Vuoi lavorare? "Green Pass"

E’ l’ultima trovata anglofona di Mario Draghi e del suo “magnifico” governo di impenitenti “leccapile” dei potenti del mondo.

Ma quanto sono bravi! Quanto sono intelligenti!

Come tutti sappiamo, nella schifosissima società liberista il dogma supremo sono gli “affari” e i principi base, come in tutte le società di diritto mafioso, sono “gli affari sono affari” e “nulla di personale sono solo affari”; in nome di questi principi si legittimano tutti i crimini del mondo dagli omicidi alle stragi, dai sequestri di cose e di persone alle rapine, dalle truffe alle estorsioni, ricatti furti e chi più ne ha, ne metta.

L’ultimo “affare” di carattere planetario è la pandemia. (Quante parole nuove ci insegnano i grandi imbonitori del sistema mediatico che diffondono il verbo esclusivo del “pensiero unico”!).

Infatti un bel giorno, in tutto il mondo, almeno così ci raccontano i media nazionali (potenza della globalizzazione!), si parla di uno strano virus che colpisce la Cina. La storia ormai la conosciamo tutti: certo non sappiamo con certezza se è stato un virus creato in laboratorio o meno e nemmeno sappiamo se a crearlo è stato il Padre Eterno, la Natura o la mano esperta di virologi cinesi, americani, da soli o accompagnati. Però sappiamo sulla nostra pelle, grazie all’insipienza, reale o voluta, dei nostri governi, che il virus è contagioso e letale.

Su questo, un’abile regia sparge a piene mani, contravvenendo alle più elementari norme di gestione delle situazioni pandemiche, terrore e disinformazione sistemica.

Ignoranti della materia, per lo meno in Italia, vengono inseriti in sedicenti comitati scientifici, che gestiscono la situazione con i conseguenti guasti e dal punto di vista sanitario, e dal punto di vista economico, e dal punto di vista sociale, e dal punto di vista comunitario che tutti conosciamo…

In questo quadro confuso, per salvare la situazione, arriva il “salvatore della patria”: Mario Draghi. Questo emissario degli dei che siedono sull’Olimpo come prima cosa ci propina un indebitamento di oltre 200 miliardi di euro la cui restituzione, anche se parziale, ci obbligherà ad intaccare e svendere tutti i nostri risparmi e le nostre proprietà, comuni e non. Questa scelta sconsiderata, avallata da tutti i partiti presenti in Parlamento, porta ad una grande ammucchiata di governo per poter partecipare alla distribuzione delle ricche briciole di quanto arriverà nelle banche italiane con la scusa di una ripresa dell’economia che, se mai arriverà, sarà dovuta esclusivamente alla grande capacità degli Italiani.

Peccato che nel frattempo la UE (Unione Europea), nella sua magnanimità, ha stabilito, come condizione per acconsentire al prestito alle banche di soldi nostri, che abbiamo già versato alla UE per farceli prestare e che noi cittadini dovremo restituire, una serie di riforme e di gravami che snatureranno, qualora realizzate, l’essenza stessa della nostra comunità e renderanno molto difficile la nostra capacità di restituzione.

La seconda genialata è l’istituzione del “lasciapassare verde” che, va detto chiaramente, non è uno strumento per la sicurezza dei cittadini ma serve solo ad incentivare la diffusione dei vaccini. Tanto è vero che all’atto dell’introduzione del “lasciapassare verde”, le società farmaceutiche hanno subito provveduto ad aumentare il vaccino di oltre 5 euro a dose, secondo il principio liberista e mafioso di cui sopra: “gli affari sono affari”.

Che non sia uno strumento per la sicurezza è molto evidente: io, che non sono vaccinato, per ottenere il “lasciapassare” devo fare un tampone che risulti negativo; per cui posso, come sicuramente non contagiato e non contagioso, andare in un luogo chiuso insieme ai vaccinati che, non avendo fatto il tampone, possono essere contagiati, contagiabili e contagiosi, come ritengono concordemente tutti gli scienziati e i tecnici.

Ora, Draghi, lo vuole estendere anche al mondo del lavoro per cui, se vuoi lavorare e mantenere la tua famiglia, devi assolutamente farti le due dosi di vaccino, nella speranza che non diventino solo tre, come stanno decidendo, ma una ogni mese e, magari, una ogni quindici giorni: “nulla di personale sono solo affari”.

 

Immagine: https://www.money.it/


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L'antifascismo in assenza di Fascismo

di Adriano Tilgher

Davanti al nulla assoluto della loro presenza e capacità politica ed al loro squallido servilismo nei confronti dell’emissario dei potentati anti italiani, Draghi, tutti i partiti ed i sindacati hanno ritrovato ossigeno e una ragione per esserci nell’antifascismo. L’antifascismo è un rito antico, impostoci con il diktat di pace del 1947 da inglesi, americani, marocchini che ci hanno sconfitti ed occupati il 25 aprile 1945 e non se ne sono più andati. Un rito recepito dalla nostra costituzione nelle norme transitorie e finali che non transitano mai.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Sindacalismo Rivoluzionario

Settembre 1904 con il primo sciopero nazionale prende ufficialmente vita in Italia il "Sindacalismo Rivoluzionario", tra i principali ideologi il francese Georges Sorel e gli italiani Arturo Labriola e Enrico Leone. Il principio fondamentale del sindacalismo rivoluzionario era l'indipendenza sindacale nei confronti sia dei partiti politici che dello Stato. Inizialmente nasce come corrente di sinistra in seno al Partito Socialista per poi distaccarsene nel congresso di Ferrara del 1907, per avviare un lavoro sindacale autonomo, dapprima nelle campagne emiliane, poi nei centri industriali del Nord, e nelle miniere di Puglia e Toscana. I suoi organizzatori più attivi furono Alceste De Ambris e Filippo Corridoni. Nel 1907 a Parma nasce la CGdL, su una idea di Alceste de Ambris. Nel 1912 Filippo Corridoni ed altri, spaccano il movimento creando l'(USI), l'Unione Sindacale Italiana, che aumentò il proprio peso politico diffondendosi specialmente a Milano.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.