Il deserto globale delle culle

Nel 1928, la Libreria del Littorio pubblicava un testo di Richard Korhen intitolato Regresso delle nascite: morte dei popoli. L’edizione tedesca dell’anno precedente aveva la prefazione di Spengler, quella italiana venne introdotta da Mussolini.

In quel testo dimenticato e praticamente introvabile già si denunciava - in tempi in cui  alcuni paesi europei conoscevano un decremento delle nascite - come l’avvento di Cosmopoli, quello che Mc Luhan chiamerà il villaggio globale, fosse alla radice della decadenza dell’Occidente in quanto avrebbe favorito l’afflusso di masse sradicate disponibili a essere sfruttate, scardinando le antiche strutture di convivenza non più in linea con le nuove forme di sfruttamento tecnoscientifico.

A quasi cent’anni dalla previsione dobbiamo parlare di una capacità di analisi davvero lungimirante, anche se anticipata da Marx, quando parlava dell’esercito industriale di riserva che il capitalismo genera per la sua stessa natura predatoria e che poi utilizza quando si tratta di abbassare il prezzo del lavoro e diminuire le tutele del lavoro e dei lavoratori. Appare chiaro, infatti, che il problema non è mai e non può essere mai il singolo essere umano che arriva in Europa, quanto piuttosto l’afflusso massiccio di un ammasso umano indifferenziato che si rivela funzionale non solo alla perdita di dignità del lavoro e del lavoratore, ma anche alla standardizzazione di merce e persino di cibo identici in tutto il mondo.

È abbastanza chiaro che una produzione standardizzata possa essere prodotta in modo più economico e redditizio di una differenziata in base alle culture di accesso del prodotto. A tal fine, per forzare la resistenza europea, più solida per ragioni storiche, si è proceduto all’anemia del carattere con dosi massicce di pacifismo senza se e senza ma - ben oltre ogni fantasia masochistica di sottomissione - oltre alla produzione di sensi di colpa collettivi - per il fascismo, per l’antisemitismo, per il colonialismo, per la schiavitù – annaffiando il tutto con abbondanti dosi di edonismo individualistico e svuotamento intellettuale operato dalla “buona” scuola, dalla televisione, dal cinema, dalla cultura dell’immagine.

Anche i recenti polpettoni cinematografici della Marvel introducono senza pudore e soprattutto senza senso storico, sensi di colpa che non hanno nessuna ragione di esistere. Basti pensare al recente Black Panther nel quale, al di là delle cifra estetica non bassa, è dichiaratamente tematizzato un evidente falso ideologico: quello per cui la colpa della schiavitù e della povertà africana sarebbe responsabilità di “altri”, quando è ben noto storiograficamente che i mercanti europei compravano gli schiavi dai mercanti arabi che li ottenevano direttamente dai capi tribù locali che si facevano guerra allo scopo preciso di procurarsi prigionieri da vendere.

Una colpa tuttavia l’Occidente ce l’ha: aver desertificato le culle, abbandonandosi a una cultura materialistica che ha generato l’unica aspirazione a “godersi” la vita, e aver sostituito i bambini con i cani.   


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L'antifascismo in assenza di Fascismo

di Adriano Tilgher

Davanti al nulla assoluto della loro presenza e capacità politica ed al loro squallido servilismo nei confronti dell’emissario dei potentati anti italiani, Draghi, tutti i partiti ed i sindacati hanno ritrovato ossigeno e una ragione per esserci nell’antifascismo. L’antifascismo è un rito antico, impostoci con il diktat di pace del 1947 da inglesi, americani, marocchini che ci hanno sconfitti ed occupati il 25 aprile 1945 e non se ne sono più andati. Un rito recepito dalla nostra costituzione nelle norme transitorie e finali che non transitano mai.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Sindacalismo Rivoluzionario

Settembre 1904 con il primo sciopero nazionale prende ufficialmente vita in Italia il "Sindacalismo Rivoluzionario", tra i principali ideologi il francese Georges Sorel e gli italiani Arturo Labriola e Enrico Leone. Il principio fondamentale del sindacalismo rivoluzionario era l'indipendenza sindacale nei confronti sia dei partiti politici che dello Stato. Inizialmente nasce come corrente di sinistra in seno al Partito Socialista per poi distaccarsene nel congresso di Ferrara del 1907, per avviare un lavoro sindacale autonomo, dapprima nelle campagne emiliane, poi nei centri industriali del Nord, e nelle miniere di Puglia e Toscana. I suoi organizzatori più attivi furono Alceste De Ambris e Filippo Corridoni. Nel 1907 a Parma nasce la CGdL, su una idea di Alceste de Ambris. Nel 1912 Filippo Corridoni ed altri, spaccano il movimento creando l'(USI), l'Unione Sindacale Italiana, che aumentò il proprio peso politico diffondendosi specialmente a Milano.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.