Europa

Europa, tra paradossi e banche sempre più lontana da tutti noi

Quale ruolo avranno i grandi fondi d’investimento e le lobby trasversali nella politica europea.

L’Europa dovrebbe uscire dalla vita dei suoi cittadini?

Possibile che debba avere voce in capitolo su come coltivare i nostri campi, su come produrre i nostri vini e i nostri formaggi, su cosa pescare nei nostri mari e su come educare i nostri bambini?

Possibile che questa Europa vieti gli aiuti di Stato e poi imponga allo stesso Stato di governare le conseguenze, che la paghi l’Europa la cassa integrazione ai nostri operai, quando, causa il mancato aiuto di Stato, le fabbriche chiudono.

L’Europa, invece che un’unione di Stati con fini comuni e condivisi, sta diventando oggi più che mai un’aggregazione finanziaria, grazie alla quale alcuni Paesi economicamente più forti come la Germania e la Francia traggono beneficio economico da un mercato protetto, sfruttando gli strumenti delle quote e dei divieti per sopravanzare le economie di tutti gli altri Paesi.

L’Europa decide su tutto, ma sulle questioni importanti come il problema immigrazione non riesce mai a mettersi d’accordo.
Questo soggetto politico e istituzionale che permea con le sue decisioni sulla la vita di tutti sta fallendo su tutta la linea.
Siamo sicuri che l’Europa non ci costi direttamente e indirettamente più di quanto ci dia?
C’è ancora realmente motivo, viste le enormi disparità di trattamento tra Paesi membri, di perseguire un ideale comune?

L’aspetto economico-finanziario ha prevalso su quello politico, questa è la triste realtà di cui tutti noi cittadini dell’unione dobbiamo renderci tristamente conto. E allora ecco i grandi fondi d’ investimento a farla da padrone anche in Italia ritagliandosi un ruolo importante nel reperimento dei fondi per la prossima campagna elettorale.
L’ennesima dimostrazione è in corso proprio in questi giorni. L’“eminenza grigia” di Renzi, ovvero Marco Carrai, si sta dannando l’anima per portare in Italia alcuni fondi di Wadi Ventures, il cui quartier generale è a Tel Aviv.

Carrai è da tempo molto vicino a Wadi Ventures, i cui due fondatori sono Jonathan Pacifici e Reuven Ulmansky. Tra i partner, però, c’è anche Marco Bernabè, figlio di quel Franco Bernabè già socio in alcune iniziative dello stesso Carrai. A quanto sembra l’“eminenza grigia” renziana si sta muovendo tra le principali società di gestione del risparmio italiane attive nel venture capital per convincerle a prendere sotto il loro cappello alcuni fondi di Wadi Ventures.

Questi appoggi indiretti hanno tristemente sempre di più un’influenza enorme nel panorama politico europeo legittimando o screditando le cariche di Governo nazionali anche e soprattutto in una classe politica traballante come quella italiana.

Dimostrazione palese è che la burocrazia di Bruxelles grazie all‘incesto tra fondi di investimento e lobby trasversali abbia talvolta imposto norme assurde e, soprattutto, che lobby nazionali o di settore abbiano ottenuto l’emanazione di regolamenti a favore loro e a sfavore della concorrenza appoggiate incondizionatamente dai Governi nazionali in carica.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L'Italia e i diktat

di Adriano Tilgher

Sono oltre 70 anni che l’Italia subisce i diktat altrui senza reagire, ma neanche mediare. Da quando il 25 aprile 1945 il nostro territorio è stato completamente occupato dalle truppe anglo-americane e la resa senza condizioni firmata di nascosto il 3 settembre del 1943 e resa pubblica l’8 settembre successivo è diventata un diktat imperativo con il trattato di Parigi del 1947, l’Italia è diventata una nazione a sovranità limitata con 20.000 soldati americani - forniti di ordigni nucleari, missili e armi sofisticatissime, in basi autonome ed indipendenti da qualsiasi controllo anche giudiziario - che occupano il nostro territorio, ancora oggi.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Attacca, Boia!

1952, Pinuccia, Diana, Lisetta e Tonini (Antonietta), le sorelle Nava, Soubrettes, attrici e cantanti, portano in palcoscenico una satira bonaria del fascismo e del suo Duce con uno spettacolo che mutuava il titolo da un verso dell'opera lirica Tosca: Dinanzi a lui... Tre Nava tutta Roma. Le 4 sorelle figlie di Brugnoletto, (nome d'arte attribuito da Trilussa a Giuseppe Ciocca) e della circense Giorgina Nava, durante il Regime facevano parte della compagnia Teatrale di Nino Taranto Nel 1945 sono al fianco di Carlo Campanini e Alberto Rabagliati in Pirulì Pirulì, spettacolo firmato dal duo Garinei e Giovannini. Sino agli anni 70 le sorelle Nava saranno impegnate oltre che sui palcoscenici di tutta Europa anche in radio, cinema e tv calcando il palcoscenico al fianco di artisti come Totò, Macario, Carlo Dapporto e Nino Manfredi. Pinuccia leader del gruppo e capocomico, iniziava ogni spettacolo dando il via all'orchestra al grido di Attacca, Boia!

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.