Michelangelo e Vittoria

[In foto: Michelangelo Buonarroti, a sinistra Ritratto di Vittoria Colonna, 1525, al centro ingrandimento, a destra sonetto dell’autore a Giovanni da Pistoia con schizzato autoritratto mentre esegue gli affreschi della Cappella Sistina.]

La notizia calda è la scoperta di un mini autoritratto di Michelangelo chinato a disegnare il ventre di  Vittoria Colonna, uno schizzo, una silhouette come quella a commento figurato d’un sonetto a Giovanni da Pistoia: “La barba al cielo ella memoria sento/in sullo scrignio e 'l pecto fo d'arpia./e 'l pennel sopra 'l uiso tuctavia/mel fa gocciando un ricco pauimento“.Prendiamo per buona la lenticolare identificazione dello studioso carioca Deivis de Campos, essa ci affascina per due motivi, uno storico, i due sarebbero entrati dicebatur in amicizia dal 1536, mentre il ritratto anticipa di oltre 10 anni il legame, la seconda ne scava la profondità. Nel 1525 Vittoria era rimasta vedova dell’amato coniuge guerriero Ferrante d’Avalos, ufficiale di Carlo V, morto per le ferite riportate nella battaglia di Pavia.

In quello stesso anno papa Clemente VII commissiona al genio di Caprese la Sagrestia Nuova in S. Lorenzo a Firenze, ricca di suggestive simbologie ermetiche. C’è una terza gamba, il futuro cardinale inglese Reginald Pole, non ancora ordinato sacerdote, studia a Padova l’umanesimo cattolico, sincretismo teologico tra il neoplatonismo di Ficino e l’ascetica cristiana di S. Agostino. La Riforma già incendia il cuore dell’Europa, la tramontana di Wittenberg gela la chiesa del mediceo Leone X, soffia sui carboni riformisti delle sacre stanze, alti prelati, teologi umanisti, l’ordine dei Cappuccini spingono per un radicale cambio di passo del clero delle indulgenze. Uno dei prodotti della miscela fu riforma sine abnegatione, l’Ecclesia Viterbensis, cenacolo degli “spirituali“, cui aderirono i nostri tre alla ricerca di conciliazione, in veritate, tra le tesi di Luther e la dottrina della Chiesa. Nodi da sciogliere: in primis la salvezza, poi il libero arbitrio, il ruolo dell’Ecclesia, in successione tutto il castello teologico-liturgico costruito dai Concili a partire da Gerusalemme. Michelangelo, Vittoria e Pole, dagli anni ’40, aderirono alle 11 tesi espresse in un testo piccino “il Beneficio di Cristo “scritto da Benedetto Fontanini. Sintetizziamo il vulnus della terza proposizione: La remissione dei peccati, la salvezza e la giustificazione dipendono da Dio.

L’autore, riflettendo sulla condizione duale dell’uomo, insieme giusto e peccatore, sostiene che la salvezza è ancorata alla fede nella grazia di Cristo per i meriti da Lui guadagnati per tutti con la crocifissione, un dono gratuito, redentore, a prescindere dalle opere. E’ la proposizione della giustificazione di matrice luterana, teorizzata anche da Juan de Valdés e Calvino. La fede produce la carità, ma essa è determinante per la salvezza?  Per i riformati no, per gli spirituali si, tanto da abbracciare le regole d’un ordine assai avversato, quello dei Cappuccini, povertà, preghiera, studio filologico dei testi sacri, elemosina. Gli “spirituali“ per la Chiesa dei patrizi, del lusso e del potere temporale, sono però dei border line, in odore di eresia. Vittoria e Pole moriranno prima di essere perseguiti dall’Inquisizione, Michelangelo la fece franca per la sua statura d’artista.

Il Giudizio Universale dipinto nella Sistina ci presenta la tragedia della parusia, non un lampo di gioia tra i salvati solo il dramma del gesto di un Cristo-Febo, quel braccio tra un attimo declinerà la fine della pietas, giudizio senza attenuanti sulle sole opere, per questo è più inferno che paradiso. Il pensiero degli “spirituali” era un richiamo all’unità dei cristiani, all’ecumenismo essendo Cristo l’unica fonte della grazia santificante. Ebbene nel 1999 la Chiesa cattolica e la Federazione mondiale delle Chiese evangeliche e luterane, firmano un documento: La dichiarazione congiunta sulla dottrina della giustificazione. Michelangelo e Vittoria l’avevano anticipato di quasi cinquecento anni!  Da pragmatico, quale sono, recito con Giacomo:Che giova, fratelli miei, se uno dice di avere la fede ma non ha le opere? Forse che quella fede può salvarlo?“ Il dono delle opere all’umanità di Michelangelo e Vittoria sono il testamento che ci hanno lasciato.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L'antifascismo in assenza di Fascismo

di Adriano Tilgher

Davanti al nulla assoluto della loro presenza e capacità politica ed al loro squallido servilismo nei confronti dell’emissario dei potentati anti italiani, Draghi, tutti i partiti ed i sindacati hanno ritrovato ossigeno e una ragione per esserci nell’antifascismo. L’antifascismo è un rito antico, impostoci con il diktat di pace del 1947 da inglesi, americani, marocchini che ci hanno sconfitti ed occupati il 25 aprile 1945 e non se ne sono più andati. Un rito recepito dalla nostra costituzione nelle norme transitorie e finali che non transitano mai.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Sindacalismo Rivoluzionario

Settembre 1904 con il primo sciopero nazionale prende ufficialmente vita in Italia il "Sindacalismo Rivoluzionario", tra i principali ideologi il francese Georges Sorel e gli italiani Arturo Labriola e Enrico Leone. Il principio fondamentale del sindacalismo rivoluzionario era l'indipendenza sindacale nei confronti sia dei partiti politici che dello Stato. Inizialmente nasce come corrente di sinistra in seno al Partito Socialista per poi distaccarsene nel congresso di Ferrara del 1907, per avviare un lavoro sindacale autonomo, dapprima nelle campagne emiliane, poi nei centri industriali del Nord, e nelle miniere di Puglia e Toscana. I suoi organizzatori più attivi furono Alceste De Ambris e Filippo Corridoni. Nel 1907 a Parma nasce la CGdL, su una idea di Alceste de Ambris. Nel 1912 Filippo Corridoni ed altri, spaccano il movimento creando l'(USI), l'Unione Sindacale Italiana, che aumentò il proprio peso politico diffondendosi specialmente a Milano.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.