femminismo

Femminile e Femminismo

Autocoscienza e Comunità: sono questi gli strumenti attraverso cui la Donna Frontista raggiungerà quello che, parafrasando Kant, può essere definito un “Aufklarung Femminile” (1), ovvero l’uscita da uno stato di minorità non imputabile, stavolta, né a loro stesse né ai fantasmi della società patriarcale, ma a un mostro ideologico prodotto dalla cultura liberal-capitalista, il femminismo,  un abominio che nulla ha a che spartire con la  gloriosa storia di Olympe de Gouges, Emmeline Pankhurst grandi esponenti del pensiero femminile moderno, di cui invece il movimento femminista contemporaneo rappresenta solo una degenerazione funzionale all’attuale sistema economico-sociale.
Questo, attraverso i mezzi della propaganda liberale io-centrica, ha operato negli anni una progressiva virilizzazione del Femminile, distruggendone l’unità biologica, affettiva e psicologica,  e promuovendo non l’emancipazione della donna dall’uomo, ma della donna da se stessa. Il motivo? L’abbattimento dei costi di uno stato sociale costruito sulle esigenze della Lavoratrice. La Maternità costa troppo? Ecco allora che il capitalista, attraverso il megafono femminista, risponde con  una vera e propria campagna denigratoria nei confronti della medesima:  diventare madre non rientra fra gli obiettivi della donna moderna, i figli sono solo un ostacolo che si contrappone alla sua realizzazione, che per ragioni puramente economiche esige che essa sia libera da qualsiasi legame familiare, etico e morale, in perfetto accordo con la narrazione liberale. Poco importa se questo violenta la natura della Donna e i suoi affetti più profondi: emancipare la donna dalla maternità vuol dire avere lavoratrici più efficienti,  efficienza ottenuta mascherando ragioni puramente economiche con un altro leitmotiv della propaganda liberista: i diritti civili. Non essere una donna è diventato quindi un diritto civile e gli stessi media hanno abilmente contribuito a costruire il mito della donna “forte”, “libera”, “indipendente”, ma soprattutto aderente a un preciso modello, quello maschile, non solo nelle esigenze, ma anche e soprattutto nell’habitus.Risulta essenziale, a questo punto, il recupero di una autentica coscienza di genere  da contrapporre con forza al femminismo,braccio ideologico del capitalismo, che come una moderna dea Kali si propone  la distruzione di tutto ciò che possa definirsi umano. L’autocoscienza appare, quindi, l’unica via percorribile per acquisire la piena consapevolezza dei propri diritti, ma soprattutto dei propri doveri, ed è qui che entra in gioco la dimensione comunitaria, all’interno della quale la Donna potrà e dovrà esprimere pienamente le proprie doti intellettuali, senza mai per questo abiurare al suo ruolo di madre, non solamente dei propri figli, ma soprattutto della società. A tal proposito risulta decisivo il recupero del pensiero di Jane Addams, premio nobel per la pace del 1931,  e della sua idea di “maternità sociale”, attraverso cui migliorare la Comunità per renderla a misura di donna e di bambino: “(…)Il valore della donna  per gli Stati moderni, continuamente costretti ad affrontare riforme sociali, consiste nel fatto che gli statisti oggi sono impegnati nel tentativo di trasformare la nuova sensibilità sociale in azione politica. I tentativi in corso in vari Paesi d’Europa di estendere alle malattie i principi delle assicurazioni sociali e di controllare la disoccupazione attraverso gli uffici nazionali di collocamento non sono tanto delle riforme sociali quanto degli enormi elementi di una grande costruzione di ingegneria sociale, per la quale il parere delle donne è assolutamente indispensabile. Ovunque le Commissioni governative si avvalgono delle testimonianze delle donne per legiferare  in materia di qualità di abitazioni, servizio sanitario, istruzione, assistenza alle persone a carico e molte altre misure riformatrici, perché è ovviamente pericoloso affidare dei delicati esperimenti sociali agli uomini, che sono rimasti completamente estranei alle preoccupazioni sociali e che sono stati eletti a ricoprire cariche legislative unicamente in base a quelle che in passato si consideravano questioni politiche. ” (2)
Per la Addams è dunque  irrinunciabile la sensibilità femminile per migliorare la Comunità, fino a quel punto pensata e declinata solo in senso maschile, e la maternità  non risulta solamente un istinto biologico, ma un patrimonio di esperienze e conoscenze che deve essere valorizzato e messo a servizio dello Stato.
Alla luce di tutto questo l’unica domanda che rimane è: che fare?Non può esistere emancipazione, né un reale movimento femminile organizzato senza che si scardini il sistema di disvalori liberista su cui si fonda la società odierna. Senza considerare i diritti della donna all’interno di una più ampia ridefinizione della dimensione sociale essi continueranno a essere parole vuote, prive di contenuto. La rivoluzione femminile deve essere,quindi, anche e soprattutto una rivoluzione politica e sociale portata avanti da Uomini e Donne di buona volontà al fine di inaugurare una nuova era in cui maschile e femminile potranno cooperare insieme per costruire un mondo più giusto.
Alle Femmine il Femminismo, alle Donne la Rivoluzione!
(1) Immanuel Kant, Beantwortung der Frage: Was ist Aufklärung? (Risposta alla Domanda: che cos’ l’Illuminismo?), 1784
(2) in Anna Rossi Doria, La Libertà delle donne. Voci della tradizione politica suffragista, Torino, Rosemberg & Sellier, 1990

 Federica Florio


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L'antifascismo in assenza di Fascismo

di Adriano Tilgher

Davanti al nulla assoluto della loro presenza e capacità politica ed al loro squallido servilismo nei confronti dell’emissario dei potentati anti italiani, Draghi, tutti i partiti ed i sindacati hanno ritrovato ossigeno e una ragione per esserci nell’antifascismo. L’antifascismo è un rito antico, impostoci con il diktat di pace del 1947 da inglesi, americani, marocchini che ci hanno sconfitti ed occupati il 25 aprile 1945 e non se ne sono più andati. Un rito recepito dalla nostra costituzione nelle norme transitorie e finali che non transitano mai.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Sindacalismo Rivoluzionario

Settembre 1904 con il primo sciopero nazionale prende ufficialmente vita in Italia il "Sindacalismo Rivoluzionario", tra i principali ideologi il francese Georges Sorel e gli italiani Arturo Labriola e Enrico Leone. Il principio fondamentale del sindacalismo rivoluzionario era l'indipendenza sindacale nei confronti sia dei partiti politici che dello Stato. Inizialmente nasce come corrente di sinistra in seno al Partito Socialista per poi distaccarsene nel congresso di Ferrara del 1907, per avviare un lavoro sindacale autonomo, dapprima nelle campagne emiliane, poi nei centri industriali del Nord, e nelle miniere di Puglia e Toscana. I suoi organizzatori più attivi furono Alceste De Ambris e Filippo Corridoni. Nel 1907 a Parma nasce la CGdL, su una idea di Alceste de Ambris. Nel 1912 Filippo Corridoni ed altri, spaccano il movimento creando l'(USI), l'Unione Sindacale Italiana, che aumentò il proprio peso politico diffondendosi specialmente a Milano.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.