Green Pass: il fantasma della libertà

22 luglio 2021. Segniamo sul calendario questa data: è quella del DPCM con cui è istituito il green pass vaccinale. Il regime neo feudale che ha trasformato popolazioni intere in servi della gleba sanitari entra ufficialmente in vigore; il biopotere si impadronisce legalmente del corpo fisico dei sudditi. Nessuna reazione popolare: solo una minoranza di ribelli (o nemici del popolo, usi il lettore la definizione che preferisce) osano manifestare contrarietà. La maggioranza è allineata e coperta, indifferente alla perdita di un pezzo enorme delle sue libertà.

Dovremo esibire il magico salvacondotto- in formato cartaceo o elettronico- per svolgere quasi tutti gli atti normali della vita. La libertà concreta di movimento, di scelta e di decisione è sequestrata. Come la stella gialla segnalava la presenza degli israeliti- l’Altro da sé fisicamente indistinguibile- il possesso del salvacondotto (ausweis, nelle zone di occupazione) ci abilita a vivere, previ controlli, accertamenti, richieste imperative di un potere sempre più pervasivo ed occhiuto. Il fantasma della libertà si aggira per l’Italia e per il mondo: un fantasma, appunto, un simulacro del passato, del tempo in cui ci illudevamo di vivere in uno Stato di diritto.

Poco conta la procedura seguita dal governo Draghi, l’utilizzo del “solito” DPCM, decreto del presidente del consiglio dei ministri, un atto amministrativo contro il quale non esiste difesa giuridica. A che servono i diritti scritti, se nessuno ha la forza per farli rispettare? Dal 22 luglio dell’anno di Dio 2021- (Dio, il tizio ucciso della Ragione, della Materia, della Scienza, del Progresso) la libertà e la democrazia finiscono per mano di un esserino invisibile che la tassonomia scientifica chiama Sars-Cov-2. Ignaro, il Covid con le sue varianti percorre la sua strada mentre i governi approfittano per cambiare nel profondo la vita degli ex cittadini divenuti sudditi.

E’ assai significativo il commento di Mario Draghi, il commissario straordinario insediato dai poteri forti al vertice del governo tra gli applausi della politica sconfitta (sindrome di Stoccolma) e le speranze di molti, giustamente stufi dell’incapacità del governo precedente. L’uomo del panfilo Britannia, svenditore del patrimonio delle imprese e delle banche pubbliche negli anni 90, il governatore di banche d’emissione creatore di denaro dal nulla con passaporto e immunità diplomatica della BIS (Bank of International Settlements, la cupola delle banche centrali) ha osato affermare che chi non si vaccina è un assassino. “L'appello a non vaccinarsi è un appello a morire, sostanzialmente: non ti vaccini, ti ammali e muori. Oppure, fai morire: non ti vaccini, contagi, lui o lei muore”.

Milioni di assassini girano impuniti nel Bel Paese: è aperta la caccia. Chi non crede alla versione ufficiale sulle punturine (le chiamiamo così in quanto si tratta di terapie geniche sperimentali) è cacciato. Non solo nel senso che gli si chiudono tutti gli spazi, non solo fisici, ma in senso letterale: è aperta la caccia. Uno dei virologi stelle del circo mediatico, Roberto Burioni, chiede sogghignando sottoscrizioni per abbonamenti a Netflix (un po’ di réclame a una multinazionale: due piccioni con una fava) per i renitenti all’iniezione, da rinchiudere in casa, in attesa, chissà, di campi di concentramento o rieducazione. Nel deprecato ventennio, occorreva esibire la tessera del partito fascista per lavorare e dimostrare di essere buoni italiani. Oggi abbiamo il green pass, la tessera del PUS, il Partito Unico Sanitario, come lo ha definito Marcello Veneziani.

