L’uomo, animale virtuale: come stiamo passando dal Covid al Transumanesimo

Ormai anche i più scettici stanno capendo che non si torna più indietro. Ci dicono tutti media già da tempo che, con l'emergenza epidemiologica, dobbiamo abituarci al passaggio dalle cose alle e-cose a distanza, e-things in inglese. Ce lo ha detto chiaramente il guru di Davos, Klaus Schwab, nel suo libro sul Great Reset nella primavera del 2020: Netflix in luogo del teatro, lo smart working al posto del lavoro in presenza, l'e-learning (o Didattica a distanza – DaD) invece che la classe con studenti e insegnanti, Amazon che ti porta ogni oggetto a domicilio, e molte altre cose ancora che, dall'epifania del Coronavirus, si sono per così dire dematerializzate e desocializzate, traslandosi nella nuova dimensione del digitale da casa.

Come bene ha puntualizzato il filosofo Giorgio Agamben, il distanziamento sociale, vero fulcro della società riorganizzata in chiave pandemico-sanitaria, fa sistema con la tecnologia digitale, tanto che non è più niente di nascosto o “complottista” perché adesso pure i Ministeri del Governo si chiamano così: ne scaturisce una società non sociale, incardinata su atomi reciprocamente distanziati, che cercano di immunizzarsi l’uno con l’altro fino all’isteria, e che comunicano solo mediante i nuovi dispositivi digitali, divenuti unico spazio sociale ammissibile perché perfettamente controllabili. Provate per un attimo a riflettere realmente sull'essenza della nuova barbarie digitale e del nuovo dispotismo tecnicizzato della distanza sociale: se, per il nuovo animala virtuale che è l’uomo postmoderno, il lavoro e l'istruzione diventano da casa, non stupisce che anche la reclusione coatta si riconfiguri come reclusione coatta da casa o lockdown, per usare un termine più chic.

Non è difficile immaginare come nel quadro della nuova società post-umana che sta prendendo forma, e che trova nell' emergenza epidemiologica la propria imperdibile occasione per strutturarsi, si verificherà e anzi già si sta verificando una situazione tremenda di questo tipo. È altrettanto facile da comprendere come chiunque non risulterà organico al blocco dominante della civiltà neoliberale tecnodinamica sarà di fatto tumulato in casa, condannato non soltanto al lockdown perpetuo, che è già da un anno il paradigma riuscito della nuova modalità di governo delle cose e delle persone, ma anche al silenziamento inappellabile, mediante chiusura dei profili dei colossi del web e delle piattaforme dette social network. Come nelle migliori tirannie, i non allineati verranno fatti sparire come sassi nell'oceano, per riprendere la bella formula di Antonio Gramsci, senza nemmeno che vi sia più bisogno di sopprimerli fisicamente, anche perché la dimensione fisica ha ormai acquisito un valore inferiore a quella digitale, tant’è che vale più un profilo con milioni di follower di una vita in pericolo davanti ai nostri occhi. Senza nemmeno il bisogno di agire con forme coercitive attive, si lascerà marcire agli arresti domiciliari del lockdown, nella propria dimora trasformata in prigione, senza nemmeno più la possibilità di comunicare con l'esterno mediante le forme della tecnologia digitale, tutti coloro che non accoglieranno con devota reverenza il padrone del mondo, per dirla con Robert Hugh Benson, mentre il Ministero della Verità di orwelliana memoria starà a rimpinguare i nostri vicini di casa con le nuove narrazioni di una Storia riscrivibile, dalla quale, pare, non abbiamo imparato quasi niente.

Non è poi nemmeno pura fantascienza immaginare che in un futuro non troppo remoto il potere istituirà, a mo' di punizione per i dissidenti, la disconnessione dalla rete dell'internet. Il 2021 da poco iniziato sta già dando prova in modo niente affatto marginale di questa tendenza, ricordandoci con fastidiosa insistenza che l’internet non è uno spazio di pubblico dominio, ma una piattaforma militare privata, una gigantesca rete piena di succulente esche dove tutti quanti, prima o dopo, siamo finiti, ma che rete da pesca rimane e quando il pescatore vorrà tirarla su, resteremo soffocati all’oblio delle nostre identità virtuali.

La propaganda prosegue senza sosta da anni sommessamente, in maniera subliminale, notificandoci le informazioni che, messe insieme, danno forma a paradigmi indiziali che pochi hanno saputo captare e ricostruire; la massa, stolta per suo statuto diceva Weber, attende belante che il pastore macellaio indichi verso quali albeggianti pascoli ibridati proseguire l’esistenza, o meglio la sopravvivenza. Si fa passare l'idea che, data l'emergenza, vi è bisogno di norme di emergenza. Poi l'emergenza diviene nuova normalità e quindi anche le norme attivatesi per l'emergenza divengono nuova normalità. Con ciò si è prodotto il grande cambiamento o Great Reset che dir si voglia. Attenzione: ancora siamo all’inizio, la sovversione delle economie mondiali e lo spodestamento di tutti gli Stati nazionali, preconizzata nelle pergamene sacre dei forum dell’alta finanza, non è ancora giunta. Il meglio deve ancora venire. E il guaio è che la resa colma di gratitudine dei più è assicurata. A noi, ai resistenti, ai ribelli, a coloro che lavorano per essere Uomini Nuovi, il compito di essere gli eroi che nella pre-futurità dell’oggi, si traghetteranno il piccolo resto nella Nuova Era.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L'antifascismo in assenza di Fascismo

di Adriano Tilgher

Davanti al nulla assoluto della loro presenza e capacità politica ed al loro squallido servilismo nei confronti dell’emissario dei potentati anti italiani, Draghi, tutti i partiti ed i sindacati hanno ritrovato ossigeno e una ragione per esserci nell’antifascismo. L’antifascismo è un rito antico, impostoci con il diktat di pace del 1947 da inglesi, americani, marocchini che ci hanno sconfitti ed occupati il 25 aprile 1945 e non se ne sono più andati. Un rito recepito dalla nostra costituzione nelle norme transitorie e finali che non transitano mai.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Sindacalismo Rivoluzionario

Settembre 1904 con il primo sciopero nazionale prende ufficialmente vita in Italia il "Sindacalismo Rivoluzionario", tra i principali ideologi il francese Georges Sorel e gli italiani Arturo Labriola e Enrico Leone. Il principio fondamentale del sindacalismo rivoluzionario era l'indipendenza sindacale nei confronti sia dei partiti politici che dello Stato. Inizialmente nasce come corrente di sinistra in seno al Partito Socialista per poi distaccarsene nel congresso di Ferrara del 1907, per avviare un lavoro sindacale autonomo, dapprima nelle campagne emiliane, poi nei centri industriali del Nord, e nelle miniere di Puglia e Toscana. I suoi organizzatori più attivi furono Alceste De Ambris e Filippo Corridoni. Nel 1907 a Parma nasce la CGdL, su una idea di Alceste de Ambris. Nel 1912 Filippo Corridoni ed altri, spaccano il movimento creando l'(USI), l'Unione Sindacale Italiana, che aumentò il proprio peso politico diffondendosi specialmente a Milano.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.