Recensione del libro “La rivoluzione ignota” di Federico Giuliani

"La rivoluzione ignota. Dentro la Corea del Nord: socialismo, progresso, modernità" è il secondo libro per il giovane Federico Giuliani, giornalista e scrittore, classe 1992, già conosciuto fra le fila de Il Pensiero Forte. Dopo il suo viaggio in Corea del Nord nell’estate del 2017, da cui è nato il suo primo libro Corea del Nord: viaggio nel paese-bunker (Mauro Pagliai Editore), ecco che nuovamente ci parla di questa nazione tanto sconosciuta quanto continuamente trattata dai mass media e della intellighenzia del Belpaese.

Questa volta, l’autore scende fra le strade delle città nordcoreane per poterci far toccare con mano i multiformi aspetti di una cultura tanto differente dalla nostra ma incredibilmente ricca di storia, valori, tradizioni.

Analizza anzitutto il sistema politico, quello di una repubblica democratica, descrivendo con interesse la suddivisione degli organi centrali e locali, strutturati in maniera metodicamente molto ben distribuita ed efficiente, i quali amministrano i vari territori e città creando una sorta di rete amministrativa di stampo socialista, in una modalità praticamente sconosciuta a noi occidentali.

Non manca uno sguardo all’evoluzione legislativa dello Stato, con un excursus storico sugli eventi cruciali che hanno portato la divisione delle due Coree, la prima Costituzione del 1948, riformata poi nel “55 e ne “62, facendo notare come sono cambiate le dinamiche interne anche a livello economico, sia nella gestione statale delle risorse, dei beni e dell’assetto sociale, sia nella vita quotidiana delle persone semplici.

Punto centrale del libro è la spiegazione, ricca e di grande fascino, del juche, la “ideologia”, “filosofia”, “percorso esistenziale” proprio delle Coree, ancora vivo e prospero in quella del Nord, nato in risposta al dominio nipponico, con una mescolanza di valori tradizionali orientali e socialismo, in una ottica di realizzazione della persona all’interno del bene comune. Giuliani ne descrive anche lo sviluppo avvenuto nel corso del secolo scorso, fino alla sistematizzazione di Kim Jong-il, padre dell’attuale leader, senza mancare di dare uno sguardo agli “aggiornamenti” più recenti, che avvengono in una nazione in continuo contatto col mondo occidentali, africano e nord-asiatico.

Nel terzo ed ultimo capitolo, non manca di mostrarci alcune curiosità di quel Paese, come il funzionamento di editoria, radio, tv, internet, stampa e propaganda politica, permettendoci così di concretizzare maggiormente alcuni aspetti spesso erroneamente riportati dai mass media nostrani.

135 pagine da leggere con piacere, per scoprire un paese dove progresso e modernità, valori e tradizioni sono molto di più di quello che possiamo immaginare.


Editoriale

 

Vincitori e vinti alle elezioni

di Adriano Tilgher

I dati ormai sono sul tavolo, i giornali di regime ci hanno raccontato chi ha vinto e chi ha perso, i principali interpreti si sono tutti manifestati, pure il nostro Pensiero Forte ha dato le pagelle ai contendenti, sembra una pratica da archiviare. Anche se… tutto può ancora succedere. L’aumento delle astensioni dal voto manifesta, come in tanti hanno commentato, disaffezione e malessere, ovvero l’aumento della distanza sempre più significativo tra la gente e le istituzioni. D’altra parte non poteva essere diversamente visto tutto quello che è accaduto in questi ultimi anni.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Abbiamo vinto il Festival

Lo scorso fine settimana si sono svolte elezioni politiche importantissime per il futuro del nostro paese, e perciò vi parlerò... di musica. 1992 nella kermesse della quarantaduesima edizione del Festival di Sanremo, partecipa il gruppo musicale "Statuto", fra i maggiori rappresentanti di un genere da sempre sottovalutato nel nostro paese, lo Ska. Stile musicale partito dalla Giamaica tra la fine degli anni 50 ed i primi anni 60, approdato dopo l'indipendenza della Giamaica nel 1962 nel regno unito. In quel paese lo Ska venne conosciuto anche con il termine bluebeat, perché molti dei primi singoli ska erano realizzati per l'etichetta discografica Blue Beat Records.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.