La disfatta dei mondialisti nelle elezioni europee

Nonostante tutta la massiccia propaganda mediatica lanciata per dare un’immagine positiva della UE, in realtà, i cittadini europei (e gli italiani in particolare) si sono convinti che la UE è un progetto al servizio delle elites costruito alle spalle dei cittadini, che nasconde una forma di nuovo dispotismo, diretto da tecnoburocrati che godono di ampi privilegi e hanno a disposizione grossi fondi per la propaganda. 

Una UE che viene governata su dettatura di organismi esterni, senza una propria legittimazione democratica, diretta da una Commissione e da un Consiglio Europeo costituiti fra i nominati della stessa casta, fedeli interpreti delle necessità dei mercati, al servizio della globalizzazione e delle grandi lobby, che influenzano il futuro economico degli Stati, condizionandone e limitandone la sovranità attraverso una serie di normative che riducono del 70/80% le capacità di decisioni autonome.

La UE è, nella percezione comune, un’entità astratta priva di contenuti e di una propria identità, che ha imbrigliato le economie dei paesi europei più deboli e ne ha permesso il saccheggio finanziario e l'impoverimento dei ceti produttivi. Sotto i discorsi retorici di unità e di progresso, vengono divise le nazioni in contrapposizione fra loro per motivi di concorrenza economica. Una Europa dove neppure l'euro, al contrario di quanto si creda, è una vera moneta unica ma un sistema di cambi fissi.

La percezione negativa della UE da parte delle persone spiega perché una gran parte di cittadini oggi contestino questo assetto dell'UE e riversino il loro consenso nei partiti sovranisti, ovvero quelli che prospettano un riappropriarsi della sovranità degli Stati nazionali e della gestione delle proprie risorse economiche.

Infatti in queste elezioni si è avuta una grande affermazione dei partiti sovranisti nei paesi più importanti come l'Italia, la Francia, il Regno Unito, la Polonia ed anche nella piccola Ungheria. In altri paesi i sovranisti non hanno sfondato ma hanno comunque messo in difficoltà i precedenti equilibri politici, come avvenuto nella stessa Germania dove la Merkel è ormai arrivata alla fine della sua parabola di potere.

Questo si è verificato nonostante la massiccia propaganda dell'apparato dei media del sistema, tutti schierati a difesa della causa della UE.

In Italia è stato rispolverato ed agitato lo spettro dell'antifascismo pur di frenare l'ascesa della Lega e degli altri movimenti considerati della destra sovranista ed anti UE, con il contorno di manifestazioni e mobilitazioni di piazza che hanno messo in luce l'intolleranza, molto poco democratica, della sinistra globalista.

Tuttavia, l'affermazione del fronte sovranista ed anti UE, che si è registrata in queste elezioni europee, non può essere sminuita, visto il dato reale che ha modificato l'assetto politico italiano.

Uno dei principali sconfitti, di questa tornata europea, possiamo considerare Papa Bergoglio, il vero leader della sinistra globalista, viste le posizioni prese sempre a favore dell’europeismo e delle migrazioni incontrollate. Bergoglio non ha perso occasione di sostenere di dover accogliere tutti i clandestini ed ha sempre attaccato il ministro dell’Interno, Matteo Salvini.

A giudizio di molti prelati cattolici ed eminenti teologi, il Papa Bergoglio sostiene posizioni incompatibili con la sua funzione. Di conseguenza i fischi indirizzati al Papa Bergoglio a Milano sono stati una riprova della ripulsa di buona parte della popolazione cattolica nei confronti di questo personaggio vestito di bianco che, dal suo scranno, fa politica e si intromette nelle questioni dello Stato italiano.

Gli italiani hanno dato il loro voto in maggioranza esattamente a quelle forze che contestano la UE e le politiche migratorie patrocinate dagli eurocrati, dal Papa Bergoglio e dall'ONU.  Questo pronunciamento nelle elezioni europee non sarà privo di effetti nell'assetto politico italiano e non solo in quello, si vedranno presto le reazioni dei mercati e dello spread, le consuete armi utilizzate dalle centrali globaliste per riportare all'ordine i governi che non si adeguano alle decisioni delle elites.      


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L'antifascismo in assenza di Fascismo

di Adriano Tilgher

Davanti al nulla assoluto della loro presenza e capacità politica ed al loro squallido servilismo nei confronti dell’emissario dei potentati anti italiani, Draghi, tutti i partiti ed i sindacati hanno ritrovato ossigeno e una ragione per esserci nell’antifascismo. L’antifascismo è un rito antico, impostoci con il diktat di pace del 1947 da inglesi, americani, marocchini che ci hanno sconfitti ed occupati il 25 aprile 1945 e non se ne sono più andati. Un rito recepito dalla nostra costituzione nelle norme transitorie e finali che non transitano mai.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Sindacalismo Rivoluzionario

Settembre 1904 con il primo sciopero nazionale prende ufficialmente vita in Italia il "Sindacalismo Rivoluzionario", tra i principali ideologi il francese Georges Sorel e gli italiani Arturo Labriola e Enrico Leone. Il principio fondamentale del sindacalismo rivoluzionario era l'indipendenza sindacale nei confronti sia dei partiti politici che dello Stato. Inizialmente nasce come corrente di sinistra in seno al Partito Socialista per poi distaccarsene nel congresso di Ferrara del 1907, per avviare un lavoro sindacale autonomo, dapprima nelle campagne emiliane, poi nei centri industriali del Nord, e nelle miniere di Puglia e Toscana. I suoi organizzatori più attivi furono Alceste De Ambris e Filippo Corridoni. Nel 1907 a Parma nasce la CGdL, su una idea di Alceste de Ambris. Nel 1912 Filippo Corridoni ed altri, spaccano il movimento creando l'(USI), l'Unione Sindacale Italiana, che aumentò il proprio peso politico diffondendosi specialmente a Milano.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.