Corpi d'aria

Nel 1959 Piero Manzoni espose a Milano Corpi d’aria, entro custodie di legno erano riposti un sacchetto col palloncino, un tubicino, le istruzioni  e accanto alla scatola un tre piedi sul quale fissare il pallone gonfiato dall’acquirente, l’anno seguente le “sculture pneumatiche” saranno Fiato d’artista, le insufflava, a pagamento, c’era il suo respiro di vita nella membrana debitamente firmata con l’impronta digitale. Una provocazione new dada al circo Barnum dell’arte coi suoi beoti sciccosi fruitori della beffa, critici concettuali, collezionisti con in frigo Merda d’Artista, al nulla d’altronde vendi il nulla griffato, fosse l’orinatoio di Marcel Duchamp.

Trasferito al presente quel pneuma sberleffo, par s’ addica al grande gregge, gonfiamo palloncini soffiando forte, li sigilliamo con spago boria scrivendoci sopra l’etichetta, nome, cognome e il titolo: “Valori”, esponendoli poi con vanità sulla bacheca all’ingresso, a mo’ di stemma, con piena libertà di scelta di forme e colori, magari, che so, allusivi al genere percepito o al credo politico, tanto per fare esempi, senza dimenticare di imprimere sul lattice il green-pass a garanzia d’amici e conoscenti, tante volte dovesse uscire un refolino del fiato.

Quei piccoli aerostati, legati a mazzi, di corpi diversi, variopinti, erano un tempo oggetto di desiderio dei piccini, alle feste dei borghi, nelle passeggiate domenicali, l’omino prendeva quello scelto legandolo al polso del bambino, felice l’osservava volteggiare verso il cielo, e già quel cielo al quale, per dispetto, con disappunto, volava leggero diventando un punto seguito naso all’insù non senza una lacrimuccia. I Corpi d’aria di Manzoni, si sa, non volano, gonfiati a fatica col nostro espiro, pesano, non conquisteranno mai l’etere, Icari senza ali ballonzeranno a terra, ingannando i sogni d’aria dei marmocchi, senza la nobiltà dell’elio non gli è dato sfidare l’altezza delle stelle.

Ma i palloncini a fiato scoppiano pure, lasciandoci una larva o appassiscono grinzosi perdendo aria, s’ammosciano, senza gas leggero non s’alzano dai tre piedi e lì s’afflosciano, cruda metafora del nostro tempo “vuoto di senso, senso di vuoto” cantava F. Battiato e non ci sono “Dei che avanzano”. Anzi i templi chiudono, dai minareti s’affacciano sacerdoti della scienza, della tecnica salmodiando un’unica preghiera: adorate il freccia rossa del  Relativismo, la velocità pazzesca del cambiamento assai più bella, intrigante, della Venere di Milo, adorate la lussuria delle cose, la concupiscenza nei grandi magazzini, il voyeurisme dei talk show, l’opinionismo dei blablisti, l’effimero delle bucce senza aprire il pomo, tanto il seme non c’è, l’hanno tolto anche dalla frutta.

Inspiriamo col cervello il nulla espirandolo in colorati palloncini, tanti autoritratti da appendere sui muri del MIN, Museo Internazionale del Nichilismo, vaccinati contro il virus del pensiero, adottiamo il mantice della bocca per gonfiare l’io, esattamente come fanno intellettuali e politici circensi, otri dell’aria fritta, peggio, della banalità inodore, insapore, omogenizzato buon per tutti.

Nel 2016 l’astrofisico Stephen Hawking rilasciava un’intervista al Larry King Now, un talk show, nella quale preconizzava l’autodistruzione dell’umanità minacciata da quattro fattori, inquinamento, avidità, stupidità e intelligenze artificiali “ Una volta che le macchine saranno in grado di migliorare se stesse da sole, non possiamo predire se i loro obiettivi saranno gli stessi dei nostri”. Certamente no in quanto i nostri, d’aria, non avranno peso decisionale a meno che non coincidano.

La cura? Beh riporto un aforisma di Louis-Ferdinand Céline: “La miglior cosa che puoi fare, no?, quando sei a ‘sto mondo, è di uscirne. Matto o no, paura o no”.

Fra Taddeo nel suo piccolo eremo sugli Appennini umbro-marchigiani  ci ammonisce: “Il mondo ha bisogno di fermarsi, smettere di correre a mille” inseguendo la lepre verde del denaro ma poiché è utopia, meglio scendere, cambiare treno e compagnia salendo su un convoglio a vapore lasciando che l’altro si schianti e vaffa...  

Immagine:www.farsettiarte.it


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L'antifascismo in assenza di Fascismo

di Adriano Tilgher

Davanti al nulla assoluto della loro presenza e capacità politica ed al loro squallido servilismo nei confronti dell’emissario dei potentati anti italiani, Draghi, tutti i partiti ed i sindacati hanno ritrovato ossigeno e una ragione per esserci nell’antifascismo. L’antifascismo è un rito antico, impostoci con il diktat di pace del 1947 da inglesi, americani, marocchini che ci hanno sconfitti ed occupati il 25 aprile 1945 e non se ne sono più andati. Un rito recepito dalla nostra costituzione nelle norme transitorie e finali che non transitano mai.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Sindacalismo Rivoluzionario

Settembre 1904 con il primo sciopero nazionale prende ufficialmente vita in Italia il "Sindacalismo Rivoluzionario", tra i principali ideologi il francese Georges Sorel e gli italiani Arturo Labriola e Enrico Leone. Il principio fondamentale del sindacalismo rivoluzionario era l'indipendenza sindacale nei confronti sia dei partiti politici che dello Stato. Inizialmente nasce come corrente di sinistra in seno al Partito Socialista per poi distaccarsene nel congresso di Ferrara del 1907, per avviare un lavoro sindacale autonomo, dapprima nelle campagne emiliane, poi nei centri industriali del Nord, e nelle miniere di Puglia e Toscana. I suoi organizzatori più attivi furono Alceste De Ambris e Filippo Corridoni. Nel 1907 a Parma nasce la CGdL, su una idea di Alceste de Ambris. Nel 1912 Filippo Corridoni ed altri, spaccano il movimento creando l'(USI), l'Unione Sindacale Italiana, che aumentò il proprio peso politico diffondendosi specialmente a Milano.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.