L'ideologia liberista: un mostro [3]

Ma il liberismo non è solo un mostro come ideologia è anche aberrante come dottrina economica. Infatti come si fa a lasciare libera e senza regole, se non le leggi del mercato, la competizione economica?

Le leggi del mercato sono quelle della domanda e dell’offerta, più un bene è richiesto e più costa, più costa e meno viene richiesto e su queste basi si realizza l’equilibrio del mercato. Se, però, non vi sono controlli, questa banalissima legge può diventare un assurdo boomerang.

Potremmo fare infiniti esempi per dimostrare l’ assurdità di abbandonare il mercato alla sua autoregolamentazione: dobbiamo forse ricordare che il primo elemento di distinzione tra l’uomo e gli altri esseri animati è proprio la sua capacità creativa, la sua possibilità di intervenire sull’ambiente e sulla natura per creare condizioni di vita socialmente più accettabili?

Come visto, le leggi di mercato, se non controllate e regolate da normative precise che solo uno stato, degno di questo nome, può porre, sono aberranti e diventano addirittura mostruose se si vogliono far assurgere, come si sta facendo in questi anni, a regolatore dei rapporti tra gli uomini ed a misuratore del valore degli uomini e degli stati.

La società in cui viviamo, l’insoddisfazione latente che è in ognuno di noi, le aberrazioni e gli orrori che quotidianamente ci vengono propinati dall’informazione, la fragilità delle leggi, compresa quella morale, che ci privano della sicurezza prima interiore e poi materiale, il trionfo del pensiero debole, il pensiero senza riferimenti e senza parametri oggettivi, sono il frutto di questa criminale dottrina imperante, osannata da tutti per la sua radice linguistica che ha in se il senso della libertà ma che è lo strumento della più bieca oppressione degli uomini, sia dal punto di vista materiale che dal punto di vista spirituale.

E’ criminale pensare che una dottrina economica, che ha già tanti limiti e ambiguità anche nel proprio campo di applicazione, possa diventare l’unico principio regolatore dei rapporti tra gli uomini, tra le comunità, tra gli stati.

Gli uomini sono altro, ma se la società, le famiglie, o ciò che ne resta, la scuola, i media, la chiesa stessa, sanno valutare persone e cose solo in base alla loro utilità economica ed al numero, rimangono ben poche speranze per l’umanità di liberarsi da questi assurdi legacci.

Noi, però, che crediamo nelle capacità creative dell’uomo, nei suoi profondi ed intrinsechi valori spirituali, nella continua e perpetua ciclicità della storia, siamo convinti che tutto questo marasma stia per finire e già vediamo in “nuce” i primi germi del risveglio. La potenza creativa dei giovani, la spasmodica ricerca, anche se in modo incerto e senza riferimenti, di un mondo diverso, la propensione spontanea e senza compensi verso il volontariato, la fuga sistematica da questa realtà priva di slanci, di vocazioni ideali e di principi, la crisi etica, culturale, politica, sociale, economica e monetaria, ci fanno sperare in una nuova classe dirigente che sappia rintuzzare ciò che esiste e ridare idee, progetti ed alternative alla putrescente società in cui viviamo.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L'antifascismo in assenza di Fascismo

di Adriano Tilgher

Davanti al nulla assoluto della loro presenza e capacità politica ed al loro squallido servilismo nei confronti dell’emissario dei potentati anti italiani, Draghi, tutti i partiti ed i sindacati hanno ritrovato ossigeno e una ragione per esserci nell’antifascismo. L’antifascismo è un rito antico, impostoci con il diktat di pace del 1947 da inglesi, americani, marocchini che ci hanno sconfitti ed occupati il 25 aprile 1945 e non se ne sono più andati. Un rito recepito dalla nostra costituzione nelle norme transitorie e finali che non transitano mai.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Sindacalismo Rivoluzionario

Settembre 1904 con il primo sciopero nazionale prende ufficialmente vita in Italia il "Sindacalismo Rivoluzionario", tra i principali ideologi il francese Georges Sorel e gli italiani Arturo Labriola e Enrico Leone. Il principio fondamentale del sindacalismo rivoluzionario era l'indipendenza sindacale nei confronti sia dei partiti politici che dello Stato. Inizialmente nasce come corrente di sinistra in seno al Partito Socialista per poi distaccarsene nel congresso di Ferrara del 1907, per avviare un lavoro sindacale autonomo, dapprima nelle campagne emiliane, poi nei centri industriali del Nord, e nelle miniere di Puglia e Toscana. I suoi organizzatori più attivi furono Alceste De Ambris e Filippo Corridoni. Nel 1907 a Parma nasce la CGdL, su una idea di Alceste de Ambris. Nel 1912 Filippo Corridoni ed altri, spaccano il movimento creando l'(USI), l'Unione Sindacale Italiana, che aumentò il proprio peso politico diffondendosi specialmente a Milano.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.