Altre solitudini

Osservo, testimone modesto attraverso lo spazio ristretto che mi porta al caffè dal fruttivendolo al supermercato, osservo e… ‘Il sistema richiede sudditi che non si pongano troppe domande. Si può concedere loro di votare, possedere un’apparenza di libertà, ma gli arcani del potere, le leggi fondamentali che reggono gli eserciti, la finanza, le sfere d’influenza, sono immutabili, e impenetrabili ai più: il vero potere, le reali decisioni, sono poste in una sfera intoccabile dalle masse e dai singoli’ (tratto da ‘Camus deve morire’ di Giovanni Catelli, libro pubblicato nel 2013), ma solo ora ne prendo visione. Su quell’incidente di automobile che schiantò lo scrittore contro un platano in una mattina tranquilla del gennaio 1960 e che Catelli, al contrario, ritiene provocato da sabotaggio ad uno pneumatico ad opera del KGB, traendone prova dal diario di Jan Zàbrana, dissidente ceco. E mi ritrovo sotto una pila disordinata di libri ‘La morte felice’ con dedica di mio padre, Natale 1971, e con il visto della direzione carcere Regina Coeli, di Camus. Prova non paragonabile a ‘Lo straniero’ che rimane lettura irrinunciabile. Meandri della storia, labirinti della memoria).                                     

Credo che sia Albert Camus (il suo romanzo ‘La peste’ è tornato prepotente in tempi di pandemia) a riportare ne ‘L’uomo in rivolta’ l’immagine tratta da ‘Diario di Siberia’ di un ufficiale tedesco, detenuto in campo di prigionia sovietico, che s’era costruito un pianoforte in legno e davanti al quale, seduto, suonava per ore musica da lui solo composta e percepita (finzione onirica e funzione liberatrice; del resto, negli ultimi anni, Beethoven ormai completamente sordo componeva attraverso i suoni che solo la mente poteva rimandargli). Ciò conforta – se ce ne fosse bisogno – quanto da me sostenuto a dare alla solitudine un marchio di profondità e distinguerla, in tempi di confusione anche linguistica (la ‘nostra’ sconfitta del ’45 ci ha portato a perdere la guerra delle parole…), dall’imperante e alienante isolamento.                                              

‘Sei ogni istante di solitudine’, verso magistrale e rivelatore dello scrittore argentino Jorge Luis Borges – potrei farlo scolpire sulla mia lapide se non avessi previsto altro per il mio ‘futuro’… C’è, però, mi rendo conto un soffio lieve e pur tenace di tristezza di inquieto pessimismo di radicata sfiducia. La solitudine quasi ad intendersi simile ad uno spasmo, a tacitata sofferenza, una malattia a cui l’unica medicina, il rimedio, sta nell’indifferenza nello stordimento nel negarla comunque e nonostante tutto. È così e non altrimenti? Mi abbarbico ancora, in questo breve spazio, senza pretesa di dare e darmi risposta, ad Albert Camus, al Camus questa volta de ‘Il mito di Sisifo’ – condannato, si narra nell’immaginario mitico greco, a spingere in vetta un enorme masso e vederlo rotolare al fondo per poi dover in eterno ricominciare. Il dolore che pervade, ineluttabile, l’esistenza e a cui non è dato sottrarsi. Eppure – ed io mi dico e vi suggerisco chi se ne frega se è illusione e inganno – ‘anche la lotta verso la cima basta a riempire il cuore di un uomo. Bisogna immaginare Sisifo felice’. Felice? Ho già sentito questo richiamo, questo invito. È la voce di Léon Degrelle - sprecai la occasione di incontrarlo a Madrid, ma di cui raccolsi l’esortazione appunto a non negarmi alla felicità… Appunto la solitudine dei giorni, l’essere soli, con il ricordo di volti parole luoghi e ad accoglierli, errori compresi, nel sereno volgere della sera.

 

Immagine: https://dentrolatanadelconiglio.com/


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L'antifascismo in assenza di Fascismo

di Adriano Tilgher

Davanti al nulla assoluto della loro presenza e capacità politica ed al loro squallido servilismo nei confronti dell’emissario dei potentati anti italiani, Draghi, tutti i partiti ed i sindacati hanno ritrovato ossigeno e una ragione per esserci nell’antifascismo. L’antifascismo è un rito antico, impostoci con il diktat di pace del 1947 da inglesi, americani, marocchini che ci hanno sconfitti ed occupati il 25 aprile 1945 e non se ne sono più andati. Un rito recepito dalla nostra costituzione nelle norme transitorie e finali che non transitano mai.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Sindacalismo Rivoluzionario

Settembre 1904 con il primo sciopero nazionale prende ufficialmente vita in Italia il "Sindacalismo Rivoluzionario", tra i principali ideologi il francese Georges Sorel e gli italiani Arturo Labriola e Enrico Leone. Il principio fondamentale del sindacalismo rivoluzionario era l'indipendenza sindacale nei confronti sia dei partiti politici che dello Stato. Inizialmente nasce come corrente di sinistra in seno al Partito Socialista per poi distaccarsene nel congresso di Ferrara del 1907, per avviare un lavoro sindacale autonomo, dapprima nelle campagne emiliane, poi nei centri industriali del Nord, e nelle miniere di Puglia e Toscana. I suoi organizzatori più attivi furono Alceste De Ambris e Filippo Corridoni. Nel 1907 a Parma nasce la CGdL, su una idea di Alceste de Ambris. Nel 1912 Filippo Corridoni ed altri, spaccano il movimento creando l'(USI), l'Unione Sindacale Italiana, che aumentò il proprio peso politico diffondendosi specialmente a Milano.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.