Lo sfascio della scuola

Uno dei grandi guasti dell’Italia è la mancanza di una classe dirigente preparata e capace, frutto sicuramente della mediocrità della classe politica, che ha preferito circondarsi di mediocri ed incapaci, impedendo la crescita dei migliori, che si sarebbero fatta strada solo se si fosse usato il merito, come metodo di selezione, e non la raccomandazione politica. Ma frutto anche di una scuola che non seleziona , non prepara, non forma.

Le varie riforme della scuola, che si sono succedute nei decenni ultimi, non sono mai state ispirate da un criterio complessivo e, quindi, non hanno seguito una logica precisa, ma sono servite soltanto a snaturare l’impianto complessivo della scuola precedente.

Inoltre, la scarsa preparazione della maggior parte degli insegnanti, unita al lassismo della società in cui viviamo, ha fatto il resto, scardinando gli elementi base dell’educazione e del rispetto.

La scuola dovrebbe avere degli indirizzi precisi e siccome è la struttura base della futura classe dirigente dovrebbe essere formativa, educativa e selettiva e per questo deve prevedere la collaborazione tra docenti e famiglie. Inoltre deve fin dalle prime classi insegnare la storia nazionale per ricreare l’amore per la patria ed il senso civico che sono il presupposto per un popolo coeso e onesto; cosa che ci sembra distante anni luce dalla realtà in cui viviamo.

I docenti devono essere consapevoli dell’importanza del proprio ruolo e parimenti va loro riconosciuta l’autorità che deriva dal ruolo e dal sapere che devono trasferire. Pertanto l’insegnante non può e non deve essere il fratello maggiore dei discepoli ma deve essere rispettato sia dai discenti che dalle famiglie e dalla società tutta. E’ compito della scuola tutelare e proteggere il ruolo dei docenti e risolvere al loro interno eventuali carenze comportamentali, tenendo presente sempre la tutela dell’istituzione.

Oggi la scuola va ricostruita dalle basi secondo uno schema predeterminato al fine di raggiungere gli obiettivi prefissati. Intanto va smentita la convinzione che bisogna laurearsi ad ogni costo, ma va ripristinata la cultura del lavoro: ogni lavoro è parimenti dignitoso e la scuola deve creare gli scenari giusti per orientare le scelte per il futuro dei giovani. Quindi, data una infarinatura generale nella scuola dell’obbligo bisogna tornare a definire i nuovi corsi di istruzione ammodernando quelli esistenti e stabilendo prove di selezione sempre più complesse man mano che si avanza negli studi.

Il tutto deve essere realizzato svincolando le possibilità di prosecuzione degli studi dalle possibilità economiche individuali ma lasciandole solo alla volontà ed alla capacità.

Da queste poche parole si capisce che bisogna definire in modo preciso gli obiettivi della scuola e su questi calibrare una differenziazione dei corsi e adeguare i relativi programmi, con l’impegno dei docenti per il bene dei discenti.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L'antifascismo in assenza di Fascismo

di Adriano Tilgher

Davanti al nulla assoluto della loro presenza e capacità politica ed al loro squallido servilismo nei confronti dell’emissario dei potentati anti italiani, Draghi, tutti i partiti ed i sindacati hanno ritrovato ossigeno e una ragione per esserci nell’antifascismo. L’antifascismo è un rito antico, impostoci con il diktat di pace del 1947 da inglesi, americani, marocchini che ci hanno sconfitti ed occupati il 25 aprile 1945 e non se ne sono più andati. Un rito recepito dalla nostra costituzione nelle norme transitorie e finali che non transitano mai.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Sindacalismo Rivoluzionario

Settembre 1904 con il primo sciopero nazionale prende ufficialmente vita in Italia il "Sindacalismo Rivoluzionario", tra i principali ideologi il francese Georges Sorel e gli italiani Arturo Labriola e Enrico Leone. Il principio fondamentale del sindacalismo rivoluzionario era l'indipendenza sindacale nei confronti sia dei partiti politici che dello Stato. Inizialmente nasce come corrente di sinistra in seno al Partito Socialista per poi distaccarsene nel congresso di Ferrara del 1907, per avviare un lavoro sindacale autonomo, dapprima nelle campagne emiliane, poi nei centri industriali del Nord, e nelle miniere di Puglia e Toscana. I suoi organizzatori più attivi furono Alceste De Ambris e Filippo Corridoni. Nel 1907 a Parma nasce la CGdL, su una idea di Alceste de Ambris. Nel 1912 Filippo Corridoni ed altri, spaccano il movimento creando l'(USI), l'Unione Sindacale Italiana, che aumentò il proprio peso politico diffondendosi specialmente a Milano.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.