Il lupo che traveste la verità

 C’è un solo modo per scovare un lupo vestito d’agnello: è giudicarne l’insegnamento. Vestire d’agnello significa vestire come Cristo cioè come pastore del gregge. Un lupo, un diavolo, può anche indossare abiti sacri, ma se insegna cose diaboliche - e le più diaboliche bada bene, sono quelle meno evidenti come tali - è un lupo e non va seguito.

Lasciamo perdere la favola dell’obbedienza come virtù sicura e come certa Volontà Divina. Dio non vuole che si obbedisca a chi ci allontana da Lui, in modo palese o in modo ambiguo.

Per giudicare un insegnamento occorre avere bene chiara in mente quale sia la Verità con la quale confrontarlo. Il cuore non basta, occorre avere conoscenza della verità, della Rivelazione di Dio e dei dogmi della Chiesa, validi una volta e per sempre.

Solitamente, parlando con la gente, i sostenitori degli alti prelati oggi al governo, sono molto ignoranti e amano esserlo, perché a loro non interessa nulla della verità di Dio, gli interessa solo della loro verità e del loro dio, cioè se stessi.

Il proprio gusto, la propria opinione, eretta a dogma a causa della loro presunzione. Niente argomenti da quella parte, solo tifo, e frasi trite e ritrite sull’obbedienza (quella che hanno codificato loro, non la santa virtù cattolica insegnata da nostro Signore).

La verità smaschera ogni errore e chi ama Dio aderisce alla verità anche se scomoda, esce dalla caverna di platonica memoria e si lascia irradiare dalla luce del sole. Gli altri? Hanno amato più le tenebre (della caverna dell’errore) che la luce; non si può costringere nessuno ad aprire gli occhi. 

Se infatti non vuoi conoscere la Verità nessuno potrà dirtela, perché anche se te la dirà non la vedrai né percepirai come tale. Ma il problema sta nella tua cattiva volontà, che è colpevole di essersi chiusa alla verità. Puoi raccontare tutte le favole che preferisci, di modo da passare come innocente o meglio come vittima anche stavolta, ma la Verità è la Verità e chi la disprezza, disprezza Dio che è Verità prima ancora che essere Amore. Come l’intelletto precede la volontà (desidero solo ciò che conosco) così la Verità precede l’Amore ed essere privi della Verità significa amare solo a parole ma non nei fatti.

Sappiate giudicare.


Editoriale

 

Vincitori e vinti alle elezioni

di Adriano Tilgher

I dati ormai sono sul tavolo, i giornali di regime ci hanno raccontato chi ha vinto e chi ha perso, i principali interpreti si sono tutti manifestati, pure il nostro Pensiero Forte ha dato le pagelle ai contendenti, sembra una pratica da archiviare. Anche se… tutto può ancora succedere. L’aumento delle astensioni dal voto manifesta, come in tanti hanno commentato, disaffezione e malessere, ovvero l’aumento della distanza sempre più significativo tra la gente e le istituzioni. D’altra parte non poteva essere diversamente visto tutto quello che è accaduto in questi ultimi anni.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Abbiamo vinto il Festival

Lo scorso fine settimana si sono svolte elezioni politiche importantissime per il futuro del nostro paese, e perciò vi parlerò... di musica. 1992 nella kermesse della quarantaduesima edizione del Festival di Sanremo, partecipa il gruppo musicale "Statuto", fra i maggiori rappresentanti di un genere da sempre sottovalutato nel nostro paese, lo Ska. Stile musicale partito dalla Giamaica tra la fine degli anni 50 ed i primi anni 60, approdato dopo l'indipendenza della Giamaica nel 1962 nel regno unito. In quel paese lo Ska venne conosciuto anche con il termine bluebeat, perché molti dei primi singoli ska erano realizzati per l'etichetta discografica Blue Beat Records.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.