“Task Shifting”: una riforma ultraliberista del sistema sanitario nazionale

La professione medica è in pericolo e con essa la salute dei pazienti: sono già alcuni anni che una certa politica, con la complicità della vanagloria di alcuni ordini professionali e di pochi medici compiacenti, parla senza paura di “Task Shifting”, che tradotto significa letteramente “il trasferimento delle competenze professionali dal medico ad altre figure sanitarie".

In poche parole si sta cercando di demansionare la figura del medico utilizzando come giustificazione la cattiva programmazione e la conseguente carenza di specialisti.

Già in passato si è tentato di legiferare per permettere agli infermieri di poter prescrivere farmaci, arrivando addirittura a ipotizzare la creazione di "reparti gestiti da soli infermieri" ( fino ai cosiddetti “ospedali di comunità” a gestione infermieristica tanto cari alla signora Barbara Mangiacavalli, presidente FNOPI).

Ci teniamo a ricordare che questi avvenieristici stravolgimenti dell’organizzazione del sistema sanitario nazionale configurano il reato di  “esercizio abusivo della professione medica” (articolo 348 del codice penale), in quanto gli atti medici (attività di diagnosi e terapia) sono indelegabili (per legge e per codice deontologico). 

Il più strenuo sostenitore del Task Shifting è Sergio Venturi, assessore alla sanità dell’Emilia Romagna in quota PD, già radiato nel 2018 dall’ordine dei medici di Bologna.

Venturi, intervendo il 5 ottobre al congresso nazionale FIALS, non si è fatto scrupoli nel dire che i tecnici di radiologia possono refertare esami radiologici, che gli infermieri possono indurre l’anestesia e che di fatto i medici sarebbero degli impiegati, tanto da definire l’anamnesi, tappa imprescindibile del percorso diagnostico-terapeutico, un mero “atto burocratico”.

La cosa ancora più grave è che successivamente Venturi ha proposto un vero e proprio voto di scambio, promettendo agli infermieri e alle altre professioni sanitarie di portare il task shifting direttamente sulla scrivania del ministro della salute, allargando in tal modo le maglie delle loro competenze professionali (per le quali, ricordiamolo, non hanno una adeguata preparazione universitaria).

E’ chiaro quali siano i reali motivi che spingono verso il demansionamento dei medici a favore degli infermieri: risparmiare, risparmiare e risparmiare; è lo stesso Venturi a dirlo: assumere due tecnici radiologi o due infermieri al posto di due medici costerebbe la metà.

E non manca una certa pruriginosa esterofilia, tipica del PD, per dare una giustificazione “cool” a quella che è, ripetiamolo, una violazione del codice penale e del codice deontologico: “negli stati uniti l’86% delle anestesie è somministrata da infermieri-anestesisti” (sic!).

Ricordo all’assessore Venturi che secondo la classifica Bloomberg 2018, che valuta quali siano i sistemi sanitari più efficienti al mondo in base al rapporto tra costi e aspettativa di vita, l’Italia è al QUARTO posto, gli Stati Uniti al CINQUANTAQUATTRESIMO.

Task Shifting? No grazie!


Editoriale

 

Vincitori e vinti alle elezioni

di Adriano Tilgher

I dati ormai sono sul tavolo, i giornali di regime ci hanno raccontato chi ha vinto e chi ha perso, i principali interpreti si sono tutti manifestati, pure il nostro Pensiero Forte ha dato le pagelle ai contendenti, sembra una pratica da archiviare. Anche se… tutto può ancora succedere. L’aumento delle astensioni dal voto manifesta, come in tanti hanno commentato, disaffezione e malessere, ovvero l’aumento della distanza sempre più significativo tra la gente e le istituzioni. D’altra parte non poteva essere diversamente visto tutto quello che è accaduto in questi ultimi anni.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Abbiamo vinto il Festival

Lo scorso fine settimana si sono svolte elezioni politiche importantissime per il futuro del nostro paese, e perciò vi parlerò... di musica. 1992 nella kermesse della quarantaduesima edizione del Festival di Sanremo, partecipa il gruppo musicale "Statuto", fra i maggiori rappresentanti di un genere da sempre sottovalutato nel nostro paese, lo Ska. Stile musicale partito dalla Giamaica tra la fine degli anni 50 ed i primi anni 60, approdato dopo l'indipendenza della Giamaica nel 1962 nel regno unito. In quel paese lo Ska venne conosciuto anche con il termine bluebeat, perché molti dei primi singoli ska erano realizzati per l'etichetta discografica Blue Beat Records.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.