Siamo obbligati a una giustificazione preventiva ad uso dei delatori – informatici, algoritmici, e in carne e ossa - sempre più numerosi e agguerriti. Chi scrive non è “no vax”, la nuova etichetta squalificativa che espelle dalla civiltà. Non abbiamo sufficienti cognizioni per schierarci pro o contro i vari preparati, né apparteniamo alla schiera sterminata di chi si considera esperto finanche delle varie marche di Big Pharma. Tuttavia, ci è chiaro che non esistono prodotti in grado di immunizzare da virus mutanti dopo pochi mesi di ricerche. In più, appare sospetto l’accanimento ufficiale contro terapie alternative di vario genere, meno costose e invasive. Ciononostante, cedendo alle insistenze familiari, possediamo il magico papello, previa doppia iniezione. Non parliamo, dunque, per fatto personale o per il gusto di essere bastian contrari.

Certo, ci turba il nome: non l’hanno chiamato carta verde, o salvacondotto, o certificato vaccinale, nella nostra lingua. Molto meglio “green card”, in globish, il grugnito globale degli illuminati di Cosmopoli. Green, verde, in ossequio al comandamento ecologico, altro “mantra” postmoderno. Ogni giorno ci aggiornano sul numero dei “contagi”. Contagio: parola terribile, che evoca pestilenze, morte e una trasmissione pressoché automatica, irrefrenabile. In realtà, si parla di tamponi assai dubbi; molti ospedali tendono a rifarli ai ricoverati di ogni patologia in quanto – ammettono in privato- non si fidano dei tamponi altrui.

Numerosi positivi al Sars-Cov-2 sono asintomatici e non sviluppano la malattia, ma il terrore è sparso, l’esito è assicurato. Infatti, secondo i primi sondaggi – la cui credibilità è incerta quanto le statistiche quotidiane – una maggioranza schiacciante sarebbe favorevole alle misure del governo, pare il 73 per cento. Se è vero – altre rilevazioni sono più prudenti – significa che il potere ha lavorato benissimo e la rana è bollita al punto giusto. Lo Stato di diritto è abolito di fatto, ma che importa, la posta in gioco è la vita. Rassegniamoci: i ribelli, chi non si beve la narrazione del potere, sono e resteranno minoranza. La libertà è un valore aristocratico, di minoranze attive e pensanti.

La lunga crisi morale e spirituale che ha condotto ai tempi che viviamo ha posto sul piedistallo unicamente l’esistenza in vita. Non più il cartesiano “cogito, ergo sum”, penso, dunque esisto. Esisto in quanto respiro. Da oggi, sappiamo che cosa è e quali obiettivi si propone il Grande Reset, il grande reinizio: un mondo di schiavi muniti di carte, chip, certificati, controllati, sorvegliati, non più proprietari del corpo fisico. Un filosofo considerato “di sinistra” - quanto sono grottesche codeste etichette ammuffite! – Giorgio Agamben, un pensatore che ha esplorato per decenni la dimensione del sacro, ha scritto pochi giorni fa che chi si attiene alla propria libera e fondata convinzione verrà escluso dalla vita sociale. Detto fatto. L’iniezione e la certificazione relativa “si trasformano in una sorta di simbolo politico-religioso volto a creare una discriminazione fra i cittadini, evidente nelle dichiarazione irresponsabile di un uomo politico (“de sinistra” N.d.R.) che, senza accorgersi di usare un gergo fascista, ha minacciato: li purgheremo (i reprobi…) con il green pass.”

La carta verde è la stella gialla virtuale. Il filosofo- oggetto da un anno e mezzo di attacchi velenosi dai suoi ex sodali- conclude con una serie di domande che facciamo nostre e giriamo a chi ha ancora facoltà di pensiero: “che cosa diventa un Paese al cui interno viene creata una classe discriminata? Come si può accettare di convivere con dei cittadini di seconda classe? “Infatti è aperta la caccia. Spaventano le discriminazioni fattuali, neppure sostenute da uno straccio di legge, il razzismo biopolitico che getta un’ombra sinistra sul futuro di popolazioni trasformate in greggi.

