Il punto sull'esercito europeo

Si stanno compiendo in questi ultimi tempi i primi passi della formazione del futuro Esercito Europeo, complice la Brexit con l'uscita di scena della Gran Bretagna storica nemica dell'idea.

Sono ormai innumerevoli i progetti di partnership fra le varie aziende nel campo della difesa sul suolo europeo. Uno dei massimi risultati di queste partnership è stato sicuramente il caccia multiruolo Tornado. Il 13 novembre 2017 l’Unione europea, pressata dalle tendenze isolazionistiche di Trump, dalla Brexit e da Macron, si è ufficialmente dotata di una Struttura permanente di difesa (PeSCo, Permanent Structured Cooperation). Tramite questo accordo, successivamente rinvigorito il 7 dicembre con l’ingresso di Irlanda e Portogallo, che non avevano aderito alla prima ratifica, viene segnato un passo significativo verso la creazione di una forza di difesa comune istituendo anche il Fondo Europeo per la Difesa.

Nel 2018 si è arrivati a raggiungere un nuovo importante traguardo. La sonnacchiosa Agenzia Europea per la Difesa è riuscita a battere un colpo assegnando a Leonardo-Finmeccanica il primo e più importante bando di gara per il settore della difesa europea. Il team OCEAN2020 guidato da Leonardo è riuscito a vincere la gara d'appalto garantendo lo sviluppo di un programma di ricerca e sviluppo per la sicurezza marina proponendo soluzioni innovative ed all'avanguardia che mostrano le capacità del gruppo italiano. Secondo difesaonline.it OCEAN2020 si propone come un innovativo programma di coordinamento di velivoli senza pilota di diverso tipo (ala fissa, ala rotante, superficie e subacquee) con il centro di comando e controllo delle unità navali, prevedendo lo scambio dati via satellite con centri di comando e controllo a terra. Nell’ambito del progetto sarà anche dimostrato l’impiego congiunto e cooperativo di piattaforme con e senza pilota. Tali capacità innovative saranno impiegate per missioni di sorveglianza e interdizione marittima. OCEAN2020 prevede, infatti, oltre a complesse simulazioni, due dimostrazioni reali di operazioni di sorveglianza e interdizione marittima condotte da flotte europee con impiego di sistemi aerei, di superficie e subacquei. La prima dimostrazione, pianificata nel 2019 nel Mediterraneo, sarà coordinata dalla Marina Militare Italiana, e vedrà gli elicotteri senza pilota di Leonardo, Hero e Solo, operare da unità navali italiane e cooperare con i sistemi di altri partner europei. La seconda dimostrazione, pianificata nel 2020 nel Baltico, sarà coordinata dalla Marina Militare svedese.

Su un altro versante nel 2017, Germania, Repubblica Ceca e Romania, hanno annunciato l’integrazione delle loro forze armate. L’intero esercito della Romania non si unirà alla Bundeswehr, né le forze armate ceche diventeranno una semplice divisione tedesca. Ma nei prossimi mesi, ciascun paese integrerà una brigata nelle forze armate tedesche: l’81esima Brigata meccanizzata della Romania si unirà alla Divisione delle forze di risposta rapida della Bundeswehr, mentre la 4a Brigata di dispiegamento rapido della Repubblica Ceca, che ha servito in Afghanistan e in Kosovo ed è considerata la punta di lancia dell’esercito ceco, diventerà parte della Decima divisione blindata tedesca. Così facendo, seguiranno le orme di due brigate olandesi, una delle quali è già entrata a far parte della Divisione delle forze di risposta rapida, mentre l’altra è stata integrata nella Prima divisione blindata della Bundeswehr e gettando le basi di una rete di "mini-eserciti" pronti per la Germania da mettere sul piatto della difesa europea.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L'Italia e i diktat

di Adriano Tilgher

Sono oltre 70 anni che l’Italia subisce i diktat altrui senza reagire, ma neanche mediare. Da quando il 25 aprile 1945 il nostro territorio è stato completamente occupato dalle truppe anglo-americane e la resa senza condizioni firmata di nascosto il 3 settembre del 1943 e resa pubblica l’8 settembre successivo è diventata un diktat imperativo con il trattato di Parigi del 1947, l’Italia è diventata una nazione a sovranità limitata con 20.000 soldati americani - forniti di ordigni nucleari, missili e armi sofisticatissime, in basi autonome ed indipendenti da qualsiasi controllo anche giudiziario - che occupano il nostro territorio, ancora oggi.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Attacca, Boia!

1952, Pinuccia, Diana, Lisetta e Tonini (Antonietta), le sorelle Nava, Soubrettes, attrici e cantanti, portano in palcoscenico una satira bonaria del fascismo e del suo Duce con uno spettacolo che mutuava il titolo da un verso dell'opera lirica Tosca: Dinanzi a lui... Tre Nava tutta Roma. Le 4 sorelle figlie di Brugnoletto, (nome d'arte attribuito da Trilussa a Giuseppe Ciocca) e della circense Giorgina Nava, durante il Regime facevano parte della compagnia Teatrale di Nino Taranto Nel 1945 sono al fianco di Carlo Campanini e Alberto Rabagliati in Pirulì Pirulì, spettacolo firmato dal duo Garinei e Giovannini. Sino agli anni 70 le sorelle Nava saranno impegnate oltre che sui palcoscenici di tutta Europa anche in radio, cinema e tv calcando il palcoscenico al fianco di artisti come Totò, Macario, Carlo Dapporto e Nino Manfredi. Pinuccia leader del gruppo e capocomico, iniziava ogni spettacolo dando il via all'orchestra al grido di Attacca, Boia!

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.