente corretta il mondo è diviso nettamente in due parti: i buoni che desiderano la società aperta e i cattivi, ovvero coloro
che non condividono la visione del mondo progressista, persone cattive, perché rifiutano il bene che la società arcobaleno offre.

Arriviamo al secondo punto. I sostenitori dell’ideologia politicamente corretta sono talmente convinti di professare la “religione giusta” che per razionalizzare il rifiuto di chi non accetta le loro idee, arrivano ad una “patologizzazione del dissenso”. In sostanza chi mette in discussione le idee progressiste ha un solo nemico: si trova nella sua mente. Non possono esserci discorsi razionali ma puramente emotivi, scrive Capozzi

“Il politicamente corretto fa appello soprattutto a un’adesione di tipo esistenziale ed emotiva, prima che filosofico-politica: si propone attraverso formule, termini, categorie che suscitino un’immediata partecipazione a principi presentati come evidenze indubitabili di tipo intuitivo. Cerca di imporre l’idea che quei principi così solari potrebbero essere contestati soltanto da persone insensibili, fredde, ‹‹cattive››.”

Ed è per questo motivo che

“Non solo la propaganda, la retorica, la pedagogia civile generati dalla nuova ideologia rivestono, nel suo progetto di società, un’importanza cruciale; esse si caratterizzano anche per un’impostazione severa, rigoristica, manichea. Partono dall’idea che, una volta rilevata, la verità insita nella dottrina debba fisiologicamente venire accettata da tutti, e che le voci dissenzienti non possano che essere attribuite a una persistente, inspiegabile incapacità di comprensione razionale o una sorta di perversione diabolica, a un ostinato rifiuto delle ‹‹magnifiche sorti e progressive›› derivanti dall’affermazione dei nuovi paradigmi culturali.”
Per propagandare tali idee –che ripetiamo ancora una volta, fanno leva sull’emotività dell’individuo- i mezzi prediletti e più persuasivi soprattutto per far presa sui più giovani sono i film, le serie tv, le canzoni e contenuti veicolati attraverso il web e i social network.
Il libro di Capozzi affronta tanti temi, colpevolizzazione dell’Occidente, la teoria gender, l’antiumanesimo ambientalista, fino ad arrivare alla Silicon Valley, un libro fondamentale per comprendere l’ideologia politicamente corretta, che oggi rappresenta una nuova forma di totalitarismo.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L'antifascismo in assenza di Fascismo

di Adriano Tilgher

Davanti al nulla assoluto della loro presenza e capacità politica ed al loro squallido servilismo nei confronti dell’emissario dei potentati anti italiani, Draghi, tutti i partiti ed i sindacati hanno ritrovato ossigeno e una ragione per esserci nell’antifascismo. L’antifascismo è un rito antico, impostoci con il diktat di pace del 1947 da inglesi, americani, marocchini che ci hanno sconfitti ed occupati il 25 aprile 1945 e non se ne sono più andati. Un rito recepito dalla nostra costituzione nelle norme transitorie e finali che non transitano mai.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Sindacalismo Rivoluzionario

Settembre 1904 con il primo sciopero nazionale prende ufficialmente vita in Italia il "Sindacalismo Rivoluzionario", tra i principali ideologi il francese Georges Sorel e gli italiani Arturo Labriola e Enrico Leone. Il principio fondamentale del sindacalismo rivoluzionario era l'indipendenza sindacale nei confronti sia dei partiti politici che dello Stato. Inizialmente nasce come corrente di sinistra in seno al Partito Socialista per poi distaccarsene nel congresso di Ferrara del 1907, per avviare un lavoro sindacale autonomo, dapprima nelle campagne emiliane, poi nei centri industriali del Nord, e nelle miniere di Puglia e Toscana. I suoi organizzatori più attivi furono Alceste De Ambris e Filippo Corridoni. Nel 1907 a Parma nasce la CGdL, su una idea di Alceste de Ambris. Nel 1912 Filippo Corridoni ed altri, spaccano il movimento creando l'(USI), l'Unione Sindacale Italiana, che aumentò il proprio peso politico diffondendosi specialmente a Milano.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.