Più onesto sarebbe stato introdurre l’obbligo, ma il Dominio- attraverso i suoi funzionari, di cui Draghi è l’esponente di grado più elevato in Italia – vuole mantenere i simulacri della tramontata democrazia. L’obbligo non è costituzionalmente sostenibile, dunque uno strumento diverso dal DPCM sarebbe facilmente impugnabile e qualche tribunale svelerebbe l’imbroglio. Ecco un altro punto dirimente, pur se ad esso è indifferente la maggioranza della cosiddetta opinione pubblica: è sovrano, ovvero comanda, chi decide nello stato di eccezione (Carl Schmitt). Il sovrano d’Italia è il commissario straordinario, il plenipotenziario Draghi, con la sua corte di esperti, giuristi, virologi e imbonitori.

Dovremo scrivere a Chi l’ha visto? la fortunata trasmissione televisiva, per cercare tracce di un’opposizione politica. L’unica esistente si barcamena con evidente disagio ed è comunque un’opposizione di Sua Maestà, desiderosa di andare al governo senza mettere in discussione il Dominio. Fattorini che consegnano ai popoli la posta, recitano a pagamento – il conto è a nostro carico- una parte in commedia, esattamente come le forze che sostengono il governo dei poteri esterni globali. E’ la farsa antica del poliziotto buono e di quello cattivo, senza che neppure siano chiari i ruoli rispettivi.

Su tutto, al di là del Reset e della nuova stagione di illibertà con applauso popolare, c’è uno dei massimi equivoci a cui sono soggetti i popoli. I sociologi le chiamano credenze ingenue e la più diffusa è la convinzione che il potere stia comunque dalla parte del popolo, sia, in qualche modo, al nostro servizio. L’esperienza dimostra il contrario; chi svolge o ha svolto nella vita professionale un ruolo direttivo – anche modesto- sa quante volte ha dovuto mentire, ha ricevuto pressioni per tacere o negare la verità. Perché dovrebbe essere diverso al più alto livello?

Eppure, l’opposizione esiste, dispersa, solitaria, fatta di atomi lontani tra loro, che non si conoscono e ignorano l’esistenza di colleghi di lotta e convinzione. I ribelli hanno carne e ossa e probabilmente sono più numerosi di quanto appaia. Come in tutti i tempi difficili, la tendenza è al silenzio, a rinchiudersi in spazi personali e interiori sempre più angusti, minacciati come non mai dalla sorveglianza del biopotere panottico che tutto osserva, sorveglia e trasforma in dati. La filosofia antica degli Stoici chiedeva di vivere nascosti, di sopportare, resistere e astenersi dall’intervenire nell’agorà pubblica. Oltre la nobiltà di limpide figure intellettuali, non ce lo possiamo permettere.

Dobbiamo, come teorizzava Ernest Juenger, “passare al bosco”, ovvero vivere da ribelli e rammentare a chi vorrà ascoltare – pochi, ma sono le avanguardie a cambiare la storia – che il Dominio sta resettando le libertà pubbliche e private, rendendo carta straccia i diritti scritti, le leggi, le costituzioni, le procedure formali che sostanziano le decisioni. Se tutto è saltato a causa o con il pretesto della pandemia (l’una e l’altra cosa, probabilmente) significa che qualcuno è diventato il sovrano assoluto delle nostre vite, le quali non sono la semplice sussistenza del battito cardiaco e la persistenza delle funzioni vitali.

Se c’è un sovrano-padrone, noi siamo schiavi, cose, oggetti nelle sue mani. Iniziamo come Gandhi, con la resistenza passiva, ovvero non forniamo sponde al Dominio, non regaliamogli il consenso, asteniamoci dall’applauso e dalla partecipazione ai suoi riti. Occorrerà rinunciare a qualcosa. Fatalmente, la resistenza sarà affare di pochi, all’inizio. Fu così anche per il padre della Patria indiana, che spiegò: prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono. Poi vinci. Certo, ci vuole costanza, fermezza, tensione morale, slancio spirituale.

Basterebbe forse riflettere se e come torneremo indietro. Ci sarà un dopo-green pass, oppure, forti del successo dell’esperimento zoologico in corpore vili estenderanno ulteriormente il salvacondotto, creeranno obblighi nuovi, certi che le leggi siano pezzi di carta inerti, da interpretare secondo convenienza, anche capovolgendo il senso e il significato delle parole, come stanno facendo il politicamente corretto e la cultura della cancellazione?

