Europa

Europa, tra paradossi e banche sempre più lontana da tutti noi

Quale ruolo avranno i grandi fondi d’investimento e le lobby trasversali nella politica europea.

L’Europa dovrebbe uscire dalla vita dei suoi cittadini?

Possibile che debba avere voce in capitolo su come coltivare i nostri campi, su come produrre i nostri vini e i nostri formaggi, su cosa pescare nei nostri mari e su come educare i nostri bambini?

Possibile che questa Europa vieti gli aiuti di Stato e poi imponga allo stesso Stato di governare le conseguenze, che la paghi l’Europa la cassa integrazione ai nostri operai, quando, causa il mancato aiuto di Stato, le fabbriche chiudono.

L’Europa, invece che un’unione di Stati con fini comuni e condivisi, sta diventando oggi più che mai un’aggregazione finanziaria, grazie alla quale alcuni Paesi economicamente più forti come la Germania e la Francia traggono beneficio economico da un mercato protetto, sfruttando gli strumenti delle quote e dei divieti per sopravanzare le economie di tutti gli altri Paesi.

L’Europa decide su tutto, ma sulle questioni importanti come il problema immigrazione non riesce mai a mettersi d’accordo.
Questo soggetto politico e istituzionale che permea con le sue decisioni sulla la vita di tutti sta fallendo su tutta la linea.
Siamo sicuri che l’Europa non ci costi direttamente e indirettamente più di quanto ci dia?
C’è ancora realmente motivo, viste le enormi disparità di trattamento tra Paesi membri, di perseguire un ideale comune?

L’aspetto economico-finanziario ha prevalso su quello politico, questa è la triste realtà di cui tutti noi cittadini dell’unione dobbiamo renderci tristamente conto. E allora ecco i grandi fondi d’ investimento a farla da padrone anche in Italia ritagliandosi un ruolo importante nel reperimento dei fondi per la prossima campagna elettorale.
L’ennesima dimostrazione è in corso proprio in questi giorni. L’“eminenza grigia” di Renzi, ovvero Marco Carrai, si sta dannando l’anima per portare in Italia alcuni fondi di Wadi Ventures, il cui quartier generale è a Tel Aviv.

Carrai è da tempo molto vicino a Wadi Ventures, i cui due fondatori sono Jonathan Pacifici e Reuven Ulmansky. Tra i partner, però, c’è anche Marco Bernabè, figlio di quel Franco Bernabè già socio in alcune iniziative dello stesso Carrai. A quanto sembra l’“eminenza grigia” renziana si sta muovendo tra le principali società di gestione del risparmio italiane attive nel venture capital per convincerle a prendere sotto il loro cappello alcuni fondi di Wadi Ventures.

Questi appoggi indiretti hanno tristemente sempre di più un’influenza enorme nel panorama politico europeo legittimando o screditando le cariche di Governo nazionali anche e soprattutto in una classe politica traballante come quella italiana.

Dimostrazione palese è che la burocrazia di Bruxelles grazie all‘incesto tra fondi di investimento e lobby trasversali abbia talvolta imposto norme assurde e, soprattutto, che lobby nazionali o di settore abbiano ottenuto l’emanazione di regolamenti a favore loro e a sfavore della concorrenza appoggiate incondizionatamente dai Governi nazionali in carica.


Editoriale

 

USA: un mondo malato da evitare

di Adriano Tilgher

Texas: una visione orrenda. 19 bambini uccisi a colpi di arma da fuoco, con loro muoiono anche le due insegnanti. Ucciso anche l’assassino, un ragazzo anche lui, poco più che adolescente. Che succede? Che sta accadendo? Perché così tante manifestazioni di follia? Ora inizieranno il dibattito sulle armi, sul loro libero commercio ed altre futilità del genere, senza affrontare a fondo il vero problema. Le armi non sparano da sole, ci vogliono la mente e la mano degli uomini e allora viene naturale chiedersi perché tanta follia? Chi può concepire a quell’età un progetto così mostruoso? e vedendo cadere creature indifese come fa a non fermarsi? Come può non essere assalito dall’angoscia della tremenda visione che si stava concretizzando per mano sua al punto che per fermarlo hanno dovuto ucciderlo?

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Beppe Niccolai

In un momento storico in cui i rimasugli del nostro mondo di riferimento si scontrano su analisi geopolitiche, con la maggioranza ormai appiattita su posizioni atlantiste e filo Ucraine, una piccola minoranza, rivendica un diverso percorso politico, ispirato a figure chiave del nostro panteon ideologico. La breve nota di questa settimana vuole presentare ai lettori più giovani e meno politicizzati una figura chiave del nostro pensare.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.