Dalla bibita allo shortino... drammi di demagogica plutocrazia

“ Venghino venghino Siòri e Siòre; è iniziato da tempo lo spettacolo delle più astruse amenità”

Erano partiti con un povero clown diseredato e finiscono con un buffone ricoperto d’oro manco fosse Re Mida; i tempi del vaffa trapassato remoto, poi le “lotte no tav et simila” all’ “apriremo il Parlamento come una scatoletta di tonno” si è scatenato il vinavil per la poltrona. E di poltrone il Ministro di Maio ne sa qualcosa; infatti per coerenza politica de noantri conserverà il suo ministero pur avendo creando un altro “soggetto” (senza offesa per chi lo si ritiene) politico e dispenserà l’elettorato gaudente con un'altra sfida: quella del pacifismo delle armi per la dipendenza (dalla o in ? ) Ucraina.

Penso che non si scavi mai abbastanza dopo aver sorpassato il fondo, in situazioni di questo genere. Il problema fondamentale poi nemmeno risiederebbe nella libertà che un “onorevole” ha di muoversi nei modi più anarchici che si vogliano quanto quello di avere un seguito che continua a darne sussistenza ad ogni pie’ sospinto.

Inevitabile il richiamo pedissequo all’ inconscio collettivo di noi italiani; del resto se nulla avevamo imparato dal giustizialismo della magistratura ad orologeria dell‘urlante Di Pietro e dagli sbraiti di “ Roma ladrona “ del buon Umberto Bossi che almeno conservava un certo tipo di stile politico, ben poco potevamo imparare dal “versator cortese” che oggi sa dove sono Wuhan e Israele ma per un lapsus dimentica dove è Matera.

Ma suvvia, che mai sarà? i soliti tromboni Italioti, quelli che sono passati dalla padella al sottovuoto dei DPCM e della campagna vaccinale voluta dal non più amico Giuseppi ma che invece troverà probabilmente Sileri quale nuovo profeta aggregantesi nella nuova “sfida “.

E’ tutto un guazzabuglio; tutto sbagliato, da rifare avrebbe detto Bartali. Ma loro che la salita l’hanno vissuta e la vivono come una grande discesa, a loro sì, cosa importa di tutto questo? Basta un simbolo nuovo, gente che per forza di cose è nuova perché nata “dalla polvere di stelle” e riprogrammano un altro piano quinquennale con gli amici delle lobbies che ormai sono l’unico vero soggetto politico che in Italia comanda in quanto, con l’illusione della crescita del PIL ma la realtà dello spread, hanno messo la maschera alla nostra troika perché nemmeno della crisi – come è stato per la povera Grecia culla della civiltà -siamo più in grado.

Che dire? nulla. Non c’è davvero che l’imbarazzo del niente; quando un ex ministro di una ex repubblica fa un ex partito la somma di questi ex è semplicemente la fine di tutto. Tutto quanto.

Quindi altro da aggiungere non c’è e nemmeno si vuole avere la briga di dissuadere o convincere il prossimo. Se una bomba ti casca in testa e nemmeno provi a scansarti non fai che andare incontro ad un destino che in parte anche tu ti sei voluto scrivere.  

Un'unica “speme” resta; quella che possano leggere questo tabloid a cui la stessa storia è ridotta una società a venire e che possa con calma e dedizione rimettere dei punti e perseguire dei canoni un po’ diversi dal grande circo del sabato sera.

E sebbene anche Speranza è un nome che non desta più nulla di buono per noi tutti, almeno la grande illusione di un ritorno della civiltà consentitecela e cerchiamo nel nostro piccolo, con le nostre umili e inadeguate risorse, stavolta davvero di lavorarci perché è già tardi e il tunnel si fa sempre più buio …

 

Immagine: https://www.adnkronos.com/


Editoriale

 

Vincitori e vinti alle elezioni

di Adriano Tilgher

I dati ormai sono sul tavolo, i giornali di regime ci hanno raccontato chi ha vinto e chi ha perso, i principali interpreti si sono tutti manifestati, pure il nostro Pensiero Forte ha dato le pagelle ai contendenti, sembra una pratica da archiviare. Anche se… tutto può ancora succedere. L’aumento delle astensioni dal voto manifesta, come in tanti hanno commentato, disaffezione e malessere, ovvero l’aumento della distanza sempre più significativo tra la gente e le istituzioni. D’altra parte non poteva essere diversamente visto tutto quello che è accaduto in questi ultimi anni.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Abbiamo vinto il Festival

Lo scorso fine settimana si sono svolte elezioni politiche importantissime per il futuro del nostro paese, e perciò vi parlerò... di musica. 1992 nella kermesse della quarantaduesima edizione del Festival di Sanremo, partecipa il gruppo musicale "Statuto", fra i maggiori rappresentanti di un genere da sempre sottovalutato nel nostro paese, lo Ska. Stile musicale partito dalla Giamaica tra la fine degli anni 50 ed i primi anni 60, approdato dopo l'indipendenza della Giamaica nel 1962 nel regno unito. In quel paese lo Ska venne conosciuto anche con il termine bluebeat, perché molti dei primi singoli ska erano realizzati per l'etichetta discografica Blue Beat Records.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.