Parrucche bionde

Anni fa, per provare quali emozioni mi procurasse la vista di un monumento eretto in onore di un traditore, andai nella selva di Teotoburgo, in Germania, dove sorge quello di Arminio, e il cagnolino della persona che mi ci aveva accompagnato fece qualcosa in mia vece: alzo' una delle due zampe posteriori e ci pisciò sopra.

Checché ne dicano i sostenitori delle 'magnifiche sorti e progressive', c'è un circuito stampato in fondo all'anima oscura dei popoli, come un codice a barre che si è impresso, indelebile, sulla loro storia passata e ne influenzerà il destino per sempre.

E' solo la nostra fantasia a farci credere di poter essere più veloci del tempo incorporato nelle cose. Lo sfregio di Sedan, ad esempio, si é trasformato, nella memoria profonda dei francesi che popolano l'Alsazia, in un'abrasione impercettibile, e l'io collettivo che prende il caffé nei bar all'aperto dei Champs Elysees sente ancora, a farci caso, come una specie di scalpiccio, come un rumore lontano di zoccoli: sono quelli dei cavalli di una compagnia tedesca, preceduta dalla svastica e da un tamburo, che si trovano a mal partito sulla superficie viscida del pavé. 

Vanno e vengono, da quel di', da quel 14 giugno del '40, lasciando dietro di sé l'effluvio acre dello stallatico: mancano solo i netturbini del giorno dopo, ma é un dettaglio superfluo.

Il rapporto tra grandi Nazioni e grandi Stati si traduce sempre in un numero decimale. A destra della virgola si sviluppa una sequenza numerica illimitata, la dimostrazione irrefutabile del fatto che i conti non tornano – né ora né mai – neppure se prima della virgola c'é uno zero.  

Nell'arrivare al Brennero, é come se, tutte le volte, io mi stia preparando a vivere un'avventura. Facile facile. Ma è comunque quella di chi é in procinto di varcare una soglia, di passare dall'altra parte. C'è anche l'ineffabile disagio di uno che traduce in automatico il termine 'tedeschi' in 'crucchi', che ha soggiornato a Legnano, nell'orrendo rimbombo della battaglia, migliaia di morti, prima che suonasse la campanella dell'ultima ora di Storia.  

Certo, molte cose nel frattempo sono cambiate. Così si dice. L'aforisma di Andreotti -quello con cui  dichiarava di amare la Germania al punto di  volerne due, invece che una, troppo grossa, e con troppi tedeschi dentro – si é dissolto nell'angelico ottimismo dei benpensanti, secondo i quali la Germania della Merkel, addirittura più longeva di quella di Bismark, è come il mozzo di una grande ruota piena di raggi (l'Unione Europea), piuttosto che un enorme tumore che si sta mangiando tutta l'Europa, fingendo di essere essa stessa l'Europa.

È Europa quando si tratta di prendere: succede quasi sempre. È Germania – bonta' sua – quando dà: succede assai di rado, all'insegna delle modiche quantità, tenga buon uomo!

Si sta facendo strada tra coloro che dispongono di un certo tipo d'intelligenza il  convincimento che l'UE non sia solo l'estensione geografica della Germania, ma cha alla base di questo aborto della politica e della Storia ci sia l'allucinazione di chi, come Kalergi, nel '22, e gli estensori del manifesto di Ventotene, nel '41, osservava le macerie fumanti provocate da due guerre mondiali e immaginava che fondendo gli Stati europei in un unico insieme, sia pure sotto forma di federazione, si potesse scongiurare, almeno nel continente, un'eventuale recidiva.

Non avevano preso in considerazione l'attitudine dei conflitti a spostarsi verso l'alto seguendo l'evoluzione geometrica dei frattali; e fecero finta di non sapere che mentre l'esistenza degli Stati Uniti d'America era tributaria dalla promettente desolazione dell'ambiente in cui si trovarono ad operare i primi coloni dell'Arizona o del Connecticut, l'Europa era già irta di campanili, di saliscendi, di contrasti e doveva la sua ineguagliabile grandezza al fatto che ci sono così grandi differenze tra un popolo e l'altro che quelle tra un molosso napoletano e un volpino (entrambi cani, fino a prova contraria) al confronto sono un'inezia. 

Il sospetto, quindi, che tale allucinazione sia stata abilmente sfruttata per sperimentare in Europa le alchimie criminali del NWO, e che gli esecutori di tale piano vi abbiano eletto domicilio come fa il paguro con le conchiglie disabitate, non è certezza, ma vi si avvicina parecchio: soprattutto se sulla carta topografica per le simulazioni tattiche ci mettiamo dei pupazzetti in giacca e cravatta al posto dei soliti soldatini di piombo con l'elmetto chiodato e se si presta attenzione agli ultrasuoni emessi dalle agenzie pubblicitarie che esaltano la Volkswagen 'perché è tedesca' e dai media che si inchinano alla Mercedes, alla Miele e alla squadra del Bayern 'perché sono tedesche'.

C'è in questa specie di nazionalismo praticato per conto terzi il raccapricciante 'non sense' del maialino che sorride, contento e beato, da una confezione di strutto. C'è l'esatto contrario di quanto succedeva nella scena finale del film 'Pane e cioccolata'. Lì il cameriere italiano che era stato costretto ad emigrare per trovare un lavoro si strappava la parrucca bionda dal capo nel momento in cui Rivera imbucava il 4 a 3 dell'Azteca, e inveiva contro tutti coloro che -così piccolo e nero – lo avevano umiliato per una vita.

Qui, invece, un sacco di gente si è messa in testa una parrucca bionda. Fa trendy.


Editoriale

 

Il ruolo dell'Italia - 4

di Adriano Tilgher

Patrimonio culturale immateriale, patrimonio culturale materiale, faro di cultura e di civiltà, posizione geopolitica e strategica fondamentale per l’equilibrio nel Mediterraneo in una nuova identità che nasca dal superamento di tutte le contraddizioni interne sono il presupposto per definire il ruolo finale dell’Italia. Non si tratta di egemonia mondiale di cui stiamo parlando perché questa sul piano culturale ci appartiene di diritto e ci è riconosciuta da tutti ed è la ragione principale per cui l’Italia è sotto attacco soprattutto nel campo della formazione. Non si tratta nemmeno di becero imperialismo imperniato sulla forza delle armi sotto l’egida e il ricatto della grande industria militare, stiamo parlando di qualcosa di molto più concreto, legato ai valori profondi dell’essere umano e delle comunità che riesce a costruire.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Più buio che a mezzanotte non viene

22 giugno 1946 entra in vigore il: “Decreto presidenziale di amnistia e indulto per reati (..), politici e militari”, avvenuti durante il periodo dell'"occupazione nazifascista". Legge proposta e varata da Palmiro Togliatti, segretario del PCI, e allora ministro di Grazia e Giustizia del primo governo De Gasperi. L'amnistia, che prenderà il nome dal suo promulgatore, aveva come scopo primario, quello di giungere quanto prima a una pacificazione nazionale, per evitare che l'"epurazione", degli ex fascisti rallentasse la ricostruzione materiale del paese. Con l'amnistia vennero scarcerati migliaia di detenuti che furono reinseriti senza troppo clamore nella cosiddetta "Società Civile". Stranamente (o forse no) alcuni degli ex prigionieri, arriveranno perfino a iscriversi al Partito Comunista, chi per convenienza, chi per continuare l’ideale battaglia de: "Il sangue contro l'oro",  in quanto (almeno a parole) vedevano nel PCI un argine ad una visione liberista del mondo, identificando più che nell'unione Sovietica il nemico in quegli Stati Uniti artefici di massacri e distruzione delle nostre città.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.