L'ideologia liberista: un mostro [2]

Il liberismo, come ideologia, proprio per la sua impostazione è la causa prima della decadenza morale, e del lassismo totale nel rapporto tra gli uomini. Non è marcia solo la casta dei politici, questi sono solo l’espressione politica di una società marcia: sono marci i magistrati, sono marci i giornalisti, sono marci  gli imprenditori. Sono diventati corrotti e corruttibili tutti. Chi non ha cercato una raccomandazione per avere un posto di lavoro o una casa o per vincere un concorso o semplicemente per non fare la fila alle poste, in banca o all’ospedale? Sono diventati atti normali nella vita odierna; tranne rarissimi casi tutti abbiamo fatto ricorso a queste scorciatoie non rendendoci conto che in questo modo danneggiavamo gli altri.

Sono queste banalità, che oggi accettiamo tutti, che hanno corrotto la società nel profondo della sua essenza ,che poi hanno prodotto quella corruzione diffusa e quel malcostume essenziale che porta i guasti in tutte le istituzioni. Sono questi i prodotti della concezione liberista della vita, il nume tutelare del sistema di potere attuale.

Il capitalismo delle origini, quello produttivo, aveva deificato un dio laico e tremendo: il profitto, ma ancora lo si doveva conseguire rispettando alcune regole che venivano fuori dal senso etico e in alcuni casi lo stato è riuscito a moderare il potere dei più forti con la forza del numero. Poi lo sfruttamento dei più deboli è diventata norma e con l’avvento del capitalismo finanziario, basato su carte prive di qualsiasi valore effettivo, siano essi soldi o azioni, si è debellato il senso stesso dello stato ed i politici, in particolare quelli italiani, sono diventati, come diceva il grande Giacinto Auriti, i camerieri dei banchieri.

Tutti oggi parlano di difesa dei valori, di perdita dei valori, di mancanza di valori, perché tutti sentiamo la necessità di collegare la nostra esistenza a qualcosa di più profondo e meno effimero  dei valori monetari. Nessuno però denuncia il liberismo come l’ultimo mostro ideologico ereditato dai secoli passati e causa prima di questo irrefrenabile declino delle società. Anzi si elogia e si esalta questa aberrante dottrina, priva di umanità, priva di senso civico, priva di anima. La stessa chiesa cattolica sembra aver piegato le proprie alte insegne a questo mostro demoniaco rinunciando alla sacralità del rito e dei ruoli per ridurre il tutto al commercio delle anime ed allo strumento della comunicazione per cui non è importante educare le masse ai valori fondamentali, ma è più importante assecondare le pulsioni delle stesse per avere numeri e popolarità. Poi si chiedono perché c’è la crisi delle vocazioni.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

I talebani del vaccino

di Adriano Tilgher

Esistono una serie di persone che vedono nel cosiddetto vaccino anti covid la panacea di tutti i mali e, paradossalmente, vorrebbero prenderne una dose al giorno, riuscirebbero ad inocularlo anche ai neonati e vorrebbero farlo prendere a tutti, anche più volte al giorno, dando per scontate cose che scontate non sono.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Trieste 2021 - Rosso Istria

2018, Maximiliano H. Bruno produce e dirige il film “Red Land (Rosso Istria)”, ambientato in Istria dopo l'8 settembre 1943 e la firma da parte dell'Italia dell'armistizio separato con gli angloamericani. Il titolo del film fa riferimento al colore delle terre dell'Istria e del Carso triestino, colorazione dovuta alla presenza in queste terre, di sporogelite, quarzo, tormalina, corindone, zircone, apatite, pirite, ecc., questo ci dice la chimica, per chi ha una visione del mondo meno materialista, il colore di quelle terre, è il colore, del sangue di un popolo che più di ogni altro ha pagato il proprio desiderio di italianità.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.