Persuasione e retorica

Sono a Gorizia nel ’91, commissario d’esame al liceo in piazza Julia. Mi soffermo sul marciapiede davanti al n.8 di piazza della Vittoria che, prima della Grande Guerra e sotto l’aquila bicipite austro-ungarica, era chiamata piazza Grande. Sulla facciata, in verità tenuta con poca cura, la lapide ricorda: ‘In questa casa ove era nato – morì ventitreenne – il 17 ottobre 1910 – Carlo Michelstaedter – spirito ardente e puro – portato dall’ala del genio – apparve come l’aurora – d’un nuovo giorno – rivelando in prosa e in poesia – la dolorosa sapienza – la richiesta di persuasione – ond’egli giunse a vivere – il valore individuale’. Il soggetto della mia tesi di laurea, modesta lo confesso, maturata nel carcere di Regina Coeli, ove una censura miope e sciocca mi aveva rifiutato l’entrata in cella di testi in tedesco – potrebbero trattarsi di piani per evadere fu grosso modo la motivazione – riguardanti il mio ‘amico’(!) Max Stirner. Sulla scrivania di quando era direttore dell’Avanti Benito Mussolini teneva copia de L’Unico – da cui presero mossa gli anarcoindividualisti  - come racconta l’avvocato Torquato Nanni, che fu suo primo biografo e che venne ammazzato, pur socialista e antifascista, assieme a Leandro Arpinati nel ’45 da partigiani. Mi ricordai, allora, di un libricino scritto da un critico letterario, Antonio Piromalli, che avevo trovato nella vetrina della libreria Tombolini, sul Michelstaedter e che era stato citato da J. Evola, ne Il cammino del cinabro, come figura di riferimento nella sua fase speculativa. Così la mia tesi e a quel giovane goriziano, solo in casa e morto suicida – con un colpo di pistola alla tempia – diedi voce facendo mia la definizione del Papini che l’aveva definito ‘suicidio metafisico’. Anni dopo, con Carlo Panzarasa, accompagnando un gruppo di camerati francesi a visitare i luoghi ove i marò del btg. Fulmine s’erano battuti, a Tarnova della Selva, in territorio oggi sloveno, ho fatto una deviazione al cimitero ebraico di Valdirose a Nova Gorica ove è sepolto.

Traslocando, nel 2009, ho dovuto abbandonare una parte di libri - una selezione è sempre soggetta all’arbitrio e al rimpianto -, in gran parte antologie di filosofia e di narrativa, che sono andati – me lo auguro – a ricostruire una biblioteca comunale di un paese devastato dal terremoto dell’Aquila. Platone e Heidegger e Nietzsche mi hanno seguito e, con loro, il giovane goriziano. La Persuasione e la Rettorica, oggetto della sua tesi di laurea che stava revisionando proprio quando la vita gli apparve la morte e nella morte la vita, il dilemma dell’autenticità. Annotavo con i suoi scritti sul tavolino della cella: ‘… oggi non so più uscirne: - deve essere successo qualcosa – alle mie ali’. Scoprire come le scapole sono le ferite, ali atrofizzate, tracce dimenticate di un essere stati angeli, angeli decaduti per troppo amore verso la terra ma pur tacito l’anelito il desiderio di andare oltre.              Uscito da poco dal carcere incontro casualmente Adriano Romualdi. Sono sotto il controllo della scorta, ci facciamo un cenno di saluto pochi mesi e poi a dissanguarsi, a metà agosto, goccia dopo goccia incastrato nella macchina. Quali furono le visioni le immagini l’estremo pensiero a disperdersi nella calura? Telefono mesi dopo ad Evola, gli accenno alla mia tesi; la sua voce sa ormai di silenzio preludio delle cime inviolate del ghiacciaio sul Monte Rosa. Ognuno di noi ‘persuaso’…

Immagine: https://oltrelalinea.news


Editoriale

 

Vincitori e vinti alle elezioni

di Adriano Tilgher

I dati ormai sono sul tavolo, i giornali di regime ci hanno raccontato chi ha vinto e chi ha perso, i principali interpreti si sono tutti manifestati, pure il nostro Pensiero Forte ha dato le pagelle ai contendenti, sembra una pratica da archiviare. Anche se… tutto può ancora succedere. L’aumento delle astensioni dal voto manifesta, come in tanti hanno commentato, disaffezione e malessere, ovvero l’aumento della distanza sempre più significativo tra la gente e le istituzioni. D’altra parte non poteva essere diversamente visto tutto quello che è accaduto in questi ultimi anni.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Abbiamo vinto il Festival

Lo scorso fine settimana si sono svolte elezioni politiche importantissime per il futuro del nostro paese, e perciò vi parlerò... di musica. 1992 nella kermesse della quarantaduesima edizione del Festival di Sanremo, partecipa il gruppo musicale "Statuto", fra i maggiori rappresentanti di un genere da sempre sottovalutato nel nostro paese, lo Ska. Stile musicale partito dalla Giamaica tra la fine degli anni 50 ed i primi anni 60, approdato dopo l'indipendenza della Giamaica nel 1962 nel regno unito. In quel paese lo Ska venne conosciuto anche con il termine bluebeat, perché molti dei primi singoli ska erano realizzati per l'etichetta discografica Blue Beat Records.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.