La fiera delle vanità: il femminismo incontra Hollywood

Dopo lo scoppio dell’affaire Weinstein l’ondata giustizialista che ha investito il mondo dello spettacolo sembra non volersi arrestare e ce ne hanno dato conferma gli ultimi Golden Globes aggiungendo un altro tassello allo psicodramma hollywoodiano targato #metoo: le dive della Versailles del XXI secolo, infatti, hanno deciso di sfilare rigorosamente in nero per pubblicizzare l’ennesimo messaggio femminista: time’s up, il tempo è finito. Per cosa? Per le molestie sessuali.

E’ indubbio che denunciare violenze e ricatti sul luogo di lavoro sia un atto onorevole per chiunque, uomo o donna che sia, se non fosse che in questo caso le accusatrici sono le stesse che per anni hanno avallato con la propria omertà un sistema marcio e corrotto fino al midollo solamente per trarne un vantaggio in termini di carriera, ridicolizzando in tal modo chi una violenza sessuale o un licenziamento ingiusto lo ha davvero subito.

Asia Argento e le sue amiche non sono delle eroine né delle pasionarie, ma le degne eredi di Erodiade e Salomè e la riprova sta tutta nella investitura mediatica, prima che politica, di Oprah Winfrey, donna e nera, a nemesi di Trump, il mostro etero-patriarcale agitato dai Neocon per galvanizzare le masse democratiche.

La lotta delle principesse di Hollywood è quindi tutto tranne che autentica: è una guerra di potere, non di genere. E anche laddove prevalga la narrazione femminista su quella puramente politica, queste donne, ancora una volta, non fanno che rappresentare se stesse, pur pretendendo di farsi portavoce delle istanze dell’intero genere femminile ; senza considerare poi il fatto che le “donne”,  nonostante quello che la propaganda liberale vuole farci credere, non sono e non saranno mai una classe sociale ed è questo, a mio avviso, l’unico punto realmente rilevante dell’intera vicenda: il femminismo e le sue ricche e viziate ancelle non hanno come scopo ultimo l’emancipazione della donna (se non da se stessa), ma la distruzione della lotta di chi, uomo o donna, non ha niente contro chi ha tutto.

Cosa rappresenta Angelina Jolie per una madre yemenita o una operaia di Detroit: una donna o l’esponente di un mondo dorato costruito sulle sue spalle e sul suo sangue?

Noi propendiamo per la seconda ed è da questo assunto che occorre ripartire.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L'antifascismo in assenza di Fascismo

di Adriano Tilgher

Davanti al nulla assoluto della loro presenza e capacità politica ed al loro squallido servilismo nei confronti dell’emissario dei potentati anti italiani, Draghi, tutti i partiti ed i sindacati hanno ritrovato ossigeno e una ragione per esserci nell’antifascismo. L’antifascismo è un rito antico, impostoci con il diktat di pace del 1947 da inglesi, americani, marocchini che ci hanno sconfitti ed occupati il 25 aprile 1945 e non se ne sono più andati. Un rito recepito dalla nostra costituzione nelle norme transitorie e finali che non transitano mai.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Sindacalismo Rivoluzionario

Settembre 1904 con il primo sciopero nazionale prende ufficialmente vita in Italia il "Sindacalismo Rivoluzionario", tra i principali ideologi il francese Georges Sorel e gli italiani Arturo Labriola e Enrico Leone. Il principio fondamentale del sindacalismo rivoluzionario era l'indipendenza sindacale nei confronti sia dei partiti politici che dello Stato. Inizialmente nasce come corrente di sinistra in seno al Partito Socialista per poi distaccarsene nel congresso di Ferrara del 1907, per avviare un lavoro sindacale autonomo, dapprima nelle campagne emiliane, poi nei centri industriali del Nord, e nelle miniere di Puglia e Toscana. I suoi organizzatori più attivi furono Alceste De Ambris e Filippo Corridoni. Nel 1907 a Parma nasce la CGdL, su una idea di Alceste de Ambris. Nel 1912 Filippo Corridoni ed altri, spaccano il movimento creando l'(USI), l'Unione Sindacale Italiana, che aumentò il proprio peso politico diffondendosi specialmente a Milano.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.