Il "cash back" con il bancomat è finito

Da questo mese di luglio finirà l’esperimento del cosiddetto “cashback” voluto lo scorso anno dai ministri di “5 Stelle”. Per chi non lo ricordasse, indichiamo brevemente la sua caratteristica e l’apparente finalità. Con lo scopo di contrastare l’evasione fiscale, il governo Conte aveva istituito un premio per chi avesse utilizzato per i propri pagamenti la moneta elettronica, bancomat o carte di credito.

Si riteneva che in questo modo si sarebbero potuti tracciare i movimenti di denaro e quindi individuare chi avesse speso più del proprio reddito ovvero chi avesse fornito prestazioni o venduto prodotti senza emettere scontrini o fatture. Iscrivendosi ad un apposito programma, si sarebbe potuto beneficiare di un “premio” mediante un accredito sul proprio conto bancario: ossia, detto in italiano, un “rimborso di cassa” (questo vuol dire “cashback”). Il rimborso avveniva non sull’ammontare totale della spesa, ma sul numero di operazioni effettuate.

Dopo molti mesi di applicazione di quella norma, i risultati sono stati del tutto negativi. Infatti si sono registrati a quel sistema certamente non gli evasori né i commercianti ma tanti italiani (non molti: circa nove milioni) i quali però hanno scoperto, con l’inventiva tipica del nostro popolo, che si poteva guadagnare qualcosa da quel sistema. In che modo? Poiché il rimborso avveniva sul numero di operazioni effettuate, si sono frazionati i pagamenti: per esempio, al bar si pagava separatamente una birra e un tramezzino; al distributore di benzina, si riempiva parzialmente il serbatoio tornandoci più volte; al supermercato, si facevano più acquisti nella stessa giornata, e via dicendo.

Tant’è che la maggior parte delle transazioni con la moneta elettronica ha un importo compreso tra 25 e 50 euro, ma nel primo semestre dell’anno sono state registrate ben 118 milioni di transazioni per importi inferiori a 5 euro!

Cosicché il governo Draghi ha deciso, tra le proteste di “5 Stelle”, di sospendere questo esperimento e risparmiare così tre miliardi di euro stanziati per dare il “cashback” a quelli che si erano avvalsi di quel programma.

Cosa c’insegna questo esperimento? Due cose soprattutto. La prima, è che l’evasione fiscale – oltre ad essere fantasiosa e capace d’inventarsi nuove modalità di azione – non è certamente quella del piccolo negozio o del benzinaio, ma riguarda grandi aziende le quali hanno la capacità tecnica e i mezzi per pagare meno imposte possibili, senza contare poi il trasferimento delle sedi legali all’estero per utilizzare sistemi fiscali più convenienti. L’evasione, la vera evasione, si combatte con controlli assidui e mirati, individuando anche i settori più a rischio, e mettendo in relazione le banche dati di ministeri ed Enti cosa che – chissà perché – in Italia non si riesce a fare.

Ma l’altra osservazione riguarda proprio “5 Stelle” le quali si sono rivelate, ancora una volta, complici di quel sistema finanziario che qualche anno fa a parole combattevano, ottenendo voti e seggi.

Cosa vuol dire, infatti, favorire l’uso della moneta elettronica? Vuol dire favorire il sistema bancario che la gestisce e – soprattutto – la crea senza alcun controllo politico o finanziario. Il sistema bancario, inoltre, lucra sull’uso del bancomat sia da parte del consumatore che da parte del commerciante.

Infine, indurre i cittadini ad usare solo la moneta elettronica è un condizionamento mentale per abolire del tutto la moneta nazionale, quella cartacea, quella emessa dalle Banche centrali. E questo è il progetto mondialista che – come è avvenuto in altri ambiti, pensiamo alla cosiddetta “transizione ecologica” – viene sostenuto proprio da quelli che in teoria l’avversavano.

Insomma, è stato fatto bene a sospendere questo esperimento: se la decisione è stata presa da un banchiere come Draghi, evidentemente lui ne conosce gli aspetti negativi oltre che i costi per le finanze pubbliche.

Potremmo allora anche dire che, come è accaduto spesso in passato, l’inventiva italiana che è sempre pronta a scoprire gli aspetti positivi di qualche norma da utilizzare a proprio vantaggio, stavolta è stata utile perché ha bloccato il progetto della sostituzione della moneta cartacea con quella elettronica!

 

 


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L'antifascismo in assenza di Fascismo

di Adriano Tilgher

Davanti al nulla assoluto della loro presenza e capacità politica ed al loro squallido servilismo nei confronti dell’emissario dei potentati anti italiani, Draghi, tutti i partiti ed i sindacati hanno ritrovato ossigeno e una ragione per esserci nell’antifascismo. L’antifascismo è un rito antico, impostoci con il diktat di pace del 1947 da inglesi, americani, marocchini che ci hanno sconfitti ed occupati il 25 aprile 1945 e non se ne sono più andati. Un rito recepito dalla nostra costituzione nelle norme transitorie e finali che non transitano mai.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Sindacalismo Rivoluzionario

Settembre 1904 con il primo sciopero nazionale prende ufficialmente vita in Italia il "Sindacalismo Rivoluzionario", tra i principali ideologi il francese Georges Sorel e gli italiani Arturo Labriola e Enrico Leone. Il principio fondamentale del sindacalismo rivoluzionario era l'indipendenza sindacale nei confronti sia dei partiti politici che dello Stato. Inizialmente nasce come corrente di sinistra in seno al Partito Socialista per poi distaccarsene nel congresso di Ferrara del 1907, per avviare un lavoro sindacale autonomo, dapprima nelle campagne emiliane, poi nei centri industriali del Nord, e nelle miniere di Puglia e Toscana. I suoi organizzatori più attivi furono Alceste De Ambris e Filippo Corridoni. Nel 1907 a Parma nasce la CGdL, su una idea di Alceste de Ambris. Nel 1912 Filippo Corridoni ed altri, spaccano il movimento creando l'(USI), l'Unione Sindacale Italiana, che aumentò il proprio peso politico diffondendosi specialmente a Milano.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.