Solitudine e isolamento

Osservo – e la mia vanità se ne compiace – come il mio ultimo intervento abbia suscitato un discreto interesse per numero di lettori e commenti. Forse il merito spetta, purtroppo, alla condizione a cui ci ha relegato, ormai quasi una abitudine (distanziamento, mascherina, lasciapassare anche quando non si richiedono), la presunta o artatamente costruita o espressione d’un mondo malato pandemia e le disposizioni di una classe politica inetta e servile, che da mediocri cialtroni e guitti ne trae giovamento e si preserva il culo attaccato alla poltrona. E qui mi fermo perché mi annoia il cicaleggio dei pro e contro il politicamente corretto… Della solitudine e dell’isolamento il tema dell’argomentare; l’incontro con il professor Giuseppe Tucci a rafforzarne il contenuto.                                                                                                                  

Non intendo, però, far scadere quell’incontro a mero pretesto né ridurre il valore e lo spessore di Tucci a poca cosa per una ‘paginetta’ a cui Bastian Contrario si diletta ormai costretto, tempo e circostanze, ed è quanto gli rimane quale espressione e rapporto con la realtà. Così trascrivo alcune righe, sempre di Tucci e dal medesimo libro che citavo la volta scorsa (Non sono un intellettuale, pag. 229-230, Il Cerchio). ‘… la solitudine mi è sempre apparsa la migliore consigliera ed amica: estingue le diffidenze, i sospetti, quello stato di allarme continuo che, nella vita consociata, per la necessità della difesa e della vigilanza, rendono l’uomo guardingo: la vita all’aria aperta, fra gli alberi o le rocce, sotto il sole o lo stupore freddo della luna, restituisce all’uomo una serenità innocente. Queste città rimbombanti di rumori e stridori e scoppiettii, la corsa obbligata fra mura e rotaie, il necessario incedere a testa china nei lunghi corridoi delle strade che tagliano il cielo a fette, soprattutto il vivere inconsapevoli della Grande Madre comune, privano l’uomo di resistenze fisiche necessarie, logorano i nervi, intossicano lo spirito, ingombrano la mente di cure vane’. Ed altre e ancora significative le citazioni possibili. Come potrei rendere eco a Julius Evola e Meditazioni delle Vette o a Il Monte Analogo di René Daumal e alle tante riflessioni – di sentieri interrotti e l’analogia con la radura e la luce - di Martin Heidegger nella baita a Todtnauberg nella Foresta Nera o nel rivedere alcuni film di Werner Herzog, il regista tedesco, che li volle girare dal vivo e donarsi al rischio e nella temerarietà dei ghiacci e dei picchi innevati e ostili. Sempre Tucci ricordava la tradizione induista che traduceva le cime maestose dell’Himalaya nel sorriso della Terra alle divinità del Cielo.                                                                                                          

Solitudine e isolamento. Sono grato a quei giovani che, nel triste e tristo presente, si affidano alle escursioni quali ‘orientamenti’ per un percorso di rigenerazione oltre il corpo in nome dello spirito. E rammento, quando ancora il passo si credeva sicuro, il sentiero verso l’eremo di Sant’Agapito i boschi delle Alpi bellunesi e – di questo sono grato alla comunità di Littoria – i solstizi sul Semprevisa… Sono grato perché affido i miei giorni oltre l’isolamento attuale, che incatena sì il corpo ma fatica a triturare i sogni e i ricordi tanti (non mi sentivo prigioniero neppure nella cella di isolamento, nei mesi trascorsi a Villa Triste, memore di quel mio fratello allora più grande che, dalla cella n.77 dei condannati a morte, ci invitava a coltivare le virtù della fierezza e della speranza). Così l’incontro con Tucci, la sua propensione alla solitudine sono un ulteriore viatico a coloro che vanno scoprendo il proprio Sé contro i rumori e gli affanni del mondo, non necessariamente trascendendolo, ma contro le sue attuali forme indecenti e servili.

 


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L'antifascismo in assenza di Fascismo

di Adriano Tilgher

Davanti al nulla assoluto della loro presenza e capacità politica ed al loro squallido servilismo nei confronti dell’emissario dei potentati anti italiani, Draghi, tutti i partiti ed i sindacati hanno ritrovato ossigeno e una ragione per esserci nell’antifascismo. L’antifascismo è un rito antico, impostoci con il diktat di pace del 1947 da inglesi, americani, marocchini che ci hanno sconfitti ed occupati il 25 aprile 1945 e non se ne sono più andati. Un rito recepito dalla nostra costituzione nelle norme transitorie e finali che non transitano mai.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Sindacalismo Rivoluzionario

Settembre 1904 con il primo sciopero nazionale prende ufficialmente vita in Italia il "Sindacalismo Rivoluzionario", tra i principali ideologi il francese Georges Sorel e gli italiani Arturo Labriola e Enrico Leone. Il principio fondamentale del sindacalismo rivoluzionario era l'indipendenza sindacale nei confronti sia dei partiti politici che dello Stato. Inizialmente nasce come corrente di sinistra in seno al Partito Socialista per poi distaccarsene nel congresso di Ferrara del 1907, per avviare un lavoro sindacale autonomo, dapprima nelle campagne emiliane, poi nei centri industriali del Nord, e nelle miniere di Puglia e Toscana. I suoi organizzatori più attivi furono Alceste De Ambris e Filippo Corridoni. Nel 1907 a Parma nasce la CGdL, su una idea di Alceste de Ambris. Nel 1912 Filippo Corridoni ed altri, spaccano il movimento creando l'(USI), l'Unione Sindacale Italiana, che aumentò il proprio peso politico diffondendosi specialmente a Milano.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.