Intervista a Esteban Montenegro di Nomos

Pubblichiamo una interessantissima intervista a Esteban Montenegro, uno dei responsabili di Nomos, realtà dell'Argentina dedicata agli studi e alla diffusione del pensiero politico alternativo, a cura di Andrea Virga, nell'ottica di una condivisione di idee e proposte culturali al di fuori dei confini nazionali, uno degli obiettivi che fieramente ci impegniamo a portare a compimento.

1) Presenta te stesso e la tua organizzazione: come è articolata, da quando esiste e qual è la sua dimensione.

In primo luogo, vi ringraziamo per l’intervista e inviamo il nostro più caldo saluto al popolo italiano, che sta attraversando un momento difficile. Il mio nome è Esteban Montenegro, sono uno dei responsabili dell’attività editoriale di Nomos, gruppo di studi dedicato alla diffusione e alla pubblicazione del pensiero politico alternativo. La nostra formazione si situa a metà strada tra la filosofia e la geopolitica, benché non ci limitiamo a ciò che si produce strettamente in questi campi. Diciamo che ci interessa applicare una prospettiva multidisciplinare che parta dalla nostra situazione nel mondo e che tragga da essa il proprio filo condutore. Ciò detto, non riteniamo che la distinzione centro-periferia segni una discontinuità insuperabile, ragion per cui abbozziamo molte delle nostre riflessioni in dialogo con autori europei. Nel nostro catalogo contiamo sui nomi di Diego Fusaro, Alain de Benoist e Aleksandr Dugin, autori praticamente sconosciuti nel nostro Paese prima che iniziassimo questo lavoro.

Nomos esiste da metà del 2018 e ha come cassa di risonanza un gran numero di giovani con formazion accademica nelle discipline sopramenzionate e in ampi settori di militanza politica e sindacale locale. Sebbene questi si trovino dispersi per il Paese, il nucleo operativo di Nomos è a Buenos Aires e consta di 15-20 persone, ciascuna con un ruolo funzionale distinto. Bisogna chiarire che non siamo un gruppo politico tradizionale, ragion per cui non puntiamo ad aumentare il numero di membri, ma ad arrivare a più lettori con le nostre pubblicazioni. Superando le nostre stesse aspettative, abbiamo venduto migliaia di libri di pensatori considerati “maledetti” dalla stampa egemone e riceviamo ogni mese migliaia di visite sul nostro sito web, dove offriamo anche articoli nostri e traduzioni inedite.

2) Quali sono le vostre principali radici e ispirazioni ideali, e il vostro paradigma politico?

Oltre al comune interesse per gli autori europei che pubblichiamo, concordiamo anche sulla lettura dei classici della Konservative Revolution tedesca (Schmitt, Spengler, Jünger, ecc.) e il gusto per le fonti della filosofia occidentale. Però fondamentalmente condividiamo una formazione legata al pensiero e alla filosofia nazionale del nostro Paese e la necessità di recuperare i suoi contributi, tanto validi quanto dimenticati. Ci riferiamo a Carlos Astrada [1894-1970] e Nimio de Anquín [1896-1979] a livello di filosofia, e a Juan Enrique Guglialmelli [1917-1983] e Norberto Ceresole [1943-2003], per la geopolitica, solo per nominarne alcuni. Inoltre, tanto la nostra storia personale quanto le nostre elaborazioni teoriche si inseriscono nell’orizzonte simbolico del peronismo, che, al di là della sua dottrina (non sempre studiata) , configura una matrice storica di possibilità filosofico-politiche che eccedono di molto quanto scritto.

3) Come vedete la situazione politica in Argentina, e quali sono le principali sfide che dovete affrontare? Quanto rimane dell’eredità politica di Perón?

La situazione argentina è sempre preoccupante perché siamo una nazione incompiuta, che non ha ancora forme istituzionali che permettano di indirizzare le sue potenzialità in un senso ascendente o, per lo meno, costante. A ciò si aggiunge una realtà sociale molto deteriorata e una struttura economica dipendente. Questa è una situazione comune a tutta la «Nostra America», come la chiamava Martí.

L’elemento peculiare del nostro Paese è il peronismo, che esprime ancora oggi un ampio ventaglio di organizzazioni politiche, sindacali e sociali diverse, ma con una memoria più o meno comune come base. L’eredità politica di Perón sta nel popolo stesso, così come aveva chiarito lui stesso. Sarebbe un errore ridurla a dirigenze specifiche. Semmai avviene il contrario, ci sono dirigenze specifiche che vanno legittimandosi nel suo lascito collettivo, con risultati diversi a seconda del caso. Oggi c’è un nuovo governo che si regge sull’unità di tutti gli attori istituzionali e partitici che si identificano con il peronismo. A pochi mesi dall’insediamento sta affrontando una pandemia e una crisi economica molto dura, paragonabile a quella che attraversammo nel 2001. A giudicare dai disastri che si vedono in altre latitudini, sta prendendo misure corrette. Altro non possiamo dire al momento.

Per chi non conosce la situazione dall’interno, possiamo accennare qualche carattere vago e generale. Si potrebbe dire che l’attuale dirigenza peronista possieda una strategia gradualista, distinta da quella di Perón, che consistette nel varare misure strutturali fin dal primo momento. Questo si può mostrare adeguato in tempo di normalità, se si espone in maniera intelligente, poiché permette di superare la “restrizione esterna” con nuovi negoziati sul debito estero e una crescita del PIL che annacqui il suo costo reale. Ma dato che la crisi aumenta il rischio sistemico, è probabile che la realtà ci obblighi a dare qualche “colpo di timone” – ragione per cui i settori di responsabilità istituzionale devono analizzare i distinti scenari e le misure possibili adeguate ad essi. Improvvisare in tempi normali ha un costo, ma in situazioni critiche può essere letale.

Come Nomos, la nostra sfida principale di fronte all’attualità politica è intervenirvi concettualmente in forma indiretta, per illuminare le possibilità latenti nelle nostre tradizioni politiche che orientino la presa di decisioni in funzione dell’interesse e della realtà nazionale, e distanti dalle esigenze ormai scadute dell’egemonia liberale, sia questa proposta da destra (neoliberista) o da sinistra (progressista).

4) Come vedete la situazione dell’America Latina e quali sono le vostre prospettive di integrazione continentale?

La situazione continentale presenta una seria mancanza di stabilità politica come risultato dell’assenza di pianificazione strategica nelle classi dirigenti, determinata dall’opportunismo e dalla promozione di interessi economici che attentano al bene comune. Quando le crisi diventano insopportabili, certe rivolte e piazzate inorganiche scuotono lo status quo, ma solo per dare luogo a nuove forme di gestione dei vecchi interessi. In alcuni Paesi, la decomposizione sociale che tutto questo provoca ha portato a situazioni dove strutture parassitarie marginali sostituiscono le funzioni essenziali che lo Stato ha trascurato e rappresentano de facto la frammentazione territoriale del suo potere. Poiché la pandemia andrà ad aggravare questo scenario, la situazione acquisisce contorni drammatici.

Nemmeno le prospettive immediate d’integrazione sono buone. Sebbene l’orizzonte continentale sia il quadro più appropriato che si possa immaginare per concepire lo sviluppo totale della potenza della Nostra America, quel che è certo è che nell’immediato i forum regionali vanno sostenendo proposte che tengono a stabilire trattati di libero commercio perniciosi per le industrie locali. Recentemente, l’Argentina ha posto al limite della rottura del Mercosur il rifiuto a piegarsi a questo tipo di proposte. Il che mostra che la Realpolitik va sempre di pari passo con le intenzioni ideologiche che ci portiamo dietro. L’unità continentale non può andar contro l’unità nazionale né contro gli interessi propria a ciascuno Stato membro. In caso contrario, replicheremmo l’esperimento antidemocratico dell’Unione Europea, dove gli interessi determinanti sono quelli del potere economico. Dobbiamo tendere all’integrazione, però questo non può costituire una regola astratta generale, valida in qualsiasi forma e in qualsiasi caso. Purtroppo, in generale l’Idea di unità continentale non parte dallo studio della realtà, ma da una semplice espressione di desiderio. In questo senso, è molto quello che c’è ancora da fare.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L'antifascismo in assenza di Fascismo

di Adriano Tilgher

Davanti al nulla assoluto della loro presenza e capacità politica ed al loro squallido servilismo nei confronti dell’emissario dei potentati anti italiani, Draghi, tutti i partiti ed i sindacati hanno ritrovato ossigeno e una ragione per esserci nell’antifascismo. L’antifascismo è un rito antico, impostoci con il diktat di pace del 1947 da inglesi, americani, marocchini che ci hanno sconfitti ed occupati il 25 aprile 1945 e non se ne sono più andati. Un rito recepito dalla nostra costituzione nelle norme transitorie e finali che non transitano mai.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Sindacalismo Rivoluzionario

Settembre 1904 con il primo sciopero nazionale prende ufficialmente vita in Italia il "Sindacalismo Rivoluzionario", tra i principali ideologi il francese Georges Sorel e gli italiani Arturo Labriola e Enrico Leone. Il principio fondamentale del sindacalismo rivoluzionario era l'indipendenza sindacale nei confronti sia dei partiti politici che dello Stato. Inizialmente nasce come corrente di sinistra in seno al Partito Socialista per poi distaccarsene nel congresso di Ferrara del 1907, per avviare un lavoro sindacale autonomo, dapprima nelle campagne emiliane, poi nei centri industriali del Nord, e nelle miniere di Puglia e Toscana. I suoi organizzatori più attivi furono Alceste De Ambris e Filippo Corridoni. Nel 1907 a Parma nasce la CGdL, su una idea di Alceste de Ambris. Nel 1912 Filippo Corridoni ed altri, spaccano il movimento creando l'(USI), l'Unione Sindacale Italiana, che aumentò il proprio peso politico diffondendosi specialmente a Milano.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.