Radici e identità: la comunità organica contro il caos liberale

«Se vogliamo che tutto rimanga come è, bisogna che tutto cambi» scriveva Giuseppe Tomasi di Lampedusa ne “Il Gattopardo” e mai citazione fu più adatta per descrivere il risultato delle elezioni del 4 marzo (e a ben vedere l’intera storia d’Italia): i 5 stelle e “le magnifiche sorti e progressive” che portano in dote celano un retrogusto amaro, a tratti disperante, tipico di chi dopo aver molto lottato, ma soprattutto creduto, finirà con l’essere addomesticato da Bruxelles e dai suoi rapaci rappresentanti, obbedendo a un sistema che non ha mai veramente voluto mettere in crisi.

Una nota a margine è rappresentata dall’elezione a senatore della Repubblica di Tony Iwobi, nigeriano per nascita, italiano per scelta, fra le fila della Lega Nord. Un paradosso? Non del tutto.

Il senatore Iwobi, classe 1955, è un piccolo imprenditore bergamasco perfettamente integrato nel territorio che lo ha accolto e rappresenta quella media borghesia tanto cara alla Lega e ai “padroncini” del nord-Italia, a dimostrazione di come in assenza di una integrazione ideologicamente fondata, l’unico altro strumento per ottenere un inserimento attivo e proficuo nel nostro Paese non siano i pruriginosi incontri interculturali mediati da qualche cooperativa sostenitrice del meticciato e dell’abolizione dei confini nazionali, ma (purtroppo) la classe sociale, che però non può e non deve essere l’unico elemento per sancire l’appartenenza di un individuo a una comunità, appartenenza che deve essere necessariamente costruita su momenti ideologicamente fondati, in primis l’istruzione pubblica.

La scuola deve divenire la pietra d’angolo della formazione del futuro cittadino, non solo per accrescerne cultura e metodo, ma soprattutto per consolidarne l’identità, definita da radici storico-culturali, ma anche da un unico obiettivo: la comunità stessa, punto di partenza e di arrivo del singolo.

Insegnanti e medici, militari e intellettuali, operai e contadini, ognuno deve lavorare mettendo al servizio della nazione le proprie virtù, ed è in questo che si gioca la partita dell’integrazione: tu, giovane nomade d’oltremare, non sei il colore della tua pelle, né la casa che ti sei lasciato alle spalle, ma il tassello di qualcosa di più grande ed è lo spirito di questa straordinaria narrazione che deve essere interiorizzato e assimilato, in contrapposizione alla mortifera propaganda liberale che ci vorrebbe tutti consumatori apolidi all’interno di unico sistema globale fondato sulla liquidità dei valori e sull’annientamento delle identità nazionali.

Imprescindibile risulta essere dunque la formazione di una comunità organica i cui confini siano, oltre che fisici, soprattutto spirituali: il fine non è l’individuo, ma la nazione.


Editoriale

 

Il ruolo dell'Italia - 4

di Adriano Tilgher

Patrimonio culturale immateriale, patrimonio culturale materiale, faro di cultura e di civiltà, posizione geopolitica e strategica fondamentale per l’equilibrio nel Mediterraneo in una nuova identità che nasca dal superamento di tutte le contraddizioni interne sono il presupposto per definire il ruolo finale dell’Italia. Non si tratta di egemonia mondiale di cui stiamo parlando perché questa sul piano culturale ci appartiene di diritto e ci è riconosciuta da tutti ed è la ragione principale per cui l’Italia è sotto attacco soprattutto nel campo della formazione. Non si tratta nemmeno di becero imperialismo imperniato sulla forza delle armi sotto l’egida e il ricatto della grande industria militare, stiamo parlando di qualcosa di molto più concreto, legato ai valori profondi dell’essere umano e delle comunità che riesce a costruire.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Più buio che a mezzanotte non viene

22 giugno 1946 entra in vigore il: “Decreto presidenziale di amnistia e indulto per reati (..), politici e militari”, avvenuti durante il periodo dell'"occupazione nazifascista". Legge proposta e varata da Palmiro Togliatti, segretario del PCI, e allora ministro di Grazia e Giustizia del primo governo De Gasperi. L'amnistia, che prenderà il nome dal suo promulgatore, aveva come scopo primario, quello di giungere quanto prima a una pacificazione nazionale, per evitare che l'"epurazione", degli ex fascisti rallentasse la ricostruzione materiale del paese. Con l'amnistia vennero scarcerati migliaia di detenuti che furono reinseriti senza troppo clamore nella cosiddetta "Società Civile". Stranamente (o forse no) alcuni degli ex prigionieri, arriveranno perfino a iscriversi al Partito Comunista, chi per convenienza, chi per continuare l’ideale battaglia de: "Il sangue contro l'oro",  in quanto (almeno a parole) vedevano nel PCI un argine ad una visione liberista del mondo, identificando più che nell'unione Sovietica il nemico in quegli Stati Uniti artefici di massacri e distruzione delle nostre città.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.