Il Grande Tiepidume

Il grande forse avanza. Non si hanno più certezze, sono quasi tutte minate. Col piede sull’acceleratore, i pigmalioni di questo mondo stringono la morsa sempre di più. Non trovano ostacoli, se non uno sparuto e coattamente tacitato gruppo di uomini e donne che resistono, divulgando informazioni e rifiutando sieri in sperimentazione. È un colpo di stato globale definibile come Grande Reset. Una risistemazione, un azzeramento forzato di ogni paradigma prima vissuto; come se la realtà conosciuta, le certezze condivise, la tradizione che si tramanda da padre in figlio fossero annullabili premendo un bottone. Tutta questa diabolica operazione programmata, non trova per ora ostacoli decisivi poiché di fronte incontra il grande tiepidume. Nell’Apocalisse giovannea ne leggiamo la condanna: «Conosco le tue opere: tu non sei né freddo né caldo. Magari tu fossi freddo o caldo!  Ma poiché sei tiepido, non sei cioè né freddo né caldo, sto per vomitarti dalla mia bocca». (Ap. 3Vv15)

Per Dante furono gli Ignavi (i vili), intrappolati nell’antinferno, poiché nemmeno degni di abitare nel pieno regno infernale.  Sono una fitta schiera di uomini che «mai non fur vivi» e che vissero «sanza ‘nfamia e sanza lodo».

Masse di individui anestetizzati, mai certi di una posizione. Seguono i capi; gli insulsi ma pericolosissimi politicucci europeisti che mortificano dal loro pulpito ogni coscienza pensante! Sono gli ascoltatori di radio mediocri, di programmi televisivi putrescenti. Ma sono anche progressisti, poiché questo vuole il sistema democratico-dittatoriale che elargisce falsi diritti. Sono quelli che ‘andrà tutto bene’ poiché con una punturina si potrà ricominciare a viaggiare, ad uscire la sera.  Sono gli edonisti senza più anima che ahimè contribuiscono a rimpolpare le tasche e l’ego dei nostri aguzzini, di coloro che concorrono alla dilagante desertificazione morale di questo mondo alla deriva. Sono i tiepidi. A guardar le stelle del cielo fanno fatica, preferiscono applaudire le starlette del festival dei fiori.  All’informazione su cosa si inoculano, preferiscono il coro unanime dei virologi portatori di sventura.  Anche a causa loro la dittatura avanza indisturbata, per questo non meritano nessun condono.  Una dittatura subdola che solo in pochi definiscono tale, poiché esplicabile nell’immagine dei lupi vestiti da agnelli. Eppure loro non vedono, non odono, non sanno, preferiscono, come fossero banchi di pesci ciechi, nuotare in strette insenature marine, senza scorgere la luce che filtra dalla superficie o tentare il guizzo verso le profondità abissali.    

«Non ragioniam di lor, ma guarda e passa», consigliò Virgilio al sommo Dante già citato, poiché nessuna traccia lasceranno nel mondo, così colpevoli d’aver seguito un flusso grigiastro. Allora, nell’epoca in cui visse Dante, come ora, il loro identikit pare immutato. C’è solo una drammatica differenza: Dante fu esule, trovò riparo altrove…il Grande Reset ha messo la sua mano dannata su tutto il mondo conosciuto! Non c’è scampo e di tiepidi si è riempita la terra. Ovunque vedremo lo scempio dittatoriale della nuova scienza sanitaria, meglio definibile come ‘Lascienza’ senza coscienza; ovunque saremmo costretti a sopportare la vista di bambini privati di abbracci, di giovani creature che malauguratamente non codificheranno il sorriso nella loro memoria visiva ed emotiva poiché vedranno una strana stoffa sul viso delle persone che incontreranno;  ovunque saremo tracciati e costretti a giustificare i nostri movimenti; ovunque dovremmo udire i giornalisti di regime infilare una dietro l’altra perle di ignoranza senza vera informazione. Ovunque! La colpa? È anche dei tiepidi poiché sono la maggioranza di cui il sistema si serve per mettere a tacere chi, con onestà intellettuale e grande fatica, continua a lottare per questo mondo e per i figli dei figli che verranno. È notizia di oggi, martedì 30 marzo 2021 che You Tube ha chiuso Byoblu rimuovendo anni di informazione libera. Molti altri contenitori di libero pensiero sono in pericolo. Ma a loro interessa l’Enrico nazionale, il Mentana che mente, o altri malfattori del mainstream. Qui sta il dolo: non è affar loro, così come non è affar loro la chiusura dei ristoranti o di altre attività che colpevoli di non fregiarsi del marchio di grandi catene-multinazionali, chiuderanno. Cosa gli importa se la piccola azienda a conduzione familiare va in rovina? Saranno spiaciuti per le loro cene fuori, ma accoglieranno lo strabiliante servizio di Just Eat, Glovo, o qualche altra diavoleria inventata da Amazon.  Nulla di male se non diventasse regola o se restasse solo saltuaria eccezione. Quindi il loro modo di vivere non sarebbe disturbante se ci fosse anche consapevolezza o una insperata lucida e netta presa di posizione, un moto d’impulso, un ardore del cuore; se presi da lucidità alzassero una bandiera in favore di quello o quell’altro!  Nulla da fare la passività dei tiepidi è il leitmotiv dei nostri giorni, nonché suo specchio riflettente. Poiché i tiepidi sono egoisti, vivono nel loro piccolo mondo di timori reverenziali, senza neanche rendersene conto ma questo ci dà la cifra del loro essere complici. Non seguono né il sommo bene né il sommo male e per questo «Fama di loro il mondo esser non lassa; misericordia e giustizia li sdegna».


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L'Italia e i diktat

di Adriano Tilgher

Sono oltre 70 anni che l’Italia subisce i diktat altrui senza reagire, ma neanche mediare. Da quando il 25 aprile 1945 il nostro territorio è stato completamente occupato dalle truppe anglo-americane e la resa senza condizioni firmata di nascosto il 3 settembre del 1943 e resa pubblica l’8 settembre successivo è diventata un diktat imperativo con il trattato di Parigi del 1947, l’Italia è diventata una nazione a sovranità limitata con 20.000 soldati americani - forniti di ordigni nucleari, missili e armi sofisticatissime, in basi autonome ed indipendenti da qualsiasi controllo anche giudiziario - che occupano il nostro territorio, ancora oggi.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Attacca, Boia!

1952, Pinuccia, Diana, Lisetta e Tonini (Antonietta), le sorelle Nava, Soubrettes, attrici e cantanti, portano in palcoscenico una satira bonaria del fascismo e del suo Duce con uno spettacolo che mutuava il titolo da un verso dell'opera lirica Tosca: Dinanzi a lui... Tre Nava tutta Roma. Le 4 sorelle figlie di Brugnoletto, (nome d'arte attribuito da Trilussa a Giuseppe Ciocca) e della circense Giorgina Nava, durante il Regime facevano parte della compagnia Teatrale di Nino Taranto Nel 1945 sono al fianco di Carlo Campanini e Alberto Rabagliati in Pirulì Pirulì, spettacolo firmato dal duo Garinei e Giovannini. Sino agli anni 70 le sorelle Nava saranno impegnate oltre che sui palcoscenici di tutta Europa anche in radio, cinema e tv calcando il palcoscenico al fianco di artisti come Totò, Macario, Carlo Dapporto e Nino Manfredi. Pinuccia leader del gruppo e capocomico, iniziava ogni spettacolo dando il via all'orchestra al grido di Attacca, Boia!

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.