Scuola di Pensiero Forte [8]: identità personale e socialità

La natura sociale della persona si manifesta nel fatto che essa non può vivere senza relazioni umane. “L’uomo è un essere politico”, diceva Aristotele. Niente di più vero. Questo è un dato più che assodato anche da tutte le discipline scientifiche: ogni persona ha bisogno dell’altro. Un bisogno radicale ma al col tempo trascendentale, che sgorga dal suo essere per elevarsi al di fuori e al di sopra di esso. Solo con l’altro, la persona è capace di sviluppare e realizzare le sue capacità fisiche psichiche e spirituali, in modo particolare la sua relazionalità, giacché essa include tutto ciò che la persona è, può e deve essere. Si può pertanto affermare senza problemi che la socialità è un tratto distintivo della persona.

Chiunque fa esperienza della socialità. L’incontro con l’altro è sempre un evento che segna in maniera determinante. Lo viviamo sin da piccoli: l’ educazione ha come aspetto essenziale quello di essere messa in atto fra persone, al fine di far crescere e compiere il soggetto a cui è rivolta. Un bambino quando incontra un altro bambino scopre un mondo immenso, che lo sfida, lo mette in crisi, lo spinge ad uscire fuori da sé per poter scoprire proprio se stesso.

Col crescere e il passare del tempo, le capacità di socializzazione si modificano, assumendo una struttura e un codice ben precisi, ma non viene mai a mancare quel tratto di “stupore” che si vive nel momento in cui incontriamo un’altra persona.

L’altro non sono io. Egli è simile a me, con la sua storia, le sue esperienze, le sue idee, il suo essere. L’altro, in un certo senso, mi perfeziona e trasforma, secondo quei dinamismi propri della vita umana. La mia persona trova il riscontro della sua identità nel momento in cui ne incontra un’altra.

Non possiamo fondare un pensiero forte, soprattutto in ambito politico, se non teniamo conto di questa socialità propria dell’essere umano. In fin dei conti, fare politica “di se stessi” suona male anche solo a pensarlo. La politica è tale solo nel momento in cui trascende il mio isolato ego e si estende all’orizzonte del “noi”.

Aristotele, nel primo libro de “La Politica”, mette al centro la socialità quale elemento costituente della cellula fondamentale di ogni società, in greco oikos, ovvero la famiglia. Leggiamo: “All'origine della città vi è il rapporto tra uomo e donna, i quali, formando una famiglia, creano la base del villaggio, e la pluralità dei villaggi a sua volta dà vita alla città vera e propria. Per natura infatti il maschio non può esistere separato dalla femmina, e questo, come accade negli animali e nelle piante, accade in vista della riproduzione.” (Politica, 1,2, 1252a 20-30) La famiglia viene definita come “la comunità che si costituisce per far fronte alle necessità quotidiane”, mentre “il villaggio è una comunità più grande, il cui scopo è rispondere ai bisogni non quotidiani”. Da più villaggi, infine, ha origine lo Stato, che “esiste per rendere possibile la vita felice.”(Politica 1,2, 1252b 10-20)

È in virtù del mio “essere sociale” che io sono capace di fare e ricevere politica. Non a caso, la disgregazione delle identità passa sempre, nella storia, attraverso un’azione che mira a distruggere il “senso politico” dello stare insieme delle persone, finendo per tramutare l’incontro con l’altro o in uno scontro spietato dove vince l’ego più forte, o nell’annullamento dell’unicità della persona in un’immatricolazione di massa nel nulla.

Una delle tendenze tipiche delle forme di pensiero debole è quella di portare la socialità ai due estremi: il collettivismo e l’individualismo. Di questi parleremo la prossima volta.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L'antifascismo in assenza di Fascismo

di Adriano Tilgher

Davanti al nulla assoluto della loro presenza e capacità politica ed al loro squallido servilismo nei confronti dell’emissario dei potentati anti italiani, Draghi, tutti i partiti ed i sindacati hanno ritrovato ossigeno e una ragione per esserci nell’antifascismo. L’antifascismo è un rito antico, impostoci con il diktat di pace del 1947 da inglesi, americani, marocchini che ci hanno sconfitti ed occupati il 25 aprile 1945 e non se ne sono più andati. Un rito recepito dalla nostra costituzione nelle norme transitorie e finali che non transitano mai.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Sindacalismo Rivoluzionario

Settembre 1904 con il primo sciopero nazionale prende ufficialmente vita in Italia il "Sindacalismo Rivoluzionario", tra i principali ideologi il francese Georges Sorel e gli italiani Arturo Labriola e Enrico Leone. Il principio fondamentale del sindacalismo rivoluzionario era l'indipendenza sindacale nei confronti sia dei partiti politici che dello Stato. Inizialmente nasce come corrente di sinistra in seno al Partito Socialista per poi distaccarsene nel congresso di Ferrara del 1907, per avviare un lavoro sindacale autonomo, dapprima nelle campagne emiliane, poi nei centri industriali del Nord, e nelle miniere di Puglia e Toscana. I suoi organizzatori più attivi furono Alceste De Ambris e Filippo Corridoni. Nel 1907 a Parma nasce la CGdL, su una idea di Alceste de Ambris. Nel 1912 Filippo Corridoni ed altri, spaccano il movimento creando l'(USI), l'Unione Sindacale Italiana, che aumentò il proprio peso politico diffondendosi specialmente a Milano.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.