Il sistema bancario

di Adriano Tilgher

Come abbiamo visto nell’articolo precedente, il potere è nelle mani della finanza e uno dei più importanti strumenti in suo possesso è il sistema bancario. Le banche infatti servono per determinare chi deve sopravvivere e chi no, chi può accedere al credito e chi no, per sottrarre attraverso meccanismi distorti il risparmio degli italiani, che era una grande risorsa, e per tenere sotto ricatto la classe politica con la complicità della classe politica stessa. Infatti quante imprese, quante attività sono state distrutte da improvvise richieste di rientro dei prestiti o degli scoperti? Quanti si sono dovuti rivolgere agli strozzini per fare fronte a queste richieste improvvise? L’attività economica in Italia è un deserto, sia per le vessazioni di Stato che fra tasse e difficoltà burocratiche (per non parlare di “pizzi” e tangenti) hanno costretto alla chiusura o alla fuga imprese e persone, sia per le azioni destabilizzanti e ricattatorie del sistema bancario.

Quanti artigiani e commercianti hanno dovuto chiudere per l’impossibilità di accedere al credito? Quanti giovani hanno dovuto rinunciare ad espletare attività economica in proprio per mancanza di finanziamenti? Quante coppie hanno dovuto rinunciare a sposarsi o ad avere figli per la mancanza degli elementi base per costruirsi un futuro? E’ chiaro che questo è stato un piano studiato a tavolino per distruggere l’Italia e farne terreno di conquista per altri con la complicità ovviamente della sedicente classe politica. Mai come in questi casi è evidente l’attività strumentale delle banche. La più grande forma di risparmio italiano è stata la casa. Oggi, secondo ultime statistiche, in Italia vanno all’asta 37 immobili ogni ora. Sono cifre pazzesche! Soprattutto se si considera l’enorme numero di immobili ormai finiti nelle mani delle banche e non ancora poste all’incanto. Tutto ciò sta sottraendo gradualmente i risparmi italiani con la complicità ovviamente di chi occupa indegnamente il ruolo di politico. A questo dobbiamo aggiungere le rapine sistematiche che si realizzano con il mercato borsistico che funziona un po’ come il mercato della droga. Si lusinga con le rime vincite per poi bastonare sonoramente. Questa strumentalità delle banche trova riscontro anche nella schedatura sistematica e centralizzata di tutti coloro che si avvicinano alla politica. Sapere se si svolge attività politica, è ormai diventata una domanda essenziale per avere rapporti con le banche. Spesso la risposta è già inserita nel sistema e si creano blocchi automatici e difficoltà di gestione anche per cifre insignificanti. Addirittura gli imprenditori che volessero essere vicini a qualche forza politica, avrebbero difficoltà, oltre quelle già esistenti, per la propria impresa. Questo è frutto di leggi emanate dai politici stessi sotto la pressione dei “media” per difendersi dalle accuse di corruzione, ma che colpisce solo chi non diventa strumento, come i recenti scandali bancari dimostrano. In conclusione il sistema bancario è un potente strumento di controllo delle persone, delle imprese e del territorio attraverso la schedatura ormai centralizzata per tutte le banche e con la capillare presenza nei più piccoli borghi, quasi sempre con più di una filiale.  Un controllo più stringente di quello di polizia e carabinieri, messi insieme, e agevolato anche dalle leggi come quella sulla “privacy” che serve solo a eliminare qualsiasi possibilità di tutela della propria vita privata. Il tutto ovviamente al servizio del potere finanziario.


Editoriale

 

Le chiavi di casa

Di Adriano Tilgher

Le abbiamo perse nel 1945 quando abbiamo perso la guerra e da allora non siamo più riusciti ad ottenerle. È sempre stato il sogno di noi adolescenti possedere le chiavi di casa e quando le abbiamo ottenute ci siamo subito sentiti più adulti. Purtroppo noi, come popolo, le abbiamo perse in seguito a quella disastrosa guerra che qualcuno ha anche provato a dire che abbiamo vinto per il vergognoso cambio di casacca. Qualcuno potrebbe obiettare che è inutile rivangare polemiche antiche; ma è proprio metabolizzando gli errori del passato che possiamo rivitalizzare la nostra identità comunitaria ormai perduta.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Don't look up

24 dicembre, dopo una sparuta presenza nelle sale cinematografiche esce sulla piattaforma Netflix il nuovo film di Adam McKay, regista e sceneggiatore statunitense famoso per pellicole particolarmente feroci contro l' "American way of life". Il Film «Don’t look up», (non guardare in alto) è interpretato da un cast stellare che include divi del calibro di Meryl Streep e Leonardo Di Caprio. La trama inserisce la produzione nel genere catastrofico, (Allarme Spoiler) 2 scienziati, la dottoranda in astronomia Kate Dibiasky ed Il suo professore, Randall Mindy, scoprono casualmente l'esistenza di un asteroide non identificato. Calcolandone la traiettoria, si accorgono che il corpo celeste colpirà in pieno la terra in circa sei mesi e che le sue dimensioni sono tali da comportare l’estinzione di qualsiasi forma di vita sul pianeta. I due insieme ad un funzionario governativo si recheranno alla Casa Bianca per cercare di evitare la catastrofe, ma la presidente degli Stati Uniti, Janie Orlean, (Mary Streep) ispirata ad Hillary Clinton, (sulla scrivania dello Studio Ovale vediamo una foto che la ritrae abbracciata a Clinton), non ha alcuna intenzione di occuparsene in quanto presa dai suoi calcoli elettorali. Impone, pertanto, di mantenere segreta la notizia.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.