Perchè il bene è così fragile?

Nuovamente l’Olanda è caduta sotto i riflettore per essere fra i Paesi che, più di altri, amano il popolo, al punto di avvantaggiarne la morte con mezzi sempre più low cost e reperibili istantaneamente. È verificabile quotidianamente l'avanzare di una cultura della morte che soffoca, opprime con ingannevole leggerezza, la cultura della (e per la vita) al punto di decretare l’uccisione come bene maggiore del poter vivere.

Una cooperativa nata nel 2013, di circa 22000 soci, Laatste Wil, sponsorizza nelle città olandesi una particolare “polverina bianca”, un conservante biologico lavorato e modificato chimicamente – come ci informa Avvenire- che, a seguito dell’assunzione, provoca la morte nel giro di massimo due ore. Il network Nos ha raccolto testimonianze di quello che accade per mano degli agenti della cooperativa “L’ultima volontà”, dalle quali apprendiamo che la vendita avviene porta-a-porta e l’effetto è praticamente indolore, fatto salvo una leggera emicrania, a cui fa seguito un brusco calo della pressione sanguigna, il coma immediatamente successivo, poi la morte. Si può avere accesso al suicidio compiuti i 18 anni, dopo almeno sei mesi dall’iscrizione alla cooperativa, per la modica cifra di 7,50 euro.


È già apparsa sui giornali la prima vittima dell’associazione, una diciannovenne, Ximena Knol, in forte depressione post-abuso sessuale, del quale era vittima. La giovane aveva già fatto richiesta al medico di sopprimerla mediante eutanasia, ma questi si era rifiutato vedendo accanto alla ragazza una famiglia amorevole e uno psicologo attento al suo accompagnamento terapeutico, così Ximena ha sfruttato questa ingannevole via d’uscita legale, privandosi di ogni alternativa con una banale polvere sciolta in un bicchiere d’acqua, come un’aspirina.

I cittadini portano avanti una feroce protesta contro gli enti che garantiscono e promuovono la morte facendo perno sulla fragilità di persone, segnate da momenti di crisi e sconforto, non necessariamente legato a malattie gravi o fasi cliniche terminali, semplicemente preda di paure, timori e problemi, privati o familiari, che in quel determinato momento affievoliscono la speranza. Il modo migliore per amare è quello di uccidere o istigare il suicidio di altri uomini la cui libertà drasticamente minata dalla comprovata mancanza di lucidità dettata dalla crisi e dall’esasperazione? È questa la nuova solidarietà di cui l’uomo evoluto è capace? Hanno ragione lo psicologo e i genitori della ragazza olandese, quando incalzano la loro rabbia nei confronti di un sistema culturale e politico che si aliena al cospetto di una condizione di profonda disumanizzazione civile, giuridica, etica secondo la quale, per efficienza e produttività, lo scarto selettivo, indotto dal singolo verso se stesso e da terzi verso l’estranea debolezza, è la libertà maggiore.

Una libertà senza vita che possa esprimerla che libertà è?

Nel cortocircuito del relativismo, nella piaga dell’indifferentismo, l’uomo diviene degno solo se conforme, la sua vita apprezzabile se meritevole: una dicotomia in collisione, formata da temporanee gratificazioni evanescenti di dominio sull’origine e sulla fine, che si prestano alla schiavitù dell’abbandono, forgiando gravi pretese, tra cui che la nudità dell’essere semplicemente uomini non sia abbastanza dirompente per riconoscerne l’incontenibile bellezza e abbia bisogno di nuove motivazioni.

L’oblio della gracilità ci divora impreparati quando si fa presente. Generalmente si suppone che il paziente voglia tentare la vita, abbia speranza. Oggi invece l’ipotesi più accreditata è che per salvarsi voglia essere ucciso.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L'Italia e i diktat

di Adriano Tilgher

Sono oltre 70 anni che l’Italia subisce i diktat altrui senza reagire, ma neanche mediare. Da quando il 25 aprile 1945 il nostro territorio è stato completamente occupato dalle truppe anglo-americane e la resa senza condizioni firmata di nascosto il 3 settembre del 1943 e resa pubblica l’8 settembre successivo è diventata un diktat imperativo con il trattato di Parigi del 1947, l’Italia è diventata una nazione a sovranità limitata con 20.000 soldati americani - forniti di ordigni nucleari, missili e armi sofisticatissime, in basi autonome ed indipendenti da qualsiasi controllo anche giudiziario - che occupano il nostro territorio, ancora oggi.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Attacca, Boia!

1952, Pinuccia, Diana, Lisetta e Tonini (Antonietta), le sorelle Nava, Soubrettes, attrici e cantanti, portano in palcoscenico una satira bonaria del fascismo e del suo Duce con uno spettacolo che mutuava il titolo da un verso dell'opera lirica Tosca: Dinanzi a lui... Tre Nava tutta Roma. Le 4 sorelle figlie di Brugnoletto, (nome d'arte attribuito da Trilussa a Giuseppe Ciocca) e della circense Giorgina Nava, durante il Regime facevano parte della compagnia Teatrale di Nino Taranto Nel 1945 sono al fianco di Carlo Campanini e Alberto Rabagliati in Pirulì Pirulì, spettacolo firmato dal duo Garinei e Giovannini. Sino agli anni 70 le sorelle Nava saranno impegnate oltre che sui palcoscenici di tutta Europa anche in radio, cinema e tv calcando il palcoscenico al fianco di artisti come Totò, Macario, Carlo Dapporto e Nino Manfredi. Pinuccia leader del gruppo e capocomico, iniziava ogni spettacolo dando il via all'orchestra al grido di Attacca, Boia!

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.