Se non conosciamo il passato, non possediamo neppure i criteri per giudicare il presente, tanto meno gli strumenti per opporci a qualcosa. Non importa: in una prima fase, accontentiamoci della reazione “di pancia” di chi, istintivamente, si rende conto del trattamento subìto. Qualcuno potrà convincersi leggendo che dovrà esibire il “passi” se si siederà al tavolo interno di un bar, ma non se andrà in affollati centri commerciali. Evidentemente, il contagio rispetta le multinazionali della distribuzione, ma non le osterie. Divertente è la norma che esclude il Parlamento dal green pass. E’ servito il popolo di quelli che “uno vale uno”; deputati e senatori hanno un apparato immunitario superiore rispetto a pensionati, ragazzi, operai e casalinghe.

Ancora una volta, semaforo rosso per le discoteche: è ragionevole, ma come lo spiegate, signori del potere e servi sciocchi, ai giovani che avete convinto che la discoteca è il tempio della gioia e del piacere? Ditelo voi a ragazzi, ragazze, figli e nipoti che bisogna stare fermi, chiusi in casa o giù di lì, nonostante il famigerato Sars –Cov-2 colpisca soprattutto gli anziani. E voi, ragazzi, provate a svegliarvi e ragionare. E’ difficile, vi abbiamo disabituato. Almeno, concedete il beneficio del dubbio, non credete a tutto come pecore matte. Oggi vi colpevolizzano perché rappresentate l’allegria, la vita, il futuro. E’ aperta la caccia a voi, ai dissidenti, agli uomini e alle donne libere.

Forse ci stanno venendo a prendere, ma non cadremo da soli. Tutto ciò che non piace ai padroni del discorso lo chiamano fascismo e nazismo. Prendiamoli in parola: un secolo fa, un pastore protestante esprimeva così la sua opposizione al mondo che andava prospettandosi. “Prima di tutto vennero a prendere gli zingari, e fui contento, perché rubacchiavano. Poi vennero a prendere gli ebrei, e stetti zitto, perché mi stavano antipatici. Poi vennero a prendere gli omosessuali, e fui sollevato, perché mi erano fastidiosi. Poi vennero a prendere i comunisti, e io non dissi niente, perché non ero comunista. Un giorno vennero a prendere me, e non c’era rimasto nessuno a protestare. “


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

Vuoi lavorare? "Green Pass"

di Adriano Tilgher

E’ l’ultima trovata anglofona di Mario Draghi e del suo “magnifico” governo di impenitenti “leccapile” dei potenti del mondo. Ma quanto sono bravi! Quanto sono intelligenti! Come tutti sappiamo, nella schifosissima società liberista il dogma supremo sono gli “affari” e i principi base, come in tutte le società di diritto mafioso, sono “gli affari sono affari” e “nulla di personale sono solo affari”; in nome di questi principi si legittimano tutti i crimini del mondo dagli omicidi alle stragi, dai sequestri di cose e di persone alle rapine, dalle truffe alle estorsioni, ricatti furti e chi più ne ha, ne metta.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

La morte ha fatto l'uovo

1968 uno dei registi più sperimentali del cinema Italiano Giulio Questi, realizza un film Horror Thriller con venature erotiche, La morte ha fatto l'uovo, la trama del film veramente agghiacciante si dipana intorno a Marco, un dirigente d'azienda dal fare intellettuale dipendente economicamente dalla moglie, una ricca imprenditrice di pollame, finirà cibo per le galline dopo essere finito in un tritacarne. Nel pezzo di 2 settimane fa, scritto nelle ore precedenti alle manifestazioni del popolo "No Green Pass", avevo ipotizzato una carriera da mago, oracolo o similare, nel caso avessi indovinato un'eventuale recrudescenza, di stato di polizia, e di equiparazione, “No Vax-Terrorismo”. Puntuale come la morte, arrivano i primi arresti, e la fabbrica di fango necessaria per dare il via ad una nuova strategia della tensione.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.