Living will

Controllare l'imprevedibile: il Living Will

Quante volte crediamo che un male per un bene sia un male travestito da bene, quindi giustificabile? Da ciò che si evince, consultando alcuni punti tramandati mediaticamente del disegno di legge S. 2801 “Norme in materia di consenso informato e disposizioni anticipate di trattamento”, gli elementi di maggiore criticità riguardano perlopiù l'obbligatorietà del testo e il contenuto sotteso ad espressioni come trattamenti “sproporzionati”o “ gravosi”. Tratta in primis del bavaglio applicato alla coscienza di medici e strutture il cui codice etico e deontologico è alimentato da principi contrari all'ipotesi che il medico possa figurare come ausilio/causa di morte nel crudo assolvimento di desideri da soddisfarsi a prescindere, rinnovandone la vocazione originaria, diretta al solo vero bene integro della persona, in un assoggettamento passivo della libertà di coscienza alla supremazia politico-legislativa nonché soggettiva. In secondo luogo la categorizzazione terapeutica di trattamenti ordinari e salvavita come alimentazione e idratazione, sulle quali il paziente può oggi giostrare arbitrariamente i propri timori o la spinta vitale che sente appartenergli, pretendendo che vengano interrotti/ non avviati questi mezzi di sostentamento minimali, non terapeutici e “normali”, nell'azione di cura. Un approccio di categorizzazione neutra dell'uomo come prodotto fra i prodotti mondiali toglie la sostanza unica delle dimensioni che compongono la persona, occupandosene con criteri qualitativi di efficienza e utilità, dove la funzionalità sostituisce l'essere, giustificando così anche male etico mutato in un bene di diritto. L'intera esistenza viene predisposta culturalmente alla normalizzazione di una concezione funzionalista dell'essere umano, votato al benessere continuo, immediato e non di rado medicalizzato. Non c'è spazio per considerare l'imperfezione che, nel caso in questione, significa malattia, sofferenza e morte (spinte eutanasiche attive e omissive). Gli uomini vengono persuasi da strumenti come il Living Will, ancor più quando le disposizioni concedono di controllare la fine della propria vita mediante il consenso, parzialmente informato, di direttive atemporali prescrittive per medici esecutori, stimolate dal timore e dalla paura del dolore, nell'inganno che questo sia il metodo ideale per proteggere il corpo dal riduzionismo a materiale biologico disponibile senza dignità. Un timore che depaupera il carattere libero dell'incontro tra una fiducia e una coscienza. Il T. B. soffre di una struttura controversa e paradossale anche solo nella dislocazione “ora per allora” talmente ampia e generica che rende malleabile ogni consapevolezza. Essenziale non dimenticare come sia, fin dalle origini, sorto e maturato da ambienti di promozione pro-eutanasici, contesti di sensibilizzazione alla “dolce morte”, che rende innegabile l'innescarsi, per sua stessa natura, di meccanismi di dominio dell'uomo sull'uomo.

Ciò di cui l'ammalato (quindi ciascuno di noi) ha concretamente bisogno è un linguaggio che ami l'uomo e proprio per questo sappia dargli conforto al pensiero del limite. Ecco perché sarebbe decisamente più urgente investire risorse sulla gestione medica del dolore, dalle cure palliative alla terapia del dolore, luoghi in cui si stanno riscoprendo la compassione e un rinnovato riconoscimento della dignità umana, senza clausole. C'è tutto di noi nel modo in cui rispondiamo al dolore: impariamo a preferire il tutto della vita al nulla della morte.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L'Italia e i diktat

di Adriano Tilgher

Sono oltre 70 anni che l’Italia subisce i diktat altrui senza reagire, ma neanche mediare. Da quando il 25 aprile 1945 il nostro territorio è stato completamente occupato dalle truppe anglo-americane e la resa senza condizioni firmata di nascosto il 3 settembre del 1943 e resa pubblica l’8 settembre successivo è diventata un diktat imperativo con il trattato di Parigi del 1947, l’Italia è diventata una nazione a sovranità limitata con 20.000 soldati americani - forniti di ordigni nucleari, missili e armi sofisticatissime, in basi autonome ed indipendenti da qualsiasi controllo anche giudiziario - che occupano il nostro territorio, ancora oggi.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Attacca, Boia!

1952, Pinuccia, Diana, Lisetta e Tonini (Antonietta), le sorelle Nava, Soubrettes, attrici e cantanti, portano in palcoscenico una satira bonaria del fascismo e del suo Duce con uno spettacolo che mutuava il titolo da un verso dell'opera lirica Tosca: Dinanzi a lui... Tre Nava tutta Roma. Le 4 sorelle figlie di Brugnoletto, (nome d'arte attribuito da Trilussa a Giuseppe Ciocca) e della circense Giorgina Nava, durante il Regime facevano parte della compagnia Teatrale di Nino Taranto Nel 1945 sono al fianco di Carlo Campanini e Alberto Rabagliati in Pirulì Pirulì, spettacolo firmato dal duo Garinei e Giovannini. Sino agli anni 70 le sorelle Nava saranno impegnate oltre che sui palcoscenici di tutta Europa anche in radio, cinema e tv calcando il palcoscenico al fianco di artisti come Totò, Macario, Carlo Dapporto e Nino Manfredi. Pinuccia leader del gruppo e capocomico, iniziava ogni spettacolo dando il via all'orchestra al grido di Attacca, Boia!

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.