Fallimento

Strette creditizie e carestia nel nome del “Rosatellum”

Meno d’un mese fa ha fatto capolino su siti internet e giornali tedeschi la notizia che dall’Europa avrebbero chiuso i rubinetti del danaro verso l’Italia. Una scelta di politica bancaria, monetaria e creditizia che si sposerebbe con la tattica d’osservare il Belpaese sino a dopo le prossime elezioni politiche. E questo con la scusa di non fidarsi delle scelte politiche del popolo italiano. Ovvero poter dire “ha vinto uno che non ci piace, quindi vi lasciamo senza soldi perché non fareste buon uso delle risorse”, oppure “c’è un clima di generale marasma politico in Italia, ha vinto una maggioranza risicata, anzi non c’è un vero vincitore, quindi fino a quando non farete una grossa coalizione vi lasciamo alla fame”. E’ evidente che dietro questa politica di Ue, Bce e banche varie si celino i veri suggeritori del “Rosatellum”, la nuova regola secondo cui si dovrà votare. Quindi i tedeschi, o chi per loro, hanno dettato ai camerieri di Pd, Fi e parmentarume vario la nuova legge elettorale, fatta a posta per non dare all’Italia una maggioranza forte e dotata d’ampio potere legislativo. Una trovata che permette ai poteri forti in seno all’Ue di reiterare il costume del Paese retto da camerieri con medaglietta parlamentare o incarico da ministro, vice e sottosegretario. Sorge il sospetto che l’uscita di Berlusconi “se non c’è una maggioranza meglio un Gentiloni bis” sia stata dettata proprio dalle pressioni dell’Ue. Questo avvalora la tesi che Pd e Forza Italia siano disposte a continuare la politica economica inaugurata in Italia col governo Monti: ovvero spoliazione dei patrimoni privati degli italiani, tramite innalzamento di almeno due punti percentuali della pressione fiscale nel biennio 2018-2020, aumento dell’Iva al 25 per cento entro il 2021, reintroduzione dell’Imu sulla prima casa, introduzione d’una tassa sul dichiarato superiore ai 20 mila euro annui per costituire un fondo perequativo a sostegno del rettiti di cittadinanza. Insomma il capitalismo dell’Ue sta favorendo l’introduzione di “aree ad economia pianificata” nella cosiddetta “fascia povera” dell’Unione Europea. Ricetta a cui dovrebbe sottostare l’Italia in compagnia di Portogallo, Grecia e Cipro europea. E si badi bene che stanno attentissimi a non allargare queste ricette all’ex Europa orientale, consci che in quei paesi ben conoscano la “pianificazione economica”, poiché pilastro economico del marxismo. Con una simile ricetta ed in forza della varie normative europee, l’Italia può ben dimenticare l’economia solidale di mercato ed i “lavori in economia”, ricette in passato alla base del nostro benessere, perché permettevano al popolo di poter intraprendere lavori artigianali e di coltivazione diretta, nonché i piccoli commerci urbani. Di fatto le scelte dell’Ue frammiste a minacce di “chiusura di rubinetto” stanno facendo calare sull’ex Belpaese la carestia…tecnica in uso già secoli or sono, quando l’imperatore di Germania puniva i vassalli italiani perché in contrapposizione alle scelte teutoniche. Così calavano i lanzichenecchi e ci si ritrovava con fame, peste e violenze. Cambiano i tempi e le metodiche, ma il frutto della politica tedesca rimane del tutto similare. Soprattutto oggi piangiamo la mancanza dei valorosi capitani di ventura, che difendevano lo Stivale dalle soldataglie dell’imperatore. Al loro posto abbiamo una torma di camerieri che, con tanto di conti all’estero, garantiscono la sudditanza politica dell’italiano medio.


Editoriale

 

Vincitori e vinti alle elezioni

di Adriano Tilgher

I dati ormai sono sul tavolo, i giornali di regime ci hanno raccontato chi ha vinto e chi ha perso, i principali interpreti si sono tutti manifestati, pure il nostro Pensiero Forte ha dato le pagelle ai contendenti, sembra una pratica da archiviare. Anche se… tutto può ancora succedere. L’aumento delle astensioni dal voto manifesta, come in tanti hanno commentato, disaffezione e malessere, ovvero l’aumento della distanza sempre più significativo tra la gente e le istituzioni. D’altra parte non poteva essere diversamente visto tutto quello che è accaduto in questi ultimi anni.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Abbiamo vinto il Festival

Lo scorso fine settimana si sono svolte elezioni politiche importantissime per il futuro del nostro paese, e perciò vi parlerò... di musica. 1992 nella kermesse della quarantaduesima edizione del Festival di Sanremo, partecipa il gruppo musicale "Statuto", fra i maggiori rappresentanti di un genere da sempre sottovalutato nel nostro paese, lo Ska. Stile musicale partito dalla Giamaica tra la fine degli anni 50 ed i primi anni 60, approdato dopo l'indipendenza della Giamaica nel 1962 nel regno unito. In quel paese lo Ska venne conosciuto anche con il termine bluebeat, perché molti dei primi singoli ska erano realizzati per l'etichetta discografica Blue Beat Records.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.