Il nuovo "alto consigliere" di Papa Bergoglio

Il Papa Bergoglio, nell'intervallo fra una predica a favore dei migranti ed un'altra per esortare all'accoglienza, ha lasciato la sua sede in Vaticano e si trova in viaggio per Santiago del Cile dove lo aspettano le autorità di quel paese e la comunità dei cattolici delle Chiese cilene. Appare sicuro che, anche in terra cilena, non dimenticherà di menzionare il grande tema a favore delle migrazioni, probabilmente suggerito da qualche consigliere.

A proposito dei consiglieri del Papa, all'inizio di questo mese è circolata l'indiscrezione che, fra questi consiglieri di alto livello, sia arrivato anche un certo Peter Sutherland, un personaggio a cui il Papa aveva dato in febbraio la presidenza della "International Catholic Migration Commission", e che sembra sia anche consigliere della Amministrazione del Patrimonio della Sede Apostolica (APSA).

Questo Peter Sutherland risulta essere anche il rappresentante delle Nazioni Unite per le migrazioni e, nella sua veste all'ONU, si è sempre adoperato per promuovere le grandi migrazioni verso l'Europa dall'Africa e dall'Asia.

Sutherland è un ex banchiere già "chef executive" della Goldman Sachs International e di varie grandi società, fra cui la British Petroleum -BP. E’ stato fra l'altro direttore Generale dell‘Organizzazione Mondiale del Commercio (WTO) ed ha ricoperto l'incarico di Commissario europeo alla Concorrenza.

In pratica è un componente della ristretta elite globalista che governa il mondo. Non per nulla Southerland è anche presidente onorario della "Trilateral Commission" ed è il capo della "London School of Economics.

Il programma di Southerland si ricava dai suoi discorsi ufficiali: "L’Unione Europea deve fare del suo meglio per minare l’omogeneità dei suoi stati membri”, aveva dichiarato nel giugno 2012. Sutherland ha anche affermato la" necessità di arrivare a società multiculturali in un nuovo ordine mondiale che superi le culture autoctone e che si incammini verso una molteplicità di culture".

Tale personaggio che abbiamo sopra descritto risulta quindi essere uno dei pseudo ideologhi della Chiesa "modernista e aperta" di Papa Bergoglio.

Però Peter Sutherland è deceduto il 7 gennaio di questo anno e presto sarà sostituito da un altro personaggio del suo livello.

Quando "el Papa" rientrerà a Roma troverà ad aspettarlo i protagonisti del circolo mediatico e pseudo intellettuale di riferimento, che saranno lieti di proseguire nel loro programma e di sollevare il nuovo vessillo pontificio per "santificare" l'idea del mondo globale che ci attende, assieme con la prossima "africanizzazione dell'Italia", quella che ci aveva predetto inascoltata  la compianta antropologa Ida Magli.

Sarà un mondo carico di promesse e di illusioni per i migranti che arrivano nella penisola, non altrettanto per i perdenti della globalizzazione, come quella coppia trovata a dormire, con bambino di due anni al seguito, nel vagone di un treno abbandonato su un binario morto alla stazione di Cagliari, hanno il torto di essere italiani e nativi sardi, una categoria non prevista dagli apostoli della Globalizzazione. Di loro il Papa e le istituzioni dello Stato non hanno tempo di occuparsi, non rientrano nella "categoria protetta" dei migranti.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L'Italia e i diktat

di Adriano Tilgher

Sono oltre 70 anni che l’Italia subisce i diktat altrui senza reagire, ma neanche mediare. Da quando il 25 aprile 1945 il nostro territorio è stato completamente occupato dalle truppe anglo-americane e la resa senza condizioni firmata di nascosto il 3 settembre del 1943 e resa pubblica l’8 settembre successivo è diventata un diktat imperativo con il trattato di Parigi del 1947, l’Italia è diventata una nazione a sovranità limitata con 20.000 soldati americani - forniti di ordigni nucleari, missili e armi sofisticatissime, in basi autonome ed indipendenti da qualsiasi controllo anche giudiziario - che occupano il nostro territorio, ancora oggi.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Attacca, Boia!

1952, Pinuccia, Diana, Lisetta e Tonini (Antonietta), le sorelle Nava, Soubrettes, attrici e cantanti, portano in palcoscenico una satira bonaria del fascismo e del suo Duce con uno spettacolo che mutuava il titolo da un verso dell'opera lirica Tosca: Dinanzi a lui... Tre Nava tutta Roma. Le 4 sorelle figlie di Brugnoletto, (nome d'arte attribuito da Trilussa a Giuseppe Ciocca) e della circense Giorgina Nava, durante il Regime facevano parte della compagnia Teatrale di Nino Taranto Nel 1945 sono al fianco di Carlo Campanini e Alberto Rabagliati in Pirulì Pirulì, spettacolo firmato dal duo Garinei e Giovannini. Sino agli anni 70 le sorelle Nava saranno impegnate oltre che sui palcoscenici di tutta Europa anche in radio, cinema e tv calcando il palcoscenico al fianco di artisti come Totò, Macario, Carlo Dapporto e Nino Manfredi. Pinuccia leader del gruppo e capocomico, iniziava ogni spettacolo dando il via all'orchestra al grido di Attacca, Boia!

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.