Frontex: un fallimento della “solidarietà” europea

Quando si parla di immigrazione, il rischio è sempre di trovarsi a commentare notizie prevalentemente non supportate dai fatti, pressapochismo ed improvvisazione. Semplici e comodi slogan acchiappa voti la fanno da padrone, senza la necessaria profondità per affrontare il problema.

Oltre al messaggio che i costi dei “richiedenti asilo” (ex profughi), vengono pagati dall'Europa, niente di piu' sbagliato e falso, anche il toccare il tasto degli accordi internazionali genera sempre levate di scudi, sia dalle fronde pro che anti immigrazione.

Proviamo a riassumere. La missione “Mare Nostrum”, interamente condotta e finanziata dall'Italia, comincia a trasformarsi nell'operazione “Triton”, nell'agosto del 2014. Le ratifiche dei protocolli “Frontex” (Agenzia europea per la gestione della cooperazione operativa alle frontiere esterne degli Stati membri dell'Unione europea, responsabile per l'operazione “Triton”), riguardanti i protocolli applicabili per l'operazione Triton, sono dell'Ottobre del 2014. L'operazione Triton, parte ufficialmente dal primo Novembre 2014.

Nello stesso periodo, il governo Renzi era in carica e l'Italia presiedeva la presidenza del Consiglio UE dal 1 luglio al 31 dicembre 2014. Quindi, tutti gli accordi stipulati, lo sono stati quando alle leve di controllo erano presenti nostri rappresentanti, ai livelli apicali. Ma cosa prevedevano gli accordi degli addendum? In poche parole, il protocollo Triton, prevedeva che lo sbarco di tutte le persone raccolte in mare debba essere effettuato esclusivamente in Italia. E’ espressamente vietato sbarcare i “richiedenti asilo” in altri paesi. L’unica eccezione e’ Malta, per motivi eccezionali, legati alla sicurezza dei “naufraghi” e per eventi che possono avvenire in prossimità del paese. Su questi fatti, le posizioni sono diverse.

Alti membri del governo in carica del tempo, dichiararono che l'Italia voleva fortemente ricoprire una posizione centrale nel coordinamento delle operazioni e nella raccolta dei “richiedenti asilo” e sarebbe stata tradita dalle promesse di ridistribuzione in Europa degli stessi. Altre fonti attribuiscono l'ininfluenza italiana al tavolo delle trattative, in cambio di possibilità di spesa in deficit, concessa dall'Europa. Altro punto, non a favore di tesi complottiste sugli “80 Euro”, ma solo un dato di fatto: gli accordi europei sulla ridistribuzione, riguardavano solo i rifugiati, riconosciuti tali ed escludeva i “migranti economici”, come ebbe a ricordarci, in tempi non lontanissimi Macron.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L'Italia e i diktat

di Adriano Tilgher

Sono oltre 70 anni che l’Italia subisce i diktat altrui senza reagire, ma neanche mediare. Da quando il 25 aprile 1945 il nostro territorio è stato completamente occupato dalle truppe anglo-americane e la resa senza condizioni firmata di nascosto il 3 settembre del 1943 e resa pubblica l’8 settembre successivo è diventata un diktat imperativo con il trattato di Parigi del 1947, l’Italia è diventata una nazione a sovranità limitata con 20.000 soldati americani - forniti di ordigni nucleari, missili e armi sofisticatissime, in basi autonome ed indipendenti da qualsiasi controllo anche giudiziario - che occupano il nostro territorio, ancora oggi.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Attacca, Boia!

1952, Pinuccia, Diana, Lisetta e Tonini (Antonietta), le sorelle Nava, Soubrettes, attrici e cantanti, portano in palcoscenico una satira bonaria del fascismo e del suo Duce con uno spettacolo che mutuava il titolo da un verso dell'opera lirica Tosca: Dinanzi a lui... Tre Nava tutta Roma. Le 4 sorelle figlie di Brugnoletto, (nome d'arte attribuito da Trilussa a Giuseppe Ciocca) e della circense Giorgina Nava, durante il Regime facevano parte della compagnia Teatrale di Nino Taranto Nel 1945 sono al fianco di Carlo Campanini e Alberto Rabagliati in Pirulì Pirulì, spettacolo firmato dal duo Garinei e Giovannini. Sino agli anni 70 le sorelle Nava saranno impegnate oltre che sui palcoscenici di tutta Europa anche in radio, cinema e tv calcando il palcoscenico al fianco di artisti come Totò, Macario, Carlo Dapporto e Nino Manfredi. Pinuccia leader del gruppo e capocomico, iniziava ogni spettacolo dando il via all'orchestra al grido di Attacca, Boia!

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.