DEF: dove basta e dove non

L'approvazione della Nota d'aggiornamento al Documento di economia e finanze (NaDef) è stata sicuramente un evento che ha catalizzato l'attenzione dei media nazionali, precedentemente intenti a decantare le fratture interne alla maggioranza, ed internazionali. Alla fine dunque il governo giallo-verde ha affrontato la sua prima vera sfida (quella sulla nazionalizzazione di Autostrade è la prossima). Vediamo quindi gli obbiettivi centrati e quelli mancati da questo documento.

 Sicuramente questa manovra fiscale, fermo restando eventuali mutamenti nei passaggi al Quirinale o in Parlamento, ha avuto il merito di bastare per dare una generale percezione di cambiamento di rotta rispetto ai governi precedenti per quanto riguarda il rispetto dei parametri e dei vincoli esterni europei. Non vale neanche la pena spendere parole per la pochezza delle rimostranze degli esponenti del PD che si vedono costretti a fare opposizione ad una manovra, classificata da molti come di sinistra, di un governo che loro definiscono fascista. Tra l'altro una manovra con una previsione di deficit del 2,4% a fronte del 2,9% promesso nel 2017 da Renzi. Tuttavia occorre chiarire il fatto che qualunque velleità di sforamento del tanto inutile parametro del 3% è bellamente fallita se si presenta una previsione di deficit del 2,4%. Da questo lato si tratta di azione che non basta.

 Altro fronte interno pienamente centrato da questa NaDef è l'abbattimento dello steccato del ministro Tria il quale puntava ad una manovra in linea con i dettati di Bruxelles. Ennesima riprova che là dove vi sia ferma volontà politica le cose possono essere fatte. Si vedrà se anche con Mattarella le cose andranno nella stessa maniera o se il capo dello stato spalleggerà il titolare Mef nel suo piano per l'imposizione di una clausola riguardo tagli lineari alla spesa in caso di mancato raggiungimento di determinati obbiettivi (cosa che sarebbe veramente la fine per qualunque programma di crescita e sviluppo basato sul deficit).

 Occorre intitolare a questa Nota d'Aggiornamento anche il fatto che sia bastata per costringere ad una scelta spinosa i burocrati UE: far passare la manovra fiscale italiana e segnare un precedente significativo da sfruttare in futuro come grimaldello oppure aprire un nuovo grande fronte in Italia, senza peraltro aver chiuso quello relativo alla Brexit, ed opporsi combattendo per una modifica o per far cadere il governo con le solite armi dello spread e delle speculazioni. Dalle parole di Moscovici e di Junker degli ultimi giorni riguardo all'evitare un nuovo “caso Grecia” la scelta è chiara. Come un animale selvaggio e ferito chiuso in un angolo può solo attaccare così hanno fatto lor signori.

 Infine occorre parlare di ciò che non basta della manovra. Mini-bot, stanziamenti per giustizia e nuove carceri, politiche per l'incremento della natalità, spesa per consentire di far fronte all'ultimo trimestre negli ospedali (per intenderci il periodo quando gli appuntamenti per esami si accumulano perché le strutture non hanno soldi per farli e quindi li si rimanda all'anno dopo), risorse per il nuovo programma di difesa aerea CAMM ER di fabbricazione anglo-italiana (inopinatamente tagliato da Di Maio contro il parere, per una volta stranamente condivisibile, del ministro Trenta) che sarebbe dovuto andare a sostituire il sistema Aspide vecchio di 40 anni, un piano nazionale di riforestazione o di contrasto della Xylella, queste sono solo alcune delle voci d'investimento che non sono presenti nella NaDef. Era naturale che nel blando numero del 2,4% non vi potessero rientrare grandi iniziative, tuttavia è triste vedere in quanti ambiti questo cosiddetto “governo del cambiamento” non segni un cambio di passo.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L'Italia e i diktat

di Adriano Tilgher

Sono oltre 70 anni che l’Italia subisce i diktat altrui senza reagire, ma neanche mediare. Da quando il 25 aprile 1945 il nostro territorio è stato completamente occupato dalle truppe anglo-americane e la resa senza condizioni firmata di nascosto il 3 settembre del 1943 e resa pubblica l’8 settembre successivo è diventata un diktat imperativo con il trattato di Parigi del 1947, l’Italia è diventata una nazione a sovranità limitata con 20.000 soldati americani - forniti di ordigni nucleari, missili e armi sofisticatissime, in basi autonome ed indipendenti da qualsiasi controllo anche giudiziario - che occupano il nostro territorio, ancora oggi.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Attacca, Boia!

1952, Pinuccia, Diana, Lisetta e Tonini (Antonietta), le sorelle Nava, Soubrettes, attrici e cantanti, portano in palcoscenico una satira bonaria del fascismo e del suo Duce con uno spettacolo che mutuava il titolo da un verso dell'opera lirica Tosca: Dinanzi a lui... Tre Nava tutta Roma. Le 4 sorelle figlie di Brugnoletto, (nome d'arte attribuito da Trilussa a Giuseppe Ciocca) e della circense Giorgina Nava, durante il Regime facevano parte della compagnia Teatrale di Nino Taranto Nel 1945 sono al fianco di Carlo Campanini e Alberto Rabagliati in Pirulì Pirulì, spettacolo firmato dal duo Garinei e Giovannini. Sino agli anni 70 le sorelle Nava saranno impegnate oltre che sui palcoscenici di tutta Europa anche in radio, cinema e tv calcando il palcoscenico al fianco di artisti come Totò, Macario, Carlo Dapporto e Nino Manfredi. Pinuccia leader del gruppo e capocomico, iniziava ogni spettacolo dando il via all'orchestra al grido di Attacca, Boia!

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.