Metanusura

“Ad Eleusi han portato puttane/carogne crapulano/ospiti d’usura”(Ezra Pound, Canto XLV).

E’ lampante la speculazione sul prezzo di gas e raffinati dal petrolio e dov’è l’Eleusi delle carogne usuraie se non nella matassa intricata della finanza internazionale ove nidificano e prosperano gli Scrovegni, simbolo padovano del capitalismo più odioso, quello dei parassiti, chi s’arricchisce col denaro, non certo con lavoro e impresa, sono i violenti contro Dio nell’operosità umana, giù all’Inferno li precipitò Dante (Canto XVII, VII cerchio), ma non son più quelli d’un tempo, gli strozzini, no, la loro new generation vestita da pinguino, lucra e fa lucrare nelle Borse e nei mercati virtuali, volatili, fluttuanti come il TTF di Amsterdam, il NYMEX di New York o l'ICE di Atlanta, il mercato reale è oramai puro antiquariato contrattuale, quello che disciplinava l’incontro tra domanda-offerta con cui strappare le condizioni migliori per i consumatori, un obiettivo astratto, un’utopia, quel mercato non esiste più, resettato dal finanziar-capitalismo usuraio.

Il favo dei parassiti brulicanti s’arricchisce fuori e dentro le Borse puntando su titoli, azioni e soprattutto sui contratti derivati, quei prodotti finanziari allacciati al prodotto “sottostante”, sia moneta, beni primari, crediti, nel nostro caso, il prezzo degli energetici a prescindere da contratti pluriennali stipulati tra produttori e compratori deleganti società energetiche, tutte per azioni. Più le quotazioni di gas e petrolio (i sottostanti) salgono più i derivati s’ingrassano centrando l’obiettivo preposto: la speculazione: strategie finalizzate a realizzare un profitto basato sull'evoluzione attesa del prezzo dell'attività sottostante, è il caso dei futures, degli OTC (Over The Counter), swap e foward, ecc. ma c’è di più, le puttane, oltre a incassare le marchette generano un “derivato” volutamente indotto, l’aumento dei costi di tutti i prodotti indispensabili alla vita (l’inflazione), sui quali a loro volta, le carogne, scommettono al rialzo diversificando gli “investimenti”, allargando così a tutto giro il plateau dell’usura finanziaria.

Gli ingenui ingoiano le pasticche avvelenate dei media, sono stolide grida sul lievitare dei prezzi, l’apocalisse per famiglie e imprese, s’allarmano per il cadavere senza stanare i lupi, tacciono sull’usura e invocano, con i partiti, una pioggia di manna dagli Stati attraverso scostamenti di bilancio cioè promuovere altri debiti per salvare le economie nazionali.

A dire il vero solo il Ministro Cingolani, da subito, s’era espresso in modo lapidario sul boom del prezzo della benzina: “il motivo principale dell’aumento è la speculazione”, voce di uno che ha gridato nel deserto perché? Perché a far cassa non sono solo i gambler (gli investitori), il sistema bancario, i mediatori, ma in parallelo, sono le società che gestiscono l’energia e gli Stati stessi attraverso le imposte parassitarie, accise, Iva e quell’insieme oscuro chiamato in bolletta oneri di sistema, evitando con cura di rendere pubblico il reale prezzo di gas e derivati dal petrolio (alla dogana) fissato con i produttori nei contratti internazionali ma usando in fattura quello volatile di Amsterdam

Il mainstream sul tema è l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia, la ritorsione di Putin contro le sanzioni UE con taglio delle forniture di gas, certo è una causa scatenante ma è sulle ossa di un conflitto (evitabile ma non evitato) che i corvi s’ingrassano la pancia e volano poi sui rami a stringere il cappio a cittadini inermi e rassegnati come alle imprese d’ ogni settore, il risultato è sulla soglia, la recessione col drago venuto da Pechino pronto a ingoiare l’Europa tutta presa, al momento, a staffilare l’Ungheria di Orbán, fornire armi a Zelensky, inasprire le sanzioni anti Russia, e per il gas? E contro la speculazione? Timidi pigolii da nidi sparpagliati, in fondo, sai che c’è, ciascuno se la cavi a modo suo, intanto a cittadini e imprese si taglino i consumi, non i coj...agli usurai, una ricetta che somiglia tanto a quella di Speranza per la pandemia ” aspirina e vigile attesa”, aspettando Godot, cioè la primavera e nel frattempo ciascuno di noi “Adda passà 'a nuttata".

 

Immagine: https://www.numeripari.org/

 


Editoriale

 

L'urlo

di Adriano Tilgher

E’ qualcosa di profondo che esce in modo irrefrenabile e brucia in un attimo un’enorme quantità di energia. Può essere una manifestazione di grande gioia per il raggiungimento di un obiettivo a lungo desiderato o di profondo dolore per la perdita in modo irrecuperabile di qualcosa, di rinata speranza per l’improvvisa apparizione di una luce splendente in fondo ad un tunnel estremamente buio o di disperazione per l’atrocità dello spettacolo della realtà che si manifesta intorno a te, di travolgente passione per l’inebriante coinvolgimento in un difficile percorso di lotta e vittoria o di lancinante depressione perché non si vede nessuna via di sbocco o di fuga, di terrore per il timore di ciò che può accaderti o di coraggio per aiutarti a superare le tue paure.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Equinozio d'autunno

La parola “equinozio” deriva dal latino e significa “notte uguale” al giorno. Gli equinozi di marzo e settembre sono i due giorni dell’anno nei quali hanno inizio primavera e autunno. In questo giorno, il 22 Settembre, il Sole passa allo zenit all’equatore, sorge al polo sud, tramonta al polo nord e fa si che i raggi arrivino perpendicolari all’asse di rotazione della Terra. Porta d'ingresso dell'autunno, l'equinozio porta con sé una serie di profondi significati esoterici; il precipitare del sole, e con esso della luce, provocarono nell'uomo arcaico una sensazione di ansia per ciò che non poteva controllare né prevedere, ma anche il senso di forze cosmiche e occulte che dirigevano i fenomeni e le conseguenze ad essi associati. Non è un caso che l'equinozio abbia infatti una stretta connessione con tutto ciò che riguarda l'occulto, il sacrificio, la morte.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.