Scuola di Pensiero Forte: introduzione alla realtà

Vivere nel mondo contemporaneo è la sfida più ardua per ogni persona. Il nostro essere è gettato nella realtà, delle cose e delle idee, e qui vi trova l’impervio campo di battaglia dove è inesorabilmente promossa allo scontro con sé e con l’altro.

Che la vita sia milizia già gli antichi lo avevano capito bene, facendone un memento continuo per stare certi di non disancorarsi dell’oggettività dei fatti. Se, però, nei secoli scorsi vi erano alcune certezze monolitiche al cui ridosso fondare il senso del vivere quotidiano, sicuri di una saldezza inamovibile anche di fronte alle avversità della storia, oggi l’uomo deve fare i conti con il prodotto di un periodo di devastazione dell’umanità.

È quello che gli addetti ai lavori chiamano e anche noi chiamiamo ”pensiero debole”, paradigma sostanziale del secolo breve chiusosi da poco. Il suo nome, “pensiero” e l’attributo seguente “debole” in nessun altro modo migliore possono esplicitare il nocciolo di ciò che esso è: pensiero, dunque l’atto superiore dell’uomo, compendio dell’essere e generatore del fare umano, e debole, quindi non forte, inconsistente, caduco, fragile, insostenibile, pericoloso.

La cultura, considerata nel senso più ampio del termine, è sempre stata espressione sommante delle conquiste e dei successi dell’umanità, tanto da divenire metro di giudizio delle civiltà e scrigno prezioso da tramandare; una caratteristica elementare è che essa resiste alla storia, ovvero non cede il passo ad una sostituzione e emancipazione agli estremi della dimenticabilità, bensì ne diventa lo scheletro quasi ontologico, l’essere stesso, ed è per ciò che non si estingue col passare dei santi e degli eroi, ma incede solennemente per dare alla vita nuovi figli di mirabile valore.

Il pensiero debole, dunque, cosa ha fatto? In poche parole, ha vessato prepotentemente le base dell’albero, cosciente che i frutti traggono nutrimento della radici. L’attacco senza precedenti è andato direttamente a devastare tutto quanto di forte, solido e sicuro c’era: principi, valori, tradizioni, pensiero. Ciò che ne è rimasto è stato il frutto senza la linfa, il cui nocciolo cadendo a terra non ha saputo attecchire su quel fecondo terreno che fino a poco tempo prima era presente, ritrovandosi invece orfano fra i suoi fratelli, preda delle intemperie e degli sciacalli del male.

Dall’incontro fra le due culture, quella che rese gloriosa l’umanità e quella mefistofelica che la ha corrotta, nacquero i meticci marcescenti che ben conosciamo: liberismo e liberalismo, con la loro discendenza multiforme del consumismo, irrazionalismo, criticismo, tecnologismo, antipolitica e l’attualissimo mondo liquido del trans-umano.

La realtà non è un semplice nome. È ciò in cui viviamo, che ci piaccia o no. Per non essere meri spettatori davanti a un palcoscenico, occorre assumersi un ruolo, bisogna fare una scelta.

Da questa esigenza nasce questa “scuola” per imparare a pensare in maniera forte, degna di un combattente del nostro tempo. Facciamoci avanti per prendere parte ai vincitori della battaglia.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L'antifascismo in assenza di Fascismo

di Adriano Tilgher

Davanti al nulla assoluto della loro presenza e capacità politica ed al loro squallido servilismo nei confronti dell’emissario dei potentati anti italiani, Draghi, tutti i partiti ed i sindacati hanno ritrovato ossigeno e una ragione per esserci nell’antifascismo. L’antifascismo è un rito antico, impostoci con il diktat di pace del 1947 da inglesi, americani, marocchini che ci hanno sconfitti ed occupati il 25 aprile 1945 e non se ne sono più andati. Un rito recepito dalla nostra costituzione nelle norme transitorie e finali che non transitano mai.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Sindacalismo Rivoluzionario

Settembre 1904 con il primo sciopero nazionale prende ufficialmente vita in Italia il "Sindacalismo Rivoluzionario", tra i principali ideologi il francese Georges Sorel e gli italiani Arturo Labriola e Enrico Leone. Il principio fondamentale del sindacalismo rivoluzionario era l'indipendenza sindacale nei confronti sia dei partiti politici che dello Stato. Inizialmente nasce come corrente di sinistra in seno al Partito Socialista per poi distaccarsene nel congresso di Ferrara del 1907, per avviare un lavoro sindacale autonomo, dapprima nelle campagne emiliane, poi nei centri industriali del Nord, e nelle miniere di Puglia e Toscana. I suoi organizzatori più attivi furono Alceste De Ambris e Filippo Corridoni. Nel 1907 a Parma nasce la CGdL, su una idea di Alceste de Ambris. Nel 1912 Filippo Corridoni ed altri, spaccano il movimento creando l'(USI), l'Unione Sindacale Italiana, che aumentò il proprio peso politico diffondendosi specialmente a Milano.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.