Il bisogno di un pensiero giustizialista

Sarà la recente sentenza sulla trattativa Stato-Mafia, sarà il naturale fascino di ciò che è malvagio o sarà il fatto che certe fisse non passano mai, è un po' di giorni che non riesco a togliermi dalla mente le parole Mafia, Camorra e 'ndrangheta. Ciò che i giudici di Palermo con quella sentenza hanno stabilito è qualcosa che non può minimamente essere compreso dall'italiano medio, anche quello occasionalmente interessato dell'argomento criminalità organizzata. Ma coloro che stanno dall'altra parte della barricata lo capiscono eccome. I membri dello stato criminale lo capiscono. Per la prima volta è stato sancito in maniera inequivocabile, anche per coloro più in mala fede (quelli che quando ne parlano dicono la "supposta o cosiddetta trattativa"), che lo stato italiano ha trattato con un altro stato. Legittimandolo, come se non avesse la forza delle armi per farlo, come stato sovrano. Rappresentanti delle forze dell'ordine della Repubblica italiana hanno parlato a rappresentanti dello stato criminale con il rispetto con cui tratterebbero una delegazione diplomatica straniera. Forse anche di più.

Questo stato ha varie facce, a seconda che ci si trovi in Sicilia, in Calabria o in Campania. Uno stato che non ha territorialità ma che in alcune zone dello Stivale controlla il territorio. Uno stato che non ha PIL ma che rappresenta l'economia più florida presente nel nostro paese. Uno stato che non ha presidenti ma ha sicuramente generali, esercito ed armi. Uno stato che prospera nella pace, lontano dall'attenzione mediatica e dai riflettori. Uno stato che quando non ti può assumere, quindi non ti fai comprare, cerca di rovinarti e se non riesce a rovinarti ti elimina. Uno stato che garantisce un welfare, pagato con i soldi della droga, alle famiglie degli uomini dei suoi eserciti e ricchezza nelle zone più depresse del Bel Paese. Uno stato che si preoccupa di formare quadri burocratici meritocratici. Ma sopra ogni cosa che si preoccupa, per garantirsi il futuro, dell'adeguata istruzione delle nuove generazioni, tanto da preoccuparsene fin nella culla.

 [...]L'onuri da famigghia ha manteniri / Figghiuzzu a to patri l'ha vendicari / Dammi pirdunu i sti paroli / Ma no mi pozzu rassegnari / Cacciami st'odiu chi tegnu'nto cori / Figghiu a to'patri l'ha vendicari.[...]

(Ninna nanna 'ndranghetista.)

 Onore, famiglia, vendetta, onorata società, regole (pare incredibile per il paese percepito per antonomasia come senza regole). Concetti impressi così a fondo in alcune zone d'Italia da divenire totalizzanti. Ecco perchè sento un bisogno. Il bisogno di un pensiero che contempli altre parole come ordine, giustizia, legalità, educazione, rispetto... insomma sento il bisogno di un pensiero giustizialista.

Un pensiero antipatico per tutta l'attuale società italiana impregnata come un morbo dal berlusconismo di ritorno dei sotterfugi, del saltare la fila, delle conoscenze che contano e del facciamo un po' tutti come vogliamo. Un pensiero che fino a quando non avrà compenetrato tutti gli strati del popolo italiano non potrà portare al potere una forza politica con la ferma volontà di muovere guerra allo stato criminale e così facendo sconfiggerlo. Si perchè esso è un fenomeno umano e, come dicevano Falcone e Borsellino, i fenomeni umani sono destinati a concludersi, prima o poi. E questo fenomeno sarà sconfitto non solo da forze dell'ordine, intercettazioni, operazioni sottocopertura ecc. ma soprattutto da un pensiero.

 


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L'antifascismo in assenza di Fascismo

di Adriano Tilgher

Davanti al nulla assoluto della loro presenza e capacità politica ed al loro squallido servilismo nei confronti dell’emissario dei potentati anti italiani, Draghi, tutti i partiti ed i sindacati hanno ritrovato ossigeno e una ragione per esserci nell’antifascismo. L’antifascismo è un rito antico, impostoci con il diktat di pace del 1947 da inglesi, americani, marocchini che ci hanno sconfitti ed occupati il 25 aprile 1945 e non se ne sono più andati. Un rito recepito dalla nostra costituzione nelle norme transitorie e finali che non transitano mai.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Sindacalismo Rivoluzionario

Settembre 1904 con il primo sciopero nazionale prende ufficialmente vita in Italia il "Sindacalismo Rivoluzionario", tra i principali ideologi il francese Georges Sorel e gli italiani Arturo Labriola e Enrico Leone. Il principio fondamentale del sindacalismo rivoluzionario era l'indipendenza sindacale nei confronti sia dei partiti politici che dello Stato. Inizialmente nasce come corrente di sinistra in seno al Partito Socialista per poi distaccarsene nel congresso di Ferrara del 1907, per avviare un lavoro sindacale autonomo, dapprima nelle campagne emiliane, poi nei centri industriali del Nord, e nelle miniere di Puglia e Toscana. I suoi organizzatori più attivi furono Alceste De Ambris e Filippo Corridoni. Nel 1907 a Parma nasce la CGdL, su una idea di Alceste de Ambris. Nel 1912 Filippo Corridoni ed altri, spaccano il movimento creando l'(USI), l'Unione Sindacale Italiana, che aumentò il proprio peso politico diffondendosi specialmente a Milano.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.