CODEX FORI MUSSOLINI

A Oneglia, nel 1904,  nacque l’ing-arch. Costantino Costantini ( che fantasia il nome! ), due righe, proprio due, di biografia su Wikipedia. A lui dobbiamo il progetto dell’obelisco al Foro Mussolini, quello tanto odiato dal duo dei ripescati Fiano-Boldrini.

E’ un monolite unico di marmo di Carrara, il più grande blocco mai estratto dalle Alpi Apuane, l’insieme (base compresa) raggiunge i 36,59 m. in altezza per un peso complessivo, fuori terra, di  770 tonnellate.  Sulla faccia che guarda ad oriente ( non un caso) sono incisi in verticale MUSSOLINI,  più in basso  la parola DUX con un fascetto stilizzato accanto. A guerra finita un manipolo di trinariciuti partigiani pensò di farlo brillare col tritolo, ma “ fu per caso o per fortuna  che questa stele è ancora a Roma”. A dire il vero spari il rivestimento dorato della cuspide.

Certo se fosse venuto giù avremmo scoperto se sotto la base  era sepolto il vero testamento di Mussolini, gli altri sono fakes old, solo missaggio di interviste. L’idea faraonica della stele fu del carrarese Renato Ricci, Presidente, all’epoca, dell’opera Nazionale Balilla e promotore dell’intero complesso forense. Quel menhir quadrangolare fu innalzato nel 1932 per celebrare il decennale della marcia su Roma ed il I governo Mussolini..

Perché un obelisco ci chiediamo, beh Roma è la città che ancora oggi ne possiede di più al mondo ben 18, frutto di spoliazione dai templi egizi ma anche della realizzazione di nuovi fatti scolpire trasportare poi da Assuan fino all’Urbe. Il tutto per ragioni simboliche diverse da quelle degli Egizi legati al culto di Osiride del quale, dicitur, quella stele rappresentava il  pene mancante quando Iside, sorella e sposa, ritrovò le 14 parti del corpo smembrate dal perfido Set.  Per gli imperatori romani l’obelisco era invece testimonianza tangibile del potere politico e militare di Roma, bottini di guerra, ma anche segni dell’antico culto solare al Sol invictus con tanto di eliocrazia sacerdotale al seguito. Obelisco come simbolo trasversale del dio Sole dunque per la religione nilota e quella teverina, segno del continuo rinnovamento della natura, gnomone del grande orologio della terra, come nel caso dell’enorme Meridiana del Mausoleo d’ Augusto. Quel monolite tirato su al Foro Mussolini non aveva alcuna funzione religiosa, niente a che spartire con la simbologia massonica, era un simbolo di continuità storica con l’Impero romano, reincarnazione del rinnovato potere politico del Paese grazie all’uomo di Dovia di Predappio.

Detto questo commentiamo la notizia, non recentissima, che due docenti e studiosi universitari Bettina Reitz-Joosse e Han Lamers avrebbero rinvenuto una pergamena sepolta sotto l’obelisco di Mussolini. Riportata così, da alcuni media, la notizia è falsa come attestano gli studiosi stessi. Non hanno eseguito scavi o rimozioni, hanno svolto invece un  difficile lavoro da topolini di biblioteca nell’Archivio Capitolino, scovando prima un testo scritto in lingua latina dal noto umanista Aurelio Giuseppe Antonucci, illustre docente di Letteratura latina e cristiana all’Università cattolica di Milano fino al ’43.

Poi i due ricercatori segugi hanno trovato di più, sono riusciti a rintracciare una seconda copia del manoscritto, più completa, composta di ben 1200 parole, riportata su una specie di  notiziario dell’Opera Nazionale Balilla. Quella definitiva, sepolta sotto l’obelisco, è identica almeno a una delle due copie? Realmente lì sotto c’è una pergamena con qualche monetina d’oro?  Non lo sappiamo. Fatto sta i due ricercatori logicamente hanno pubblicato in inglese “ The codex Fori Mussolini” sul loro lavoro di ricerca, suscitando sensazionalismo e titoli di giornale che certamente hanno fruttato buoni ricavi. Tanto rumore per nulla si direbbe dalle dichiarazioni dei due prof., il testo era logicamente indirizzato ai posteri e a loro dire diviso in tre parti.

La prima è un’apologia storica del fascismo a sostegno della tesi che Mussolini fosse l’uomo della Provvidenza, il salvatore d’una Patria serva e  negletta, il politico capace di risollevarne le sorti fino a ricreare un Impero in linea di continuità con la grandezza di quello romano.

La seconda parrebbe un retorico elogio delle organizzazioni giovanili del fascismo in primis l’ONB di Ricci e la terza sarebbe  una descrizione enfatica dei lavori del complesso del Foro con particolare riferimento all’opera monumentale dell’obelisco, dalla cavatura del blocco al suo trasporto fino all’erezione.

Ma il mistero resta chiuso in sé, seppellito sotto la base in compagnia di una  medaglia con l’effige del Duce con indosso una pelle leonina e di quelle monete d’oro deposte accanto alla pergamena secondo un rito del Rinascimento. Certo che se i partigiani avessero sospettato tutto questo avremmo certamente  un obelisco in meno.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L'antifascismo in assenza di Fascismo

di Adriano Tilgher

Davanti al nulla assoluto della loro presenza e capacità politica ed al loro squallido servilismo nei confronti dell’emissario dei potentati anti italiani, Draghi, tutti i partiti ed i sindacati hanno ritrovato ossigeno e una ragione per esserci nell’antifascismo. L’antifascismo è un rito antico, impostoci con il diktat di pace del 1947 da inglesi, americani, marocchini che ci hanno sconfitti ed occupati il 25 aprile 1945 e non se ne sono più andati. Un rito recepito dalla nostra costituzione nelle norme transitorie e finali che non transitano mai.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Sindacalismo Rivoluzionario

Settembre 1904 con il primo sciopero nazionale prende ufficialmente vita in Italia il "Sindacalismo Rivoluzionario", tra i principali ideologi il francese Georges Sorel e gli italiani Arturo Labriola e Enrico Leone. Il principio fondamentale del sindacalismo rivoluzionario era l'indipendenza sindacale nei confronti sia dei partiti politici che dello Stato. Inizialmente nasce come corrente di sinistra in seno al Partito Socialista per poi distaccarsene nel congresso di Ferrara del 1907, per avviare un lavoro sindacale autonomo, dapprima nelle campagne emiliane, poi nei centri industriali del Nord, e nelle miniere di Puglia e Toscana. I suoi organizzatori più attivi furono Alceste De Ambris e Filippo Corridoni. Nel 1907 a Parma nasce la CGdL, su una idea di Alceste de Ambris. Nel 1912 Filippo Corridoni ed altri, spaccano il movimento creando l'(USI), l'Unione Sindacale Italiana, che aumentò il proprio peso politico diffondendosi specialmente a Milano